Come ci si sente ad allattare: tutto ciò che c’è da sapere

Dal seno dolorante alle domande più frequenti, ecco quali scoperte riuscirete a fare per la prima volta!

Se ne parla spesso, ma come ci si sente ad allattare? Ecco tutto ciò che dovreste sapere in merito.

Come ci si sente ad allattare?

Senso dell’orientamento

Ogni bambino è unico e ha le sue esigenze, ma la maggior parte degli esperti consiglia di allattarlo ogni due o tre ore, il che equivale a circa 8-12 sessioni di allattamento al giorno.

Questo aiuta a stabilire la riserva di latte della madre e garantisce che il bambino mangi a sufficienza. Alcuni neonati possono nutrirsi anche più frequentemente.

Se il vostro bambino allatta meno di otto volte al giorno, è bene che vi rivolgiate al vostro medico di fiducia per assicurarvi che non ci siano problemi. Anche se è probabile che tutto vada bene, il medico può pesare e misurare il piccolo per assicurarsi che la sua crescita sia regolare.

I dolori lungo il percorso

Se una neomamma ha dolori, è preoccupata per la sua riserva di latte o non sa quando (o se) introdurre il biberon, può sentirsi sopraffatta e stressata. La soluzione? Chiedere aiuto. L’allattamento al seno può essere a volte doloroso, ma non deve essere un’esperienza continuamente dolorosa. Una delle soluzioni migliori ai problemi comuni dell’allattamento al seno è la collaborazione con un medico esperto.

Quest’ultimo può determinare se il dolore è dovuto a una chiusura non corretta (la più comune) o a una possibile infezione (come mughetto o mastite).

Non solo conosce gli ostacoli che non avete mai sentito nominare, e tanto meno avete dovuto affrontare, ma può anche darvi consigli specifici per la vostra situazione.

Percorsi alternativi

Non è insolito incontrare qualche spiacevole deviazione durante il viaggio di allattamento. Informatevi in anticipo su questi aspetti, in modo che non vi portino troppo fuori strada se li incontrate lungo il percorso. Molte mamme interrompono l’allattamento al seno o integrano il latte artificiale perché temono di non avere abbastanza latte, ma in realtà è così. Può sembrare controintuitivo, ma una delle cose migliori da fare se si ha la sensazione di non produrre abbastanza latte è allattare costantemente il bambino per stimolare una maggiore produzione di latte. Il latte materno è un elemento di domanda e offerta. Se la domanda aumenta, aumenterà anche l’offerta”.

Provate questi ulteriori consigli per promuovere un’adeguata produzione di latte:

  • Bere molti liquidi, soprattutto acqua.
  • Avere una dieta ricca di frutta, verdura e cereali integrali per garantire che il corpo della mamma abbia le calorie e i nutrienti necessari per produrre latte a sufficienza.
  • Tirate il latte con un tiralatte di qualità, che può contribuire ad aumentare la produzione di latte.
Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allattare in viaggio: un aspetto ancora problematico

Guida per principianti all’alimentazione con il latte artificiale

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • ScatolaUnboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

    Il fenomeno dell’unboxing riscuote un successo sempre maggiore ma, pur essendo perlopiù innocuo, può rappresentare dei rischi per i più piccoli.

Contents.media