Riconoscere l’ansia post-partum: i modi per affrontarla

Il disturbo d'ansia post-partum colpisce quasi lo stesso numero di mamme con la depressione post-partum. Ecco quali sono i sintomi.

Anche se ci sono caratteristiche comuni, l’ansia post-partum può arrivare all’improvviso o può costruirsi lentamente. Una madre può sviluppare ossessioni e compulsioni (OCD postpartum), o può sperimentare attacchi di panico cronici (disturbo di panico postpartum). Entrambi rientrano nell’ambito dell’ansia post-partum.

Inoltre, non è raro soffrire sia di ansia post-partum che di depressione post-partum. Le due condizioni condividono la prevalenza di diversi sintomi noti e sono – in un certo senso – due lati della stessa medaglia.

Così abbiamo questa tempesta perfetta: una madre inconsapevole dell’ansia postpartum come una condizione reale, un’esitazione a cercare aiuto per paura di farmaci o accuse, la tendenza a cancellare l’ansia come nervi da neo-genitore, e una generale incapacità di distinguere tra ansia postpartum, depressione e tutto il resto dello spettro, come il baby blues.

È ansia post-partum o depressione?

Susan Rannestad, un’ostetrica di New York, suggerisce che l’unico filo conduttore che vede tra le donne che soffrono di ansia post-partum è l’incapacità di prendere decisioni senza guida. È importante ricordare che i sintomi “classici” differiscono in ogni individuo. Un’ossessione potrebbe essere un’intensa e inquietante paura dei coltelli da cucina, o potrebbe essere una costante preoccupazione per la temperatura della stanza.

Le ossessioni spesso portano a compulsioni: nascondere i coltelli, armeggiare ripetutamente con il termostato o forse usare eccessivamente il disinfettante per le mani.

Alcuni di questi comportamenti rientrano nella categoria della preoccupazione del nuovo genitore per il benessere del bambino, ma la frequenza e l’intensità saranno maggiori con la vera ansia post-partum. Ricorda, alcuni dei sintomi dell’ansia post-partum sono simili se non identici a quelli della depressione post-partum, e i due disturbi dell’umore possono mescolarsi nello stesso individuo. È importante chiedere consiglio a un operatore sanitario esperto nella valutazione dei disturbi dell’umore post-partum.

ansia post-partum sintomi

Sentire la pressione

Nuova vita, identità cambiata, maggiore responsabilità, amore travolgente: mettere al mondo un bambino è un grande affare per qualsiasi genitore. Gli alti e bassi ormonali e l’esaurimento aggiungono intensità a uno stato d’animo già elevato. La situazione è ricca di disturbi dell’umore. La pressione crescente per le donne di avere tutto e fare tutto è anche un fattore che contribuisce. Spesso, le donne tornano al lavoro mentre si stanno ancora riprendendo dal parto. Stanno leggendo tutti i libri per genitori, facendo yoga per mamme, gestendo l’associazione genitoriale e lavorando 60 ore a settimana. Sono sempre attive, sempre disponibili per sms, e-mail e social media. Gli standard sono cambiati, e la “nuova normalità” sta prendendo un pedaggio. Le mamme casalinghe non sono esenti da questa sorta di mentalità da superdonna.

Tutte le neo-mamme tendono a mordere più di quanto possano masticare. Come se non bastasse, le famiglie allargate sono frammentate – sia letteralmente che metaforicamente a una distanza maggiore le une dalle altre rispetto a 50 anni fa. I membri della famiglia che venivano da noi con stufati e trucchi per il ruttino vivono in un altro stato o sono occupati con le loro carriere.

Come ottenere aiuto

Per le donne in preda all’ansia post-partum, il trattamento immediato è un must. I farmaci non sono raccomandati per tutti, ed è importante capire che il sollievo arriva in un pacchetto diverso per ogni individuo. Può trattarsi di terapia della parola, l’esercizio, i gruppi di sostegno, gli aiuti per il sonno, l’eliminazione della caffeina ecc. Ci sono molti percorsi verso il benessere, e un terapeuta specializzato in problemi perinatali può aiutare a capire la giusta combinazione.

Al di là del trattamento acuto dell’individuo, la nostra cultura potrebbe beneficiare di una maggiore consapevolezza, compassione e comprensione. Conoscere i segni e i sintomi dell’ansia post-partum può aiutare una persona cara a ottenere il trattamento di cui ha bisogno. Evitare il giudizio e dare una mano può aiutare a far sembrare più luminosa una giornata buia.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sanguinamento post-partum: quello che le mamme dovrebbero sapere

Guaina post-parto: i benefici per le nuove mamme

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • ScatolaUnboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

    Il fenomeno dell’unboxing riscuote un successo sempre maggiore ma, pur essendo perlopiù innocuo, può rappresentare dei rischi per i più piccoli.

Contents.media