Adozione: come prepararsi allo studio domestico

Una serie di consigli per affrontare i colloqui in serenità.

Una volta che i futuri genitori adottivi chiedono di adottare un bambino, le leggi prevedono che i candidati si sottopongano a uno studio domestico. Questo processo implica istruzione e preparazione, e la raccolta di informazioni sui futuri genitori. Idealmente, il colloquio aiuta a costruire una partnership tra l’assistente sociale dell’adozione e i candidati.

Gli individui che cercano di adottare possono affrontare l’intero processo con determinazione o con l’ansia crescente di non essere approvati. Armati di informazioni precise, tuttavia, i futuri genitori possono affrontare l’esperienza con fiducia e l’eccitazione che dovrebbe accompagnare la prospettiva di accogliere un bambino nella famiglia.

I punti chiave dello studio domestico

Non c’è un formato fisso che le agenzie d’adozione usano per condurre gli studi domestici.

Devono seguire i regolamenti generali del loro stato, ma hanno la libertà di sviluppare il proprio pacchetto di domanda, le politiche e le procedure all’interno di questi regolamenti. Alcune agenzie fanno partecipare i futuri genitori a una o più sessioni di orientamento di gruppo, o a una serie di corsi di formazione prima di compilare una domanda. Altre faranno in modo che l’assistente sociale cominci con l’incontro individuale con i membri della famiglia, e poi chiederà loro di partecipare alle riunioni educative in seguito.

Di solito i membri del personale dell’agenzia sono felici di rispondere a qualsiasi domanda e di guidare i richiedenti attraverso il processo.

L’esame stesso è una relazione scritta dei risultati dell’assistente sociale, dopo aver incontrato i richiedenti in diverse occasioni, sia individualmente che insieme, di solito nell’ufficio dell’assistente sociale. Almeno un incontro avverrà nella casa del richiedente. Se ci sono altre persone che vivono nella casa, anche loro saranno intervistate dall’assistente sociale.

In media lo studio domestico richiede dai tre ai sei mesi per essere completato, ma può richiedere più tempo attraverso agenzie pubbliche o meno tempo attraverso facilitatori non autorizzati. Il processo, il contenuto del rapporto scritto e il tempo necessario per completarlo variano da stato a stato e da agenzia ad agenzia. In generale, le seguenti informazioni sono incluse nello studio domestico:

  • Background personale e familiare, compresa l’educazione, i fratelli e le sorelle, gli eventi chiave e ciò che si è appreso da essi
  • Persone significative nella vita dei candidati
  • Relazioni matrimoniali e familiari
  • Motivazione per l’adozione
  • Aspettative per il bambino
  • Sentimenti sull’infertilità (se questo è un problema)
  • Genitorialità e integrazione del bambino nella famiglia
  • Ambiente familiare
  • Storia fisica e di salute dei candidati
  • Istruzione, occupazione e finanze, compresa la copertura assicurativa e i piani di assistenza all’infanzia, se necessario
  • Referenze e fedine penali
  • Sintesi e raccomandazione dell’assistente sociale.

Prima di rivolgervi a un’agenzia, ecco alcune domande che potreste voler porre.

Dichiarazione autobiografica

La dichiarazione autobiografica può intimidire, ma è essenzialmente la storia della tua vita. La maggior parte delle agenzie hanno una serie di linee guida che descrivono in dettaglio il tipo di informazioni che richiedono per assisterti nella scrittura dell’autobiografia, e altre fanno in modo che l’operatore ti assista direttamente. Ti si può chiedere di descrivere chi ti ha cresciuto e il suo stile di educazione, quanti fratelli e sorelle hai e dove ti trovi nell’ordine di nascita.

La tua dichiarazione può rispondere a molte domande. Eri vicino ai tuoi genitori e ai tuoi fratelli quando eri bambino? Siete vicini ora? Quanti contatti hai con loro? Quali sono alcuni successi o fallimenti che hai avuto? Che livello di istruzione hai raggiunto? Hai intenzione di proseguire la tua istruzione? Sei soddisfatto dei tuoi risultati scolastici? Cosa pensi dell’istruzione per un bambino? Qual è il tuo stato di occupazione? La tua storia lavorativa? Hai intenzione di cambiare lavoro? Ti piace il tuo lavoro attuale?

Se sei sposato, ci saranno domande sul tuo matrimonio. Queste possono riguardare come vi siete incontrati, quanto tempo vi siete frequentati prima di sposarvi, da quanto tempo siete sposati e cosa vi ha attratto l’uno dell’altro. Non solo, ma anche quali sono i punti di forza e le debolezze del tuo coniuge e le questioni su cui siete d’accordo e in disaccordo nel vostro matrimonio. Altri possono chiedere come prendete le decisioni, come risolvete i problemi, come risolvete le discussioni e come esprimete i sentimenti. Se siete stati sposati in passato, ci saranno domande su quel matrimonio. Se sei single, ci saranno domande sulla tua vita sociale e su come prevedi di integrare un bambino in essa, così come domande sulla tua rete di parenti e amici che ti sostengono.

Dichiarazioni sulla salute

La maggior parte delle agenzie richiedono un esame fisico dei futuri genitori adottivi, o almeno un test attuale della tubercolosi. Alcune agenzie che collocano i bambini solo con coppie infertili richiedono che il medico verifichi l’infertilità. Altre vogliono solo sapere che siete essenzialmente sani, avete un’aspettativa di vita normale e siete in grado di gestire fisicamente ed emotivamente la cura di un bambino. Se avete una condizione particolare, ma siete sotto la cura di un medico ed è sotto controllo (per esempio, la pressione alta o il diabete che è controllato dalla dieta e dalle medicine), probabilmente potete ancora essere approvati come famiglia adottiva. Un grave problema di salute che influisce sull’aspettativa di vita può impedire l’approvazione.

Dichiarazione del reddito

Di solito, viene chiesto di verificare il reddito fornendo una copia della busta paga, una copia del modulo W-4, o un modulo per l’imposta sul reddito. Ti verranno chiesti i tuoi risparmi, le polizze assicurative e altri investimenti e debiti, compreso il pagamento mensile del mutuo o dell’affitto, i pagamenti dell’auto e del conto corrente. Ciò aiuta a determinare la tua stabilità finanziaria generale.

Non è necessario essere ricchi per adottare, basta dimostrare di poter gestire le proprie finanze in modo responsabile e adeguato.

Abuso di minori e fedine penali

La maggior parte degli stati richiede per legge che vengano condotti accertamenti sulla fedina penale e sull’abuso di minori su tutti i candidati genitori adottivi e affidatari. Questo di solito comporta la compilazione di un modulo con il vostro nome (nel caso di una donna, includerebbe il suo nome da nubile e il suo precedente nome da sposata, se applicabile), la data di nascita e il numero di previdenza sociale. Possibilmente si fa autenticare il modulo e lo si invia alle agenzie statali di assistenza ai minori e di polizia per l’autorizzazione. In alcuni stati potrebbe essere necessario prendere le impronte digitali. Le autorità controlleranno per vedere se hai un abuso sui minori o un’accusa penale in archivio.

I reati minori commessi molto tempo fa per i quali c’è una spiegazione credibile (per esempio, “ero giovane e sciocco e ho fatto quello che i ragazzi si aspettavano che facessi…”) di solito non vengono tenuti contro di te. Una condanna per un reato, o qualsiasi accusa che coinvolga bambini o sostanze illegali, molto probabilmente non sarà tollerata.

Referenze

L’agenzia probabilmente vi chiederà i nomi, gli indirizzi e i numeri di telefono di tre o quattro persone che vi serviranno come referenze. Potrebbero essere amici intimi, un datore di lavoro, un ex insegnante, un collega, un vicino o il parroco. L’assistente sociale scriverà una lettera o parlerà al telefono con le tue referenze, ponendo domande su di te a cui tu stessa hai già risposto. Queste domande riguarderanno aree come la tua esperienza con i bambini, la stabilità del matrimonio, se applicabile, e la motivazione ad adottare.

Le referenze sono generalmente usate per avere un quadro completo della domanda di una famiglia e un’idea della sua rete di sostegno. È raro che l’approvazione venga negata sulla base di una sola referenza negativa. Tuttavia, se si trattasse di uno dei vari fattori negativi, come una malattia, una discutibile fedina penale e una scarsa storia lavorativa, l’agenzia potrebbe non approvare la domanda.

Dovreste scegliere come referenze le persone che vi conoscono meglio. Se possibile, dovrebbero essere persone che vi conoscono da diversi anni, che vi hanno visto in vari tipi di situazioni, che hanno visitato la vostra casa e sanno del vostro interesse per i bambini. Per esempio, dovrebbero sapere quali sono alcuni dei vostri hobby e interessi. Questo tipo di referenze sono le più utili e convincenti per l’assistente sociale che completa lo studio domestico.

Colloqui

Probabilmente ci saranno diversi colloqui, forse uno o due nell’ufficio dell’agenzia e almeno uno a casa vostra. Discuterete gli argomenti trattati nella vostra dichiarazione autobiografica e l’assistente sociale vi farà tutte le domande necessarie per chiarire ciò che avete scritto. Nel caso di coppie, alcuni operatori dell’agenzia conducono tutti i colloqui insieme, con marito e moglie. Altri condurranno sia interviste congiunte che individuali.

Un punto importante dello studio domestico: il lavoratore non sta visitando la vostra casa per condurre un’ispezione in guanti bianchi. Lui, o lei, ha semplicemente bisogno di verificare che il bambino entrerà in un ambiente sicuro e sano e se avete pensato in anticipo a come accogliere il nuovo membro della famiglia. Ci può essere la richiesta di avere un allarme antincendio (che è comunque una buona idea) e un piano di evacuazione in caso di emergenza. Quest’ultimo non è qualcosa che molte persone hanno, quindi potresti volerne sviluppare uno in anticipo. L’operatore potrebbe voler vedere la camera da letto del bambino e tutte le altre aree della casa o dell’appartamento, compresa la cantina o il giardino sul retro.

Alcuni consigli per la visita a domicilio: non pulire l’intera casa da cima a fondo, a meno che questo sia il livello di pulizia che si mantiene sempre. Un certo livello di pulizia è necessario, ma il disordine familiare vissuto è previsto. La maggior parte degli assistenti sociali si preoccupa che le persone che vivono in una casa perfetta abbiano difficoltà ad adattarsi al disordine che un bambino porta in una famiglia. Invece, usa questa visita come un momento in più per costruire il rapporto aperto e onesto che stai sviluppando con l’assistente sociale.

studio domestico colloquio

Se hai già dei figli

Se avete già dei figli, naturali, adottati o entrambi, essi saranno inclusi in qualche modo nello studio. I bambini più grandi potrebbero essere invitati a una o più sessioni educative. Potrebbe anche essere chiesto loro di scrivere una dichiarazione che descriva i loro sentimenti e le loro preferenze riguardo all’avere un nuovo fratello o sorella. Ai bambini più piccoli potrebbe essere chiesto di fare un disegno che mostri i loro pensieri sull’argomento. I bambini di tutte le età saranno probabilmente incontrati e/o intervistati dall’assistente sociale almeno una volta.

L’assistente sociale può chiedere ai bambini (e anche a voi) come vanno a scuola, quali sono i loro interessi e hobby, come sono i loro amici e come vengono premiati o sgridati per un comportamento buono o meno. Tuttavia, l’enfasi sarà più probabilmente su come vedono un nuovo bambino adattarsi alla famiglia e se sono preparati a condividervi con un nuovo fratello. Un nuovo arrivato significa condividere il tempo, l’attenzione, la scelta del canale televisivo, il bagno, il posto privilegiato al tavolo della cucina e molti altri elementi della vita familiare quotidiana.

Il contributo dei bambini è di solito molto importante nella valutazione complessiva della disponibilità di una famiglia ad adottare un bambino. I loro sentimenti devono essere considerati e la loro reazione all’adozione deve essere generalmente positiva. L’assistente sociale vorrà assicurarsi che un bambino appena adottato sia voluto e amato da tutti nella famiglia fin dall’inizio.

Alcune note finali

La durata dello studio domestico varia da un’agenzia all’altra, a seconda di vari fattori, come ad esempio quanti assistenti sociali sono assegnati a condurre gli home studies, quali altri compiti hanno, e quante altre persone hanno fatto domanda all’agenzia nello stesso momento di voi. Puoi fare molto per accelerare il processo compilando i tuoi documenti, programmando le tue visite mediche e raccogliendo i documenti richiesti.

Il costo dipende da quale tipo di agenzia o professionista sta conducendo lo studio. Un’agenzia pubblica (spesso il tuo locale Dipartimento dei Servizi Sociali) di solito non addebita tasse, poiché è sostenuta da fondi governativi. Tuttavia, occasionalmente un’agenzia pubblica può addebitare modeste tasse per lo studio della casa; una volta che si adotta uno dei bambini dell’agenzia, di solito si può ottenere un rimborso.

Un’agenzia privata potrebbe addebitare da 1.000 a 3.000 dollari, anche se potrebbe non addebitare alcun costo o addebitare costi minori per gli home studies per bambini con bisogni speciali. Ricordate, anche se uno studio domestico per l’adozione può sembrare invasivo o lungo, viene condotto per prepararvi all’adozione e per aiutarvi a decidere se l’adozione fa veramente per voi. I regolamenti servono a proteggere il migliore interesse del bambino e ad assicurare che sia collocato in un ambiente amorevole, premuroso, sano e sicuro. Una volta accettata questa premessa, spesso diventa molto più facile completare ciò che vi viene richiesto. Dopo tutto, la ricompensa di sopportare un breve periodo di disagio è grande: molti anni di felicità e soddisfazione nel crescere un bambino fino alla maturità.

Buona fortuna a voi nella vostra ricerca di un bambino attraverso l’adozione, e con il vostro studio di adozione. Con perseveranza e un buon atteggiamento, potrete collaborare con l’assistente sociale d’adozione per rendere questa un’esperienza di apprendimento preziosa, che vi aiuterà a fare il miglior lavoro possibile come genitori.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali domande fare a un’agenzia d’adozione?

Problemi di fertilità: i migliori consigli dei terapisti per affrontarli

Leggi anche
  • Zoomarine orari 2020Zoomarine: tutti gli orari dell’estate 2020

    Zoomarine è uno dei parchi acquatici più amati d’Italia ed è finalmente pronto per riaprire i battenti dopo la quarantena: quali sono gli orari del 2020?

  • Zoomarine biglietti prezzi orariZoomarine: biglietti, prezzi e orari del parco

    Zoomarine è la scelta perfetta per tutte le famiglie che vogliono divertirsi insieme: ma come e dove informarsi in merito a biglietti, prezzi e orari?

  • Zoomarine Orari NavetteZoomarine Orari Navette
  • Loading...
  • Zoomarine Orari AttrazioneZoomarine Orari Attrazione
  • zone erogene femminiliZone erogene femminili
Contents.media