Preziosi consigli per lasciare il bambino senza impazzire

Sappiamo quanto sia difficile lasciare il vostro piccolo quando l'istinto materno e protettivo è in fibrillazione. Tuttavia, una pausa occasionale può essere assolutamente liberatoria.

Lasciare il bambino e occuparsi delle proprie faccende senza rischiare di impazzire può essere difficile. L’ansia da separazione non riguarda solo i bambini. Credetemi, so quanto sia difficile lasciare il vostro piccolo quando il vostro istinto materno e protettivo è in fibrillazione.

Tuttavia, una pausa occasionale può essere assolutamente liberatoria. Allontanarsi vi dà la possibilità di ricordare chi siete senza un bambino al vostro fianco e di rilassarvi.

Se è la prima volta che lasciate il bambino a una baby sitter, iniziate con un pomeriggio di shopping o una serata di appuntamenti. Una volta che vi sarete sentite a vostro agio e vi sarete rese conto che il bambino può sopravvivere a qualche ora di lontananza da voi, prendete in considerazione l’idea di fare un viaggio nel fine settimana.

Vi assicuriamo che tornerete ringiovanite!

Come lasciare il bambino senza impazzire

Scegliete una persona di fiducia

Lasciarsi alle spalle il bambino è sempre fonte di ansia, ma se sapete di poter contare sulla vostra baby sitter, vi sentirete molto più tranquille. Se non avete amici o parenti a cui chiedere una mano, chiedete loro di consigliarvi una babysitter. Il passaparola è spesso il modo migliore per trovare una persona affidabile. Potete anche prendere in considerazione un’assistente all’infanzia che il vostro bambino conosce già, dall’asilo nido, dalla chiesa o dalla palestra.

È assolutamente accettabile invitare la babysitter per un incontro e un saluto prima di programmare una sessione ufficiale. In questo modo avrete la possibilità di conoscere la vostra futura baby sitter, di presentarle il bambino e di vedere come interagiscono tra loro.

come lasciare il bambino

Conoscere l’ambiente

La vostra baby sitter viene da voi? Favoloso! Anche se il bambino si sveglierà con un volto sconosciuto, l’ambiente che lo circonda sarà il solito. Fate fare alla vostra baby sitter un giro della casa, indicandole i nascondigli per i pannolini e avvertendola di eventuali aree a prova di bambino (ad esempio, tenere un bambino che gattona lontano da cavi e materiale di pulizia). Assicuratevi che sappia come utilizzare l’attrezzatura, compresi seggiolino, seggiolino auto e passeggino.

Lasciare istruzioni

Una gita pomeridiana alle terme potrebbe richiedere solo poche note di istruzioni, mentre un weekend fuori porta potrebbe richiedere un documento più lungo. Lasciate tutti i dettagli necessari per sentirvi a vostro agio. Quando si tratta di sicurezza, nessuna istruzione è mai troppa! Ma se vi ritrovate a lasciare note inutilmente pignole sul colore che il bambino deve indossare e su come deve acconciarsi i capelli, forse state facendo un po’ di micromanagement.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gli effetti collaterali della gravidanza di cui nessuno parla

La cena con gli amici durante la gravidanza: come comportarsi

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • ScatolaUnboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

    Il fenomeno dell’unboxing riscuote un successo sempre maggiore ma, pur essendo perlopiù innocuo, può rappresentare dei rischi per i più piccoli.

Contents.media