Notizie.it logo

Come favorire il concepimento: guide e aiuti

Come favorire concepimento

Se hai problemi a rimanere incinta, ecco alcuni consigli su come favorire il concepimento, quali sono le guide da leggere ed i prodotti da usare.

Finalmente tu ed il tuo compagno vi siete decisi ad avere un bambino, ma sono ormai alcuni mesi che ci state provando ed ancora niente? Nessun problema, molto spesso il concepimento non avviene per cause davvero molto banali. Sai qual’è la prima di queste cause? La donna non si conosce e non sa quando è il suo periodo fertile.

Non sono bugie. Molte coppie tentano di avere un bambino, ma poi scoprono che hanno rapporti non protetti nei giorni sbagliati del mese e quindi quando la donna non è fertile. Conoscere la propria ovulazione, i suoi sintomi e tutto ciò che è strettamente legato ad essa è uno dei modi per favorire il concepimento.

Sapere esattamente quali sono i giorni dell’ovulazione, vuol dire avere rapporti mirati per il concepimento ed evitare che passino mesi di stress e pianti, durante i quali ci si dispera all’arrivo delle mestruazioni. Stress ed ansia, lo sappiamo bene, sono i nemici numero uno del concepimento.

Provare ad aver un bambino vuol dire stare sereni, rilassati, concedendosi dei momenti di relax e sesso con il proprio partner collegati non solo all’idea del concepimento, ma anche al desiderio di stare insieme. Approfondiamo ora il tema concepimento, andando a leggere come favorirlo, quali sono le guide da leggere per saperne di più e se esistono in commercio creme e pillole che favoriscono il concepimento.

Favorire il concepimento

Per favorire il concepimento, ammesso che non ci siano particolari patologie che impediscono la fecondazione, bisogna stare attenti ad alcuni segnali che il corpo umano manda. Come abbiamo anticipato sopra individuare il proprio periodo di ovulazione è fondamentale. Se fino a questo momento non abbiamo mai prestato attenzione ai segnali del nostro corpo è bene iniziare ad utilizzare gli stick ovulazione che si trovano in commercio e quando lo stick ci avvisa dei giorni fertili, prendere nota dei segnali come ad esempio la presenza del muco cervicale o l’aumento del desiderio sessuale e orgasmi.

Ecco che riconoscere questi due segnali, vuol dire già in qualche modo favorire il concepimento, avendo rapporti sessuali mirati. Attenzione però agli errori. Ad esempio il muco cervicale, un muco gelatinoso che solitamente fuoriesce quando si va al bagno e di consistenza gelatinosa, cambia le sue proprietà, ad esempio quando il periodo è fertile diventa più acquoso per favorire l’ingresso degli spermatozoi, ma quando non è periodo si trasforma e fa invece da barriera.

Altro metodo per individuare il periodo fertile è la misurazione della temperatura basale, una sorta di diario da compilare in un mese, tutti i giorni, dove vengono annotate le temperature giornaliere che la donna ha al mattino, ancor prima di alzarsi dal letto. In seguito all’ovulazione infatti, la temperatura del corpo aumenta di mezzo grado. I ginecologi sono concordi nel ritenere che, una volta individuata l’ovulazione, è bene avere rapporti sessuali entro le 48 ore.

Guide

Esistono delle guide al concepimento che benché si focalizzino tutte su questo argomento, lo affrontano in maniera diversa.

Alcune di esse trattano il concepimento in senso basico e quindi da un punto di vista meramente scientifico e di calcolo, altre da un punto di vista psicologico ed emotivo ed altre ancora suggerendo quali sono i cibi da mangiare per favorire il concepimento.

1. Il segreto del concepimento

Il segreto del concepimento è un libro scritto da Isella Maria Melone, una signora che diede tutta sé stessa per diventare una ostetrica condotta, andando anche contro la sua famiglia. Attraverso le pagine di questo libro la Melone racconta il suo lavoro, attraverso aneddoti ed esperienze e fa importanti riflessioni personali sul concepimento e sul lavoro in generale delle ostetriche.

2. Concepimento e gravidanza dopo i 35 anni

Un tema molto attuale, soprattutto perché in questi ultimi anni la tendenza ad avere i figli dopo i 35 anni è sempre più diffusa. Una guida al concepimento dedicata alle mamme che avranno un figlio dopo questa età, con tutte le informazioni sulla gravidanza, sugli esami da affrontare e sui rischi che si corrono.

3.

Con un bacio resto incinta?

Un libro da leggere per sdrammatizzare un pò sul concepimento, soprattutto se tarda un pò ad arrivare. Marta e Piero gli autori hanno raccolto in questo libro le domande più assurde e divertenti che le persone pongono sui social network, sui giornali o sui blog che trattano l’argomento. Un libro davvero divertente per fare quattro risate in allegria.

Creme

Da diversi anni vengono vendute delle creme o meglio dei gel per il concepimento, studiati e realizzati appositamente per unirsi al liquido spermatico, e garantire la sopravvivenza degli spermatozoi e di conseguenza favorire il concepimento. Ma come funzionano i gel lubrificanti per il concepimento? Se prendiamo direttamente la descrizione dei uno dei più famosi di questi gel, ovvero Conceive Plus, saremo in grado di capire meglio come agiscono:”grazie alla perfetta osmosi tra pH specifico (tra 7.0 e 8.5) ed elettroliti, si verifica una condizione necessaria alla sopravvivenza degli spermatozoi, anche a quelli più sensibili ai livelli di osmolarità (ossia alla concentrazione di sale in una soluzione) e alla fecondazione.Il processo è favorito, inoltre, dall’assenza di inibitori pericolosi, quali l’EDTA, o di alcuni zuccheri complessi che possono interferire con il buon esito del concepimento.” Ecco quali sono i gel per il concepimento e le loro caratteristiche:

1.

