Come sono le contrazioni del travaglio: tutti i dettagli

Ecco alcuni consigli e approfondimenti su ciò che dovete sapere sulle contrazioni e sui dolori del travaglio.

Una delle domande più grandi per molte mamme in attesa per la prima volta è: come sono davvero le contrazioni? Cosa ci si può aspettare e quanto sarà grave il travaglio? La risposta? Onestamente, come per molte altre cose legate al bambino, dipende! Ma ci sono alcune cose generali da sapere sul travaglio che possono aiutarvi a prepararvi per il grande giorno.

Ecco alcuni consigli e approfondimenti su ciò che dovete sapere sulle contrazioni e sui dolori del travaglio.

Come sono le contrazioni e i dolori del travaglio?

Le contrazioni del travaglio, soprattutto nelle prime fasi, possono assomigliare molto ai crampi mestruali. In genere si avvertono ondate di dolore nella parte bassa dell’addome, nella schiena o in tutto il ventre. Con il progredire del travaglio, le contrazioni diventeranno più lunghe e più forti, al punto che probabilmente vi toglieranno il respiro, vi renderanno difficile parlare e/o camminare o muovervi.

Alcune mamme sperimentano anche il travaglio di ritorno, in cui il dolore è più concentrato nella parte bassa della schiena. Il travaglio posteriore è in genere causato dalla posizione del bambino e può essere un po’ più doloroso perché il dolore può continuare anche tra una contrazione e l’altra.

Quali sono le diverse fasi del travaglio?

Le contrazioni si intensificano man mano che si passa da una fase all’altra del travaglio.

Quali sono esattamente le diverse fasi del travaglio?

Il primo è il travaglio precoce. In questa fase, il collo dell’utero inizia a dilatarsi e ad assottigliarsi o a dileguarsi. Il travaglio precoce può durare giorni o ore, quindi è difficile valutare esattamente come vi sentirete durante il travaglio. In genere, però, durante le prime fasi del travaglio, le contrazioni saranno piuttosto lievi e potreste avvertire un dolore simile ai crampi mestruali. Quando il travaglio inizia a progredire, le contrazioni diventano più regolari, molto più forti dei tipici crampi e dolorose nella parte posteriore e anteriore della pancia.

La fase successiva, il travaglio attivo, è quella in cui le cose iniziano ad essere molto concrete. Il dolore si intensifica e le contrazioni diventano più lunghe e regolari, con una frequenza di 5 minuti o meno e una durata di un minuto o più. Questa è la fase in cui le cose si muovono davvero e la cervice si dilata da 4 a 10 cm.

L’ultima parte del travaglio attivo – la transizione – è quella che molte donne descrivono come la parte più intensa del travaglio. Le contrazioni sono molto ravvicinate. Può sembrare che passino costantemente dall’una all’altra senza alcuna pausa. Per fortuna, la transizione è una fase relativamente breve, che di solito dura da 15 minuti a un’ora.

Come sono le contrazioni travaglio

Come si fa a sapere quando si è effettivamente in travaglio?

La durata e la consistenza delle contrazioni sono uno dei modi più importanti per determinare quando le doglie sono reali. Il medico o l’ostetrica di solito vi daranno una linea guida su quando chiamarli, in base ai tempi delle contrazioni. Confermate sempre con loro, ma la regola generale che vi viene data su quando recarvi in ospedale – o almeno sapere che il travaglio è in corso – è quando raggiungete il 5-1-1. Questo significa che le contrazioni durano 5 minuti. Ciò significa che sono a distanza di 5 minuti l’una dall’altra, durano 1 minuto ciascuna e hanno un andamento regolare nell’arco di un’ora. Attenzione a non confonderle con le contrazioni di Braxton Hicks.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sindrome del tunnel carpale in gravidanza: cosa bisogna sapere

Crampi all’inizio della gravidanza: è normale?

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media