Come riconoscere un aborto spontaneo: i sintomi

Come riconoscere un aborto spontaneo: quali sono i sintomi, le cause e perché molto spesso non ci si accorge di nulla.

L’aborto spontaneo è l’interruzione spontanea della gravidanza prima della 20esima settimana di gestazione. Purtroppo, si tratta di un fenomeno molto frequente, in quanto colpisce il 31-35% delle gravidanze totali. Come riconoscere un aborto spontaneo: i sintomi e le cause.

Come riconoscere un aborto spontaneo: i sintomi

Il primo trimestre di gravidanza è quello più delicato e preoccupa maggiormente i futuri genitori. In particolare, durante i primi tre mesi sono rischiosi a causa del rischio di aborto spontaneo. 

L’aborto spontaneo, per definizione, è la morte del feto prima della 20esima settimana di gestazione. I sintomi dell’aborto spontaneo comprendono il dolore pelvico crampiforme, il sanguinamento vaginale e infine l’espulsione di materiale

Tuttavia non sempre è facile riuscire a distinguere un’interruzione della gravidanza: proprio all’inizio, tra i più comuni sintomi gravidici, è piuttosto frequente notare piccole perdite (che possono essere le cosiddette perdite da impianto, sono cioè causate dall’annidamento dell’embrione nelle pareti uterine), e avere piccoli crampi al basso addome.

Molte donne non si accorgono di nulla perché la gravidanza si interrompe ai suoi esordi, quando non è stato nemmeno fatto il test di gravidanza, e le perdite vengono scambiare per le normali mestruazioni.

Come riconoscere un aborto spontaneo: le cause

Gli aborti spontanei isolati possono essere causati da determinati virus, soprattutto i cytomegalovirus, gli herpes virus, i parvovirus e i virus della rosolia, o da patologie che possono provocare aborti sporadici o gravidanza interrotta ricorrente. Altre cause comprendono anomalie immunologiche, traumi importanti, e anomalie uterine (fibromi e aderenze). In genere, però, la causa è sconosciuta.

I fattori di rischio per aborto spontaneo comprendono:

  • età > 35 anni;
  • anamnesi di aborto spontaneo;

  • fumo di sigaretta;

  • uso di alcune sostanze (cocaina, alcol, alte dosi di caffeina);

  • una malattia cronica scarsamente controllata nella madre.

Infine, malattie tiroidee subcliniche, utero retroverso e traumi minori non sembrano causare aborti spontanei.

Come riconoscere un aborto spontaneo: cosa fare

Naturalmente se si sa già di essere incinte e si notano dei sintomi particolarmente strani è bene sempre chiamare il proprio medico. In particolare, bisogna stare attente a dolori piuttosto forti al basso ventre e perdite ematiche, anche lievi, che non vanno mai sottovalutate.

Come già detto, infatti, l’aborto si manifesta chiaramente con un’emorragia che sembra una mestruazione ma è più consistente e dura più a lungo del solito. Il sanguinamento è accompagnato da crampi addominali e contrazioni uterine che sono finalizzate a favorire l’espulsione dei tessuti. È normale, quindi, notare dei coaguli di sangue.

Dopo qualche giorno il medico prescriverà un esame delle Beta Hcg e un’ecografia per verificare se l’utero si sia pulito completamente: in caso contrario sarà necessario un piccolo intervento chirurgico chiamato raschiamento.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bonus mamma domani 2021: cos’è, come funziona e quando richiederlo

Promuovere l’azienda con le tazze personalizzate

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • Loading...
  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

Contents.media