Cesareo: tutto ciò che devi sapere

Alcune attività, come l'esercizio moderato, potrebbero non essere possibili fino a sei settimane dopo l'intervento.

Il recupero del parto cesareo non è facile, e mentre stai guarendo dall’intervento ti stai anche prendendo cura di un nuovo bambino. Fai del tuo meglio per riposare il più possibile e chiedi aiuto in modo da non dover gestire i pasti, le faccende domestiche, le visite e la cura di altri bambini durante il periodo di recupero post-partum.

Ascolta il tuo corpo e non esagerare.

Camminare fa bene alla guarigione, ma l’esercizio fisico intenso e il sollevamento di qualcosa di più pesante del tuo bambino dovranno aspettare. Dovrai anche aspettare a fare il bagno, usare assorbenti e fare sesso finché non avrai l’ok del tuo medico. Dopo un parto cesareo, probabilmente ti sentirai sia euforica che sopraffatta dalla nuova creatura tra le tue braccia. Nonostante ciò, dovrai anche riprenderti da un importante intervento chirurgico addominale, mentre affronti i tipici problemi post-partum come il seno ingrossato, gli sbalzi d’umore e l’emorragia post-partum.

I pazienti con taglio cesareo di solito rimangono in ospedale da due a quattro giorni prima di tornare a casa. Tuttavia il tuo recupero completo sarà misurato in settimane, non in giorni. Sii paziente e gentile con te stessa mentre passi alla maternità e ti riprendi dall’intervento. Sarai in grado di fare alcune cose rapidamente, come allattare e camminare. Altre attività, come l’esercizio moderato, potrebbero non essere possibili fino a sei settimane dopo l’intervento.

Recupero dal cesareo: alcuni consigli

Ecco cosa fare una volta a casa per accelerare i tempi di guarigione e di recupero del cesareo.

Chiedere aiuto

Avrai bisogno di aiuto una volta tornata a casa. Chiedi il sostegno del tuo partner, dei tuoi genitori, dei suoceri e degli amici – o assumi un aiuto pagato se puoi. Dai alle persone dei compiti concreti in modo che possano sostenerti al meglio. È importante che ti riposi mentre stai guarendo e ti prendi cura del tuo neonato. Non cadere nella trappola di fare la padrona di casa per una sfilata di visitatori interessati a coccolare il tuo bambino, ma non a fare i piatti.

Gestisci il tuo dolore

È probabile che ti vengano prescritti altri antidolorifici e un ammorbidente per le feci prima che lasci l’ospedale. Per ridurre la necessità di prescrizione di antidolorifici, prendi farmaci da banco come l’ibuprofene tutto il giorno. Potresti aver bisogno di antidolorifici da prescrizione fino a una settimana dopo l’intervento, passando gradualmente ai soli antidolorifici da banco. La maggior parte dei farmaci antidolorifici sono sicuri per le mamme che allattano; chiedi al tuo medico se hai domande.

Potresti anche scoprire che un cuscinetto riscaldante o un impacco di ghiaccio aiutano ad alleviare il dolore. Il tuo medico può prescrivere anche un cerotto alla lidocaina per il dolore dell’incisione.

Evitare la stitichezza

Bevi molti liquidi e prendi il tuo ammorbidente per aiutarti ad evitare la stitichezza dovuta ai farmaci che stai prendendo. Se stai allattando o pompando, prendi l’abitudine di bere un bicchiere d’acqua pieno ogni volta che ti siedi per allattare o pompare.

Camminare

Camminare favorisce la guarigione e aiuta a prevenire complicazioni come i coaguli di sangue. Inizia lentamente e aumenta la tua attività gradualmente. In sei settimane, sarai in grado di iniziare a fare esercizio moderato – ma aspetta che il tuo medico ti dia il via libera.

Considera una fascia addominale

Alcuni esperti raccomandano di indossare un bendaggio per la pancia, formalmente chiamato legante addominale, per aiutare a ridurre il dolore subito dopo un cesareo. Queste fasce sono disponibili nelle farmacie e online e sono spesso fornite dagli ospedali. Stabilizzano l’area intorno alla tua incisione per ridurre il dolore con il movimento. Parla con il tuo medico o con il personale dell’ospedale se hai domande su come usarli.

