Notizie.it logo

Progesterone in gravidanza: cosa provoca e rimedi naturali

progesterone

Il progesterone è un ormone steroideo che regola diverse funzioni nell’organismo delle donne, soprattutto in gravidanza. Questo ormone è prodotto in quantità minime anche nell’organismo degli uomini. Uno squilibrio dei livelli di progesterone può dipendere da svariate cause. Vediamo cosa provoca e quali sono i rimedi naturali.

Progesterone in gravidanza

Il progesterone in gravidanza svolge diverse funzioni di fondamentale importanza. La sua funzione principale consiste nel preparare l’utero per l’impianto dell’embrione e per il mantenimento stesso della gravidanza.

Il progesterone è un ormone steroideo prodotto da quattro diverse strutture: le ghiandole endocrine, il corpo luteo (quel che resta del follicolo dopo il rilascio nella Tuba di Falloppio dell’ovulo disponibile per il concepimento), la placenta (l’organo che fornisce l’ossigeno e i nutrienti al feto) e dal feto stesso.

Il progesterone è assente durante la fase follicolare del ciclo, viene secreto subito prima dell’ovulazione e la sua produzione aumenta gradualmente dopo il rilascio del follicolo, quando si forma il corpo luteo.

I suoi livelli di produzione aumentano ulteriormente durante la gravidanza, in base alla crescita del feto ma non è un indice del suo stato di salute. In prossimità del parto, invece, i suoi livelli diminuiscono progressivamente per preparare l’utero all’espulsione del