La paura del parto: ecco cosa spaventa di più e come affrontarlo

La paura del parto è molto comune tra le donne incinte, ma alcuni aspetti potrebbero sorprendervi. Ecco tutto ciò che dovreste sapere...

La paura del parto è assolutamente normale e, per quanto non vediate l’ora di conoscere il vostro bambino, non potete fare a meno di perdere la testa pensando al processo di nascita. Per quanto sia comprensibile, non lasciate che lo stress prenda il sopravvento! Ecco le principali preoccupazioni legate al travaglio, in modo da sentirvi più sicure di voi stesse nel grande giorno.

La paura del parto: i fattori comuni

Ho paura di non essere in grado di distinguere il travaglio vero da quello falso

Verso la fine del terzo trimestre, potreste avere contrazioni che non portano al travaglio. Chiamate anche contrazioni di Braxton Hicks o falso travaglio, queste contrazioni irregolari e di basso livello aiutano a preparare il vostro corpo per il travaglio vero e proprio (consideratele come una prova generale), ma possono facilmente ingannarvi e farvi pensare che sia arrivato il momento del parto, soprattutto per una mamma alle prime armi.

Se avete contrazioni – sensazioni di crampi e tensione – provate a cambiare posizione. Sdraiatevi su un fianco e vedete se passano. Se le contrazioni non richiedono tutta la vostra attenzione, provate a distrarvi. Fate qualche lavoretto dell’ultimo minuto, uscite con il vostro partner o fate una passeggiata. Quando le contrazioni diventano più regolari e aumentano di intensità, è il momento di chiamare il vostro ginecologo e di recarvi in ospedale o al centro nascite.

Immaginare come saranno i dolori del travaglio mi tiene sveglia la notte

Sopportare le innumerevoli storie dell’orrore del travaglio raccontate da altre mamme è una cosa normale in gravidanza. E sfortunatamente, quelle che hanno avuto un parto positivo di solito non sono le più esplicite. Non c’è da stupirsi che l’ansia per il primo parto possa salire alle stelle quando arriva la data di scadenza. Le contrazioni fanno male? Sì, ma ciò dipende dalla fase del travaglio, dalla vostra tolleranza al dolore, dal vostro corpo e da quello del vostro bambino, e anche da quanto siete spaventate.

la paura del parto

La paura di partorire crea tensione e la tensione aumenta il dolore. Se avete paura, potete anche rallentare il vostro travaglio. Invece di ossessionarvi con il potenziale disagio, imparate tecniche di sollievo dal dolore che vi aiutino ad affrontarlo, come la meditazione e i metodi di respirazione.

Sarei mortificata se facessi la cacca durante il parto

Ovviamente nessuno vorrebbe che accadesse, ma è una parte perfettamente normale del parto. Per spingere fuori il bambino si usano gli stessi muscoli che si usano per andare di corpo. Pensate a quanto spesso le funzioni corporee vengono richiamate nelle cure mediche. Questi professionisti sono abituati a queste cose e non ne sono disgustati.

“Per come la vedo io, se fai la cacca sul tavolo so che stai spingendo correttamente”, dice un’infermiera. Ma c’è un modo per evitarlo? Le feci possono rimanere nel corpo fino a 48 ore dopo l’ultimo pasto. Quindi, sorseggiare brodo e frullati all’inizio del travaglio non impedirà che si verifichi. Tuttavia, se l’idea vi turba, potete fare un clistere prima di andare in ospedale. Anche questo, però, non è una garanzia.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Guida al parto: il significato di ogni singola parola

Pianificare un secondo figlio: cosa fanno le mamme in modo diverso?

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media