Non esagerare

Evita di fare attività faticose o di sollevare qualcosa di più pesante del tuo bambino fino a sei settimane. Tieni presente che alcune cose che di solito sono facili per te potrebbero ora essere difficili. Ascolta il tuo corpo e fermati se qualcosa ti dà fastidio.

Mangia bene

Un cibo buono e nutriente – tra cui molta frutta, verdura e cereali integrali – ti aiuterà a guarire e ad evitare la stitichezza. Continua a prendere la tua vitamina prenatale, così come gli integratori di ferro se il tuo curante te li raccomanda.

Non fare sesso e non usare assorbenti

Per prevenire l’infezione, non mettere nulla nella vagina fino a quando non avrai il via libera dal tuo medico. Una volta ottenuto l’ok per il sesso, dovrai avere un piano per la contraccezione.

recupero parto cesareo

Evita bagni e nuotate

Per prevenire l’infezione, non immergerti nell’acqua (nella vasca da bagno, in un idromassaggio o in piscina, per esempio) finché non avrai l’ok dal tuo medico, di solito tra circa sei settimane.

Vai piano alla guida

Non guidare se stai prendendo antidolorifici su prescrizione. Sarai pronta a guidare quando avrai finito di prendere gli antidolorifici su prescrizione e quando non sentirai dolore dai movimenti della guida (girarti per controllare l’angolo cieco, premere il pedale del freno, sterzare e così via). Chiedi al tuo medico le linee guida, ma la maggior parte delle mamme sono pronte a guidare entro la seconda o terza settimana dopo l’intervento.

Aspetta a tornare al lavoro

In genere, ci vogliono da sei a otto settimane o più per le mamme per essere pronte a tornare al lavoro dopo un cesareo. Se hai il congedo di maternità, approfittane pienamente. Datti il tempo di guarire fisicamente ed emotivamente. Parla con il tuo medico di preoccupazioni specifiche e familiarizza con le leggi statali riguardanti il congedo di maternità e l’allattamento al seno al lavoro.

Cura dell’incisione del cesareo

Ecco alcuni consigli su come prendersi cura dell’incisione del cesareo:

Pulisci l’area dell’incisione molto delicatamente con acqua e sapone delicato una volta al giorno sotto la doccia. Non strofinare l’incisione, lascia solo che il sapone e l’acqua ci passino sopra. Asciuga l’incisione con un asciugamano pulito quando hai finito.

Se torni a casa con una medicazione (benda) sull’incisione, cambiala una volta al giorno, o prima se si sporca o si bagna. Il tuo medico ti dirà quando smettere di tenere la ferita coperta.

Se hai delle Steri-Strips (piccole bende bianche e appiccicose) direttamente sull’incisione, non cercare di lavarle via. Puoi fare una doccia con le strisce e asciugare l’incisione con un asciugamano pulito. Le Steri-Strips dovrebbero cadere in circa due settimane. Se sono ancora lì dopo 14 giorni puoi rimuoverle, a meno che il tuo medico ti dica di non farlo. Vengono via più facilmente quando sono bagnati, quindi rimuovili subito dopo la doccia.

Se hai della colla sull’incisione, puoi rimuovere ogni residuo di colla dopo due o tre settimane. Se hai punti metallici, il tuo medico li rimuoverà da tre a sette giorni dopo l’intervento.

Nel caso la tua pancia penda sopra l’incisione, mantieni asciutta l’area sotto la tua pancia e vicino all’incisione. L’umidità che si raccoglie nelle pieghe della pelle può ospitare batteri, che possono aumentare il rischio di infezione o ritardare la guarigione dell’incisione. Il tuo ospedale potrebbe mandarti a casa con una garza extra da cambiare due volte al giorno.

Non mettere creme, lozioni o unguenti sulla tua incisione senza chiedere al tuo medico.

Chiama il tuo medico se hai calore, rossore, gonfiore o trasudazioni nel sito dell’incisione.

All’inizio, può essere più comodo sostenere l’incisione quando tossisci, starnutisci o ridi. La tua incisione darà meno problemi dopo la prima settimana, anche se potrebbe essere indolenzita per molto più tempo. Probabilmente sentirai intorpidimento e qualche fitta di dolore intorno all’incisione per diversi mesi.

parto cesareo dettagli

Cicatrici da parto cesareo

Le cicatrici del cesareo si trovano di solito in basso sull’addome, sotto la cintura della biancheria intima. Per comodità, evita di indossare biancheria intima a vita bassa che colpisca proprio la cicatrice. Potresti scoprire che le mutandine a rete fornite dall’ospedale sono le migliori. Anche la biancheria intima a vita alta può essere comoda dopo un cesareo.

All’inizio, la cicatrice del cesareo sarà leggermente sollevata, gonfia e più scura del resto della pelle. Comincerà a ridursi significativamente entro sei settimane dall’intervento. Le cicatrici del cesareo sono solitamente lunghe da 10 a 15 cm. Mentre guarisce, la tua cicatrice potrebbe essere pruriginosa, e di solito diventerà più sottile e piatta.

Tuttavia, in alcuni casi, il corpo reagisce eccessivamente al processo di guarigione e sviluppa cicatrici che non guariscono così bene. Ecco quali sono.

Cicatrici cheloidi

I cheloidi sono un tipo di cicatrici in rilievo che crescono fino a diventare più grandi della ferita originale, e possono apparire spesse e grumose. Le cheloidi possono essere pruriginose e dolorose.

Cicatrici ipertrofiche

Le cicatrici ipertrofiche sono cicatrici ispessite e in rilievo che possono essere pruriginose e dolorose. Sono simili alle cicatrici cheloidi, ma rimangono entro i confini della ferita originale.

Le cicatrici cheloidi e ipertrofiche sono più comuni nelle persone con la pelle più scura. Se sei incline a entrambe, parla con il tuo medico della prevenzione e delle opzioni di trattamento.

Quando chiamare il medico

Potresti vedere il tuo medico per un controllo dell’incisione una o due settimane dopo aver lasciato l’ospedale, e avrai un controllo completo tra quattro e sei settimane dopo il parto. Nel frattempo, chiama il tuo medico se hai segni di un’infezione, tra cui:

  • Calore, arrossamento, gonfiore o trasudamento nel sito dell’incisione
  • Peggioramento del dolore o improvvisa comparsa di dolore addominale
  • Qualsiasi febbre (anche se la tua incisione sembra a posto)
  • Perdite vaginali dall’odore sgradevole
  • Dolore o bruciore durante la minzione, lo stimolo a fare pipì frequentemente quando non ne esce molta, o urina scura e scarsa o sanguinolenta

Inoltre chiama immediatamente il tuo medico se hai:

  • Sanguinamento di tipo mestruale dopo i primi quattro giorni dal parto, o sanguinamento che ritorna dopo il rallentamento
  • Sanguinamento pesante in qualsiasi momento, o sanguinamento con coaguli e crampi (se si sporcano due assorbenti all’ora per due ore di fila, il sanguinamento è considerato pesante)
  • Dolore grave o persistente o indolenzimento e calore in una zona della gamba, o una gamba che è più gonfia dell’altra
  • Dolore in uno o entrambi i seni, specialmente se accompagnato da febbre o sintomi influenzali
  • Problemi di respirazione o dolore al petto
  • Forte mal di testa che non risponde agli antidolorifici o che ritorna subito dopo l’esaurimento dei farmaci
  • Pensieri di fare del male a te stessa o al tuo bambino, o se ti senti incapace di badare al tuo neonato
Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Terapia di riabilitazione pelvica: un aiuto per i fastidiosi sintomi post-partum

Labbra della vagina gonfie durante la gravidanza e dopo il parto

Leggi anche
  • zuppa di polloZuppa di pollo con farro e funghi shiitake

    Una saziante e deliziosa zuppa ricca di nutrienti essenziali.

  • ginger sickness 125104224 resizedZenzero contro la nausea
  • Loading...
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • 174Yogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • untitled 119Yoghurt senza zucchero
Contents.media