Lubrificante per la fertilità Conceive Plus, tubetto multiuso 75 ml

Conceive Plus è uno dei lubrificanti per il concepimento più conosciuti e raccomandati, che favorisce la fertilità ed è dotato di pratici applicatori pre-riempiti da utilizzare nei giorni fertili, per garantire un livello di pH favorevole alla sopravvivenza ed alla motilità degli spermatozoi.

2. Pre- Seed Lubrificante vaginale multiuso pre-concepimento, per fertilità, tubo con 9 applicatori da 40 g

Il lubrificante per il concepimento Pre-Seed è sicuro, anzi, è stato il primo ad esser stato dichiarato “sicuro”, non danneggia gli spermatozoi e mantiene il giusto pH per il loro ingresso e la loro sopravvivenza. Contiene la pianta da zucchero arabinogalattano, per supporto antiossidante degli spermatozoi. La confezione è composta da 9 pratici applicatori.

3. Yes Baby Fertility Friendly Lube 10 x 5ml

Il lubrifucante Yes Baby permette al pH interno di non alterare l’ambiente vaginale durante l’0vulazione, così da non intralciare l’ingresso e la permanenza degli spermatozoi. Il kit contiene: 7 applicatori sperma-friendly da 5 ml, 3 applicatori da usare dopo l’ovulazione da 5 ml, 5 test di ovulazione e le istruzioni per l’utilizzo.

Pillole

E dopo le guide e le creme, terminiamo questa guida al concepimento con le pillole. Esistono infatti delle pillole che favoriscono il concepimento e sono dei veri e propri integratori che aumentano la fertilità sia maschile che femminile. E’ chiaro che queste pillole che favoriscono il concepimento non promettono miracoli, ma in alcune situazioni possono aiutare la gravidanza.

1. MACA 100% 60CPR – Pharmalife

La Maca è una pianta che nasce nelle Ande, in Perù e Bolivia, sopra i 3000 metri di altitudine, conosciuta anche come ginseng peruviano. Da sempre questa pianta è famosa per le sue proprietà energizzanti ed afrodisiache e favorisce l’aumento del liquido seminale, la qualità e la mobilità degli spermatozoi.

2. Solgar Alimento B Integratore Alimentare, 50 Capsule

Solgar è un integratore alimentare a base di vitamina B, una vitamina fondamentale per la fertilità e che è scarsa in caso di strees o ansia. Ad esempio la carenza di vitamina B1, è causa di mancata ovulazione, la carenza di vitamina B2 è causa di sterilità. Quindi assumere la vitamina B se si è deciso di avere una gravidanza, favorisce il concepimento.

3. Magnesio Marino. Per combattere contro fatica e stress! Pillole vegetali, vegane e 100% naturali

Il magnesio è un minerale importantissimo in caso di desiderio di maternità, la carenza di magnesio nel corpo è infatti associata all’infertilità ed al rischio di aborto. Per gli adulti il fabbisogno è tra i 350 e i 400 mg.

4. La vitamina A e D3, 10,000 – 400 UI, 90 capsule – Natura più di

La vitamina E, come la B, sono fondamentali per favorire il concepimento ed è indispensabile che il corpo ne assuma la giusta quantità. La vitamina E infatti aiuta l’ovulazione femminile e fa si che gli spermatozoi maschili siano forti e resistenti per intraprendere il viaggio verso il concepimento.

5. Olio di Enotera 500mg con Vitamina E naturale – spremuto a freddo – 100 softgels

L’olio di Enotera si estrae da una pianta, la Oenothera biennis, che cresce su molti terreni dell’Europa. Questo olio, oltre ad essere un ingrediente molto utile alla pelle assicurandone l’elasticità,aiuta la fertilità femminile. La sua assunzione migliora infatti la qualità del muco cervicale per trattenere gli spermatozoi vivi in vagina e regolarizza ciclo ed ovulazione.

In conclusione, quando si decide di avere un bambino è importante prima di tutto conoscere il proprio corpo ed i segnali che esso ci trasmette. Sapere quali sono i giorni dell’ovulazione e del periodo fertile, vuol dire sapere quando avere rapporti mirati che aumentano le probabilità di rimanere incinta. Inoltre ansia e stress non aiutano ad avere un bambino, quindi meglio dedicarsi ad attività, prima fra tutte lo sport, che in qualche modo alleviano la tensione sia psicologica che muscolare. In una condizione di stress psicologico, il corpo risponde con un irrigidimento che non favorisce il concepimento.

Utile può essere poi la lettura di una guida al concepimento, per approfondire l’argomento e reperire quanti più consigli utili. Infine esistono in commercio integratori e creme, che costituiscono un valido aiuto al desiderio di gravidanza, ma che comunque non devono essere pensati come ingredienti miracolosi. Un ultimo consiglio, importantissimo, se si sta provando già da un pò ad avere un bambino, soprattutto se si sono superati i 35 anni di età, è sempre meglio rivolgersi quanto prima ad un ginecologo, che saprà come affrontare la situazione, effettuando subito gli esami di rito.

© Riproduzione riservata
Leggi anche