Come rendere più facile il periodo post-partum

Non è il momento di dimostrare che puoi farcela da sola. Questi consigli ti aiuteranno a superare con facilità un periodo così complesso.

Rendere più facile il periodo post-partum è più semplice di quanto pensi, ma è necessario apportare alcuni cambiamenti al tuo stile di vita e prestare attenzione ad alcuni fattori. Ecco tutto ciò che dovresti sapere.

Come rendere più facile il periodo post-partum

Abbassa le tue aspettative

Forse di solito spazzi i pavimenti una volta al giorno o cucini un pasto fatto in casa dal lunedì al venerdì. Metti a riposo queste regole per qualche settimana (o mese) finché non ti sarai adattata alla tua nuova normalità.

“Indossa” il tuo bambino

È logico che il tuo nuovo arrivato voglia stare con te costantemente – voi due siete stati inseparabili negli ultimi nove mesi.

Prendi confidenza con una fascia o un’imbracatura il prima possibile, così puoi coccolare il tuo piccolo e avere le mani libere per fare cose come mangiare un panino.

Controlla i tuoi visitatori

Probabilmente avrai una fila di persone desiderose di incontrare il tuo delizioso neonato. Ma a meno che non siano altrettanto desiderosi di piegare il bucato, caricare la lavastoviglie e portarti da mangiare, dì loro che ti farai sentire quando sarai in grado di avere compagnia.

Ricorda che è di vitale importanza chiedere e ricevere aiuto, quindi non farti problemi ad essere sincera.

come rendere più facile il periodo post-partum

Appoggiati al tuo partner

Non è il momento di dimostrare che puoi farcela da sola. Lascia che il tuo partner cambi il pannolino del bambino, rinfreschi l’acqua e scriva note di ringraziamento per i regali del piccolo. Sarà entusiasta di contribuire, e tu sarai felice di avere qualcosa fuori dal tuo piatto.

Come riconoscere l’ansia post-partum

Susan Rannestad, un’ostetrica di New York, suggerisce che l’unico filo conduttore che vede tra le donne che soffrono di ansia post-partum è l’incapacità di prendere decisioni senza guida. È importante ricordare che i sintomi “classici” differiscono in ogni individuo. Un’ossessione potrebbe essere un’intensa e inquietante paura dei coltelli da cucina, o potrebbe essere una costante preoccupazione per la temperatura della stanza.

Le ossessioni spesso portano a compulsioni: nascondere i coltelli, armeggiare ripetutamente con il termostato o forse usare eccessivamente il disinfettante per le mani. Alcuni di questi comportamenti rientrano nella categoria della preoccupazione del nuovo genitore per il benessere del bambino, ma la frequenza e l’intensità saranno maggiori con la vera ansia post-partum. Ricorda, alcuni dei sintomi dell’ansia post-partum sono simili se non identici a quelli della depressione post-partum, e i due disturbi dell’umore possono mescolarsi nello stesso individuo. È importante chiedere consiglio a un operatore sanitario esperto nella valutazione dei disturbi dell’umore post-partum.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come cambia il corpo dopo il parto: tutti i dettagli

Sopravvivere alle prime sei settimane dopo il parto: la guida

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • ScatolaUnboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

    Il fenomeno dell’unboxing riscuote un successo sempre maggiore ma, pur essendo perlopiù innocuo, può rappresentare dei rischi per i più piccoli.

Contents.media