Epatite A nei bambini: sintomi e come riconoscerla

L'epatite A è una malattia del fegato che si contrae attraverso la contaminazione del cibo o tramite il contatto con un'altra persona infetta. È bene prendere le giuste precauzioni per evitare il contagio.

L’epatite A è una malattia del fegato anche chiamata HAV (Human Epatitis A Virus). La patologia in oggetto si può contrarre attraverso l’assunzione di cibi o di bevande contaminate da feci, oppure entrando in contatto con una persona affetta dal virus senza utilizzare le giuste precauzioni utili a difendersi.

Per quanto riguarda i bambini, si può affermare che spesso loro possono essere dei portatori del virus pur non presentando dei sintomi, i cosiddetti asintomatici. In questo caso i bambini non destano alcun sospetto che faccia pensare ad un’eventuale contrazione del virus, ma allo stesso tempo sono altamente infetti. I sintomi dell’epatite A nei bambini possono essere molti.

Molte volte l’origine dell’epatite A rimane sconosciuta soprattutto nei bambini o nei neonati.

Advertisements

Spesso si può contrarre nel momento in cui si ingeriscono cibi non proprio sicuri come i molluschi non abbastanza cotti oppure non congelati prima del consumo. Nei bambini, l’infezione provocata dal virus dell’epatite A raramente è fatale e la malattia decorre in tempi molto brevi. Tuttavia, rarissimi sono i casi in cui la patologia è diventata cronica per l’individuo che ne è affetto.

Epatite A nei bambini: i sintomi?

Solitamente i bambini al di sotto dei 6 anni non presentano alcun sintomo.

Tuttavia, si tratta di percentuali che molte volte possono essere fuorvianti. Infatti, alcuni bambini potrebbero presentare qualche campanellino di allarme che i genitori devono essere pronti a cogliere immediatamente. Innanzitutto, è bene osservare i comportamenti del bambino: stanchezza, nausea e inappetenza potrebbero essere i primi sintomi da notare. A questi si possono aggiungere in seguito febbre, dolori addominali, urine abbastanza scure e vomito. Il parametro fondamentale che porterà alla diagnosi precisa e completa di questa malattia sarà l’ittero, ovvero la colorazione giallastra della pelle, delle mucose e delle sclere causata dall’aumento della bilirubina nel sangue.

I bambini asintomatici si rivelano essere soggetti molto pericolosi non solo per tutti quelli che li circondano. Tuttavia, è bene ricordare che una volta contratta tale infezione e una volta che il corpo abbia smaltito tale malattia, il soggetto diventa immune al virus. Nonostante ciò, bisogna ricordare che il virus dell’epatite A (HAV), dal momento in cui viene contratto, inizia a moltiplicarsi all’interno del fegato, dove la bile provvede ad eliminarlo, finendo poi nelle feci.

Per questo motivo le feci dell’individuo contagiato sono altamente pericolose da 1 a 3 settimane prima della comparsa dei primi sintomi, a una settimana dopo la comparsa dell’ittero. È necessario prendere le giuste precauzioni, essere attenti nell’utilizzare luoghi comuni in cui è alto il rischio di contrarre il virus e di essere contagiati.

Come evitare l’HAV nei bambini?

Il ricorso alla vaccinazione contro il virus dell’epatite A rimane la miglior scelta da fare soprattutto nei bambini più a rischio, ovvero coloro che hanno un’età inferiore ai sei anni e superiore ai sei mesi. Tuttavia, si tratta di un tipo di vaccinazione costituita da virus inattivi. Nel bambino il vaccino viene somministrato in due dosi iniettate a distanza di sei mesi l’una dall’altra. Gli effetti indesiderati della vaccinazione non sono da ritenere gravi e scompaiono dopo qualche giorno dalle iniezioni. Tra questi sono presenti il mal di testa, inappetenza e stanchezza.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bibite ghiacciate e bambini: quando viene la congestione

Difterite nei neonati: quali sono i sintomi e i rischi

Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • Yogurt magro, fa bene e ha meno calorieYogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • Yoghurt senza zuccheroYoghurt senza zucchero
  • 
    Loading...
  • vomito bambiniVomito bambini: cosa fare e come fermarlo

    Cosa causa il vomito nei bambini e come si può fermare? Cerchiamo di capire il perché molti bambini soffrono di tale disturbo.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.