Notizie.it logo

se lui non vuole avere un figlio

se lui non vuole avere un figlio

E’ inevitabile che, prima o poi, arriva un momento nella vita di una donna, in cui sente il bisogno di formare una propria famiglia accanto all’uomo che ama. Spesso dicono che le donne maturano prima degli uomini e sicuramente l’istinto materno è qualcosa di innato e propria dell’indole femminile.

Capita, pertanto, che le esigenze femminili non coincidano pienamente con quelle maschili e questo può provocare delle divergenze e dei contrasti all’interno della coppia, che si trova ad affrontare una situazione a tratti “scomoda”, sicuramente difficile.

Il primo passo da compiere, come in ogni eventuale problema di coppia, è quello di essere aperte al dialogo, aperte a comprendere quelle che sono le paure, i timori e le motivazioni per cui il compagno non si sente pronto ad avere figli.

Solitamente i motivi sono legati alla vita pratica, alla poca disponibilità economica, all’incertezza del futuro e a problemi eventuali nel crearsi una carriera, trascurando la propria famiglia. A volte tutto questo sembra essere un pretesto che nasconde una grande paura di fondo. La paura di assumere un ruolo completamente nuovo, la paura di ricoprire un ruolo estremamente delicato.

E’ fondamentale lasciare al proprio compagno del tempo per riflettere, senza alcuna pressione. E’ importante che non si senta ricattato, messo alle strette, ed è altrettanto importante che non si metta in discussione il suo amore e i suoi sentimenti. La scelta di avere un bambino non può essere una sfida o un “contentino”. Dev’essere una decisione presa con piena convinzione e consapevolezza.

Esistono anche vere e proprie terapie di coppia con la mediazione di una terza persona, esperta nel campo, che potrebbe aiutarvi a tirar fuori le paure o le motivazioni più segrete.

A questo punto il campo del confronto sarebbe completamente aperto, a 360°, oltre ad avere il parere e la consulenza di una terza persona, che rimarrà pur sempre un consiglio e non una verità assoluta.

E’ infine importante capire se questi due punti di vista completamente differenti potrebbero un giorno incontrarsi. E’ giusto capire se la scelta del compagno è definitiva e senza possibilità di cambiamento, ed è altrettanto giusto comprendere se si è disposte ad accettare questa situazione.

D’altra parte si sa, la scelta di avere un figlio non è una scelta obbligata, ma di sicuro coinvolge due persone e la loro propria e individuale libertà. Se il compagno non si sente pronto, adeguato o in grado di avere un figlio deve trovarsi nella completa libertà di esprimersi, così come ugualmente la parte femminile sarà libera di prendere le proprie decisioni in merito.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • Papà a tempo pieno e mamme in carrieraChi è e cosa fa un papà a tempo pieno?

    Un papà a tempo pieno è un genitore che dedica totalmente il suo tempo extra lavoro alla cura dei suoi figli, dando presenza, pazienza e tempo, azioni che di solito sono riconosciute alle sole madri.