Sindrome del tunnel carpale in gravidanza: cosa bisogna sapere

Anche se può colpire i nervi, è qualcosa che si può gestire in modo efficace se ci si documenta correttamente.

Alcune donne sviluppano la fastidiosissima sindrome del tunnel carpale in gravidanza. Anche se può colpire i nervi (letteralmente), è qualcosa che si può gestire in modo efficace se ci si documenta correttamente. Per aiutarvi a farlo, ecco tutto quello che c’è da sapere su questa sindrome.

Cos’è la sindrome del tunnel carpale in gravidanza?

Il tunnel carpale è una galleria nella zona del polso tra i legamenti e le ossa. È costituito da uno stretto passaggio verso il lato del palmo della mano attraverso il quale scorre il nervo mediano. Se il nervo mediano, che va dal collo alle spalle fino alle dita, viene compresso all’interno del tunnel carpale, si verifica la sindrome del tunnel carpale.

La sindrome del tunnel carpale è associata a intorpidimento dei polsi e delle dita e può provocare un disagio che rende difficili le attività quotidiane. Può manifestarsi in una o entrambe le mani. Secondo uno studio condotto dal National Institute of Health, il 50% delle donne incinte che vi hanno partecipato presentava questa sindrome in entrambe le mani.

Cosa aumenta il rischio di sindrome del tunnel carpale in gravidanza?

Sovrappeso o obesità – Alle donne in sovrappeso durante la gravidanza viene diagnosticata più frequentemente la sindrome del tunnel carpale.

È quindi fondamentale tenere sotto controllo il peso e fare più esercizio possibile.

Diabete o ipertensione – Il diabete e l’ipertensione in gravidanza possono provocare gonfiore e ritenzione di liquidi, condizioni che danno origine alla sindrome. Quindi, siate consapevoli di ciò che immettete nel vostro corpo e provate terapie di rilassamento per scaricare lo stress.

Gravidanze precedenti – La rilessina, l’ormone che dilata la cervice e il bacino per il parto, è presente in quantità maggiori durante le gravidanze successive. Questo può causare l’infiammazione del tunnel carpale.

Sintomi del tunnel carpale

Ecco alcuni sintomi comuni che si possono manifestare in caso di sindrome del tunnel carpale:

  • Formicolio e intorpidimento di polso, mano e dita
  • Aumento del fastidio alla mano (o alle mani) durante la notte
  • Dolore e sensazione di pulsazione
  • Gonfiore alle dita e al palmo della mano
  • Difficoltà a svolgere attività motorie
  • Difficoltà ad afferrare saldamente gli oggetti
  • Dolore irradiato alle braccia e alle spalle
  • Debolezza

Trattamento

Il trattamento della sindrome del tunnel carpale deve iniziare non appena viene diagnosticata. Assicuratevi inoltre che sia un medico di fiducia a suggerirvi il trattamento. Per cominciare, eccone alcuni:

Metodi non chirurgici

Uso di impacchi freddi – Utilizzate impacchi freddi se notate gonfiore o arrossamento nel polso. Inoltre, interrompere tutte le attività se si notano questi sintomi e riposare la mano il più possibile.

Farmaci antinfiammatori – Se il polso è gonfio e provoca molto disagio, il medico può suggerire l’assunzione di farmaci antinfiammatori per alleviarlo. Tuttavia, i farmaci non steroidei come l’ibuprofene, l’aspirina, ecc. alleviano il dolore solo temporaneamente. Quindi, assicuratevi di lasciare la mano a riposo finché la sindrome non sarà completamente trattata. Inoltre, non assumete farmaci da banco senza aver consultato il medico o l’ostetrica.

sintomi tunnel carpale in gravidanza

Steccatura – Il medico può suggerire di indossare un tutore durante il sonno notturno, perché è proprio in questo momento che la sindrome provoca il maggior disagio.

Terapie – Oltre ai farmaci antidolorifici, si può optare per l’agopuntura e la chiropratica.

Yoga – Lo yoga è molto consigliato perché migliora la presa e rafforza i nervi e i muscoli.

Guanti di rame a compressione – I guanti di rame a compressione sono noti per regolare la circolazione sanguigna e mantenere l’apporto di ossigeno. Questo migliora la mobilità, riduce la rigidità e rende indolori le attività quotidiane. Inoltre, le proprietà antiodore e antimicrobiche del rame distruggono i microrganismi patogeni al contatto, proteggendo così da infezioni e malattie.

Metodi chirurgici

Il medico può richiedere un intervento chirurgico per la STC se i sintomi persistono. L’intervento prevede il taglio di un legamento, che riduce la pressione sul nervo mediano. Il chirurgo seguirà uno di questi due metodi:

Chirurgia di rilascio a cielo aperto – Questa procedura per il trattamento della STC prevede un’incisione di 5 cm nel polso e l’allargamento del tunnel carpale mediante il taglio del legamento carpale. Questo intervento è rapido e può essere eseguito in regime ambulatoriale.

Chirurgia endoscopica – La chirurgia endoscopica è associata a un minor disagio post-operatorio e a un maggior rischio di complicazioni chirurgiche. Comporta l’esecuzione di incisioni di mezzo centimetro ciascuna nel polso e nel palmo della mano. Successivamente, il chirurgo inserirà una telecamera collegata a un tubo per osservare i tendini, i legamenti e i nervi. Poi, se necessario, il chirurgo taglierà il legamento carpale con un coltellino inserito nel tubo.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nomi di bambina che iniziano per C: dai più semplici ai più particolari

Come sono le contrazioni del travaglio: tutti i dettagli

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media