Notizie.it logo

Zone erogene femminili

Zone erogene femminili

Per aumentare il piacere della propria compagna è bene conoscere le sue zone erogene.
Facile direte voi maschietti…. ma a giudicare dalle tantissime lamentele delle donne in merito alla vostra reale “localizzazione” delle loro parti ” più sensibili” forse così facile facile non è.
Ma non preoccupatevi, qualche suggerimento ve lo diamo noi.
In primo luogo per non essere troppo arditi cominciate con l’accarezzare i capelli della vostra lei ( certo non quando è appena uscita dal parrucchiere!).
Baciateli, accarezzateli, e giocateci: sarà un modo dolce per farle capire che vorreste un po’ di privacy in più.
Baciatele viso e labbra dapprima dolcemente poi con maggiore intensità.
A seguire le parti da accarezzare e “risvegliare”e saranno:
orecchie, collo e spalle;
braccia e mani; spesso l’interno delle braccia e, soprattutto, l’incavo del gomito sono punti molto sensibili;
Arriviamo poi alle zone erogene più comuni:
seno; non è un segreto che il seno è una delle principali zone erogene del corpo femminile;
schiena e interno coscia: la schiena è piena di punti sensibili, quindi massaggiatela e baciatela a lungo.

E per finire non trascurate il perineo, ed il clitoride, la zona erogena per eccellenza.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • Papà a tempo pieno e mamme in carrieraChi è e cosa fa un papà a tempo pieno?

    Un papà a tempo pieno è un genitore che dedica totalmente il suo tempo extra lavoro alla cura dei suoi figli, dando presenza, pazienza e tempo, azioni che di solito sono riconosciute alle sole madri.