Terapia di riabilitazione pelvica: un aiuto per i fastidiosi sintomi post-partum

Questi muscoli devono essere riequilibrati in modo da poterli contrarre e rilassare quando è necessario.

La riabilitazione pelvica è un tipo di terapia fisica che può essere molto utile per le mamme dopo il parto. La gravidanza e il parto possono danneggiare i muscoli e il tessuto connettivo del pavimento pelvico, causando tutti i tipi di sintomi scomodi e fastidiosi per le donne dopo il parto.

Il pavimento pelvico si estende tra l’osso pubico e l’osso sacro e accoglie la vescica, l’intestino e l’utero. I muscoli del pavimento pelvico permettono di trattenere l’urina e le feci – e di rilasciarle – quando è necessario. Aiutano anche a contrarre e rilassare la vagina durante il sesso.

Quando i muscoli del pavimento pelvico sono tesi o deboli, possono causare sintomi fastidiosi o persino dolore. Un uroginecologo o un fisioterapista del pavimento pelvico (PT) può valutare questi muscoli e determinare se stanno contribuendo ai tuoi sintomi.

In questo caso, il PT può lavorare per rilasciare i trigger point – aree in cui i tessuti sono bloccati insieme piuttosto che scorrere facilmente l’uno contro l’altro. Il PT ti insegna anche a fare esercizi a casa per aiutarti a rilassare i muscoli che sono tesi e rafforzare i muscoli che sono deboli.

Com’è la terapia di riabilitazione pelvica?

La terapia fisica per la riabilitazione pelvica comporta diversi tipi di tecniche che si concentrano sui muscoli e sul tessuto connettivo del pavimento pelvico e dell’addome.

Il terapista ti insegnerà a identificare i vari muscoli, in modo da poterli rafforzare o rilasciare. Tutti i muscoli di quest’area lavorano insieme per aiutarti a mantenere la forza centrale e prevenire l’incontinenza.

Le donne perdono molto tono nei loro muscoli addominali durante la gravidanza. Circa due terzi hanno quella che è conosciuta come diastasi recti, una separazione del muscolo retto dell’addome lungo il centro della pancia. Questa condizione può contribuire al dolore lombare, alla stitichezza e alle perdite di urina, così come all’ostinazione della pancia post-partum che può durare mesi o addirittura anni.

La diastasi recti non può essere risolta con addominali o sit up; tutt’altro, questi esercizi possono peggiorare il problema. Piuttosto, la condizione richiede esercizi speciali di rafforzamento che si concentrano sui muscoli addominali trasversali più profondi. Il terapista può insegnarti come fare questi esercizi di riabilitazione addominale a casa. Userà anche le sue dita per massaggiare le cosce, le natiche e il tessuto all’interno della vagina. L’obiettivo è quello di allungare delicatamente quest’area e rilasciare i punti trigger che causano dolore. Può essere scomodo, in particolare se hai un dolore cronico o sei riluttante a permettere di sondare l’interno della tua vagina.

In primo luogo, devi sapere che i fisioterapisti che fanno questo lavoro lo hanno imparato facendolo fare a loro e hanno una buona idea di quello che senti quando ti toccano in luoghi intimi. Sono addestrati ad essere molto delicati e regoleranno il loro tocco per assicurarsi che non sia troppo intenso per te. I pazienti dicono di sentire disagio quando il terapista preme sui muscoli tesi, ma poi provano un senso di rilascio o sollievo, quando la tensione si allenta. Con il tempo, la terapia diventa meno scomoda e i sintomi dovrebbero migliorare.

riabilitazione pelvica mamme

Quali problemi post-partum possono essere aiutati dalla riabilitazione pelvica?

Varie condizioni possono essere collegate a problemi del pavimento pelvico. Questi problemi sono particolarmente comuni nelle mamme post-partum, ma possono durare oltre i primi sei mesi o colpire più tardi in alcune donne.

Difficoltà urinarie. Le donne con incontinenza urinaria perdono urina quando starnutiscono, tossiscono o corrono. Alcune donne sentono un frequente, improvviso o irresistibile bisogno di fare pipì, anche quando la loro vescica non è piena. Altre non sono in grado di avviare il flusso di urina a piacimento o di svuotare completamente la vescica durante la minzione.

Incontinenza anale. Molte donne dopo il parto hanno difficoltà a controllare i gas o i movimenti intestinali.

Dolore perineale. Questo è comune nelle donne post-partum, specialmente quelle che hanno subito strappi durante il parto o che si stanno riprendendo da un’episiotomia. Il perineo è l’area di pelle tra la vagina e l’ano. Un pavimento pelvico stretto fa sì che alcune neomamme sperimentino un dolore perineale persistente, anche dopo che la ferita è guarita.

Dolore pelvico. Alcune donne hanno dolore durante il sesso per molti mesi o addirittura anni dopo il parto. Altre hanno dolore cronico, prurito o bruciore nella loro vulva – il tessuto che circonda l’apertura della vagina. Questo può rendere difficile tollerare di indossare abiti stretti e persino la biancheria intima. Questi sintomi sono spesso causati dalla tensione dei muscoli del pavimento pelvico, che può portare all’infiammazione dei tessuti e delle terminazioni nervose.

Prolasso degli organi pelvici. Quando la gravidanza e il parto indeboliscono i muscoli del pavimento pelvico, uno o più degli organi che sostengono – l’utero, la vescica e l’intestino – possono scivolare fuori posto. Riabilitare questi muscoli può aiutare a prevenire o migliorare questa condizione.

I Kegel non aiutano?

Dipende da cosa sta causando i tuoi sintomi. I Kegel sono esercizi che puoi fare per sostenere i muscoli del pavimento pelvico. Il medico potrebbe averti consigliato di fare i Kegel per alleviare i sintomi urinari. Infatti aiutano alcune donne, in particolare quelle con muscoli del pavimento pelvico deboli, che possono avere perdite di urina. Tuttavia, a molte donne non viene insegnato a fare i Kegel correttamente. Se il tuo problema è causato da una tensione cronica nei muscoli del pavimento pelvico, praticare la contrazione ma non il rilascio può effettivamente rendere i muscoli più stretti e i sintomi peggiori.

Piuttosto, questi muscoli devono essere riqualificati in modo da poterli contrarre e poi rilassare quando è necessario.

Come posso trovare un fisioterapista per la riabilitazione pelvica?

Puoi iniziare chiedendo al tuo medico o all’ostetrica un riferimento a un uroginecologo o a un PT o facendo una ricerca online per la riabilitazione pelvica nella tua zona.

Assicurati che il programma che scegli offra una terapia manuale (come il rilascio dei punti trigger) e non solo tecniche di rafforzamento del pavimento pelvico.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quanto dura il recupero post-partum?

Cesareo: tutto ciò che devi sapere

Leggi anche
  • zuppa di polloZuppa di pollo con farro e funghi shiitake

    Una saziante e deliziosa zuppa ricca di nutrienti essenziali.

  • ginger sickness 125104224 resizedZenzero contro la nausea
  • Loading...
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • 174Yogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • untitled 119Yoghurt senza zucchero
Contents.media