Notizie.it logo

Quanta paghetta dare ai figli?

Quanta paghetta dare ai figli?

Che domande ostiche: quanta paghetta dare ai figli?

Certo, il denaro speso per i figli non si conta, ma sono sempre gli adulti a gestirlo. Già, perché molto meno della metà dei ragazzi italiani riceve una regolare paghetta dai genitori. Per sfortuna, oseremmo dire: la paghetta infatti insegna ad avere un rapporto col denaro, a conoscere il valore di ciò che si acquista, a operare delle scelte su come spenderlo.

Il ragazzo si sente autonomo, fa esperienze e per il genitore è molto comodo dare una paghetta settimanale o mensile invece che continuare a sborsare soldi ogni volta che il figlio li richiede.

In genere prima dei 10 anni i bambini non conoscono ancora il valore dei soldi, ma dagli 11 ai 17 anni diventa legittima.

Valutate prima di tutto le esigenze effettive di vostro figlio, se la paghetta concessa è sufficiente a soddisfare le sue reali necessità o se è eccessiva.

Può essere noioso sapere che i suoi amici ricevono di più, certo, ma non è assolutamente necessario allineare i ragazzi a quello che fanno gli altri.

Se spende male la sua paghetta, è bene toglierla? No, certo che no: ha bisogno di un periodo di prova per essere usata nel modo adeguato. Così facendo non aiutiamo i nostri ragazzi a capire il valore dei soldi, cosa che possono fare solo con l’esperienza in prima persona.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • Come fare passeggiata con i figliCoronavirus, consentita la passeggiata con i figli: come fare

    Il 31 marzo 2020 è stata divulgata una circolare da parte del Viminale che consente la passeggiata ai figli minori accompagnati da un solo genitore nei pressi dell’abitazione. Bisogna chiarire come fare e quali sono le norme da rispettare.