Differenze tra la normale preoccupazione e l’ansia post-partum

È normale essere estremamente autocritici sulle proprie capacità genitoriali? Ecco tutto ciò che dovresti sapere...

I segni dell’ansia post-partum possono spesso mescolarsi con le preoccupazioni apparentemente normali. Ecco alcuni consigli per distinguere le due cose e capire cosa fare dopo.

Cos’è esattamente l’ansia post-partum?

Le madri sentono lo stesso istinto feroce di proteggere i loro piccoli a tutti i costi, ma quanta preoccupazione è considerata “normale”? Come genitori, una certa quantità di ansia è una buona cosa per aiutare a proteggere i nostri figli e anticipare i pericoli per evitare che accadano.

Per esempio, la ricerca di pratiche di sonno sicure, l’applicazione della crema solare ai nostri figli, l’indossare giubbotti di salvataggio o galleggianti o il doppio controllo per assicurarsi che il seggiolino auto sia installato correttamente. Queste sono tutte misure proattive positive che possono derivare da una sana dose di preoccupazione.

Un segno di ansia eccessiva si verifica quando i pensieri intrusivi, preoccupanti o catastrofici su qualcosa che accade al tuo bambino sono così regolari che ti trovi in un costante stato di disagio mentale.

Quali sono i sintomi della PPA?

Il tipo più comune di PPA è il Disturbo d’Ansia Generalizzata. I sintomi dell’ansia generalizzata grave possono includere:

  • Catastrofizzazione costante (pensare agli scenari peggiori, anche se improbabili)
  • Una sensazione cronica di qualcosa di brutto che sta per accadere
  • Essere estremamente autocritici sulle capacità genitoriali o su qualsiasi piccolo errore
  • Pensieri a spirale di qualsiasi pericolo o danno potenziale per il bambino
  • Irritabilità persistente, specialmente quando non si è in grado di identificare ciò che è sbagliato
  • Ipervigilanza (controllo eccessivo del bambino)
  • Mancanza di fiducia per chiunque altro si occupi del bambino
  • Richiesta di continue rassicurazioni sul benessere del bambino
  • Evitare scenari comuni o apparentemente innocui perché preoccupati per la sicurezza del bambino
  • Ossessione per il futuro
  • Sperimentare una forte ansia quando si è separati dal bambino, anche per un breve periodo

ansia post-partum sintomi

Quest’ansia può anche manifestarsi con sintomi fisici, come:

  • Insonnia (sia addormentarsi che rimanere addormentati)
  • Tensione muscolare estrema
  • Mal di stomaco
  • Respirazione superficiale o rapida
  • Cambiamenti nell’appetito
  • Battito cardiaco aumentato o accelerato
  • Attacchi di panico
  • Vertigini
  • Aumento della sudorazione

È importante notare che questi sintomi possono verificarsi anche prima che il bambino sia nato. L’ansia perinatale si verifica quando l’ansia eccessiva inizia durante la gravidanza, piuttosto che nel postpartum. Le donne che hanno precedentemente sperimentato l’aborto sono anche a un rischio maggiore per l’ansia perinatale.

Perché sto sperimentando così tanta ansia dopo essere diventato genitore?

Ci sono una varietà di ragioni che possono entrare in gioco. I grandi cambiamenti ormonali dopo il parto, la mancanza di sonno e una predisposizione all’ansia o al disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) sono tutti ingredienti che possono contribuire a una maggiore ansia post-partum. Un altro fattore è l’estrema vulnerabilità che va di pari passo con l’amare così tanto un bambino. Con quell’amore, c’è anche una grande paura che qualcosa di terribile accada al piccolo. I genitori possono trovarsi a visualizzare o o a “fare le prove generali” della tragedia come meccanismo di difesa per cercare di prepararsi nel caso in cui accada l’impensabile.

ansia post-partum consigli

La ricercatric Brené Brown, Ph.D., spiega perché così tanti genitori possono avere pensieri catastrofici sui loro figli: “Quando siamo sopraffatti dall’amore ci sentiamo vulnerabili, così facciamo le prove della tragedia. Sebbene io studi emozioni spaventose come la rabbia e la vergogna per vivere, penso che l’esperienza umana più terrificante sia la gioia. È come se ci stessimo preparando a un tradimento, provando veramente la felicità. Il problema è che preoccuparsi di cose che non sono successe non ci protegge dal dolore. Chiedete a chiunque abbia vissuto una tragedia: vi dirà che non c’è modo di prepararsi”.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Impacchi freddi post-partum: come realizzarli in casa

Depressione dopo il parto: come farsi aiutare

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contents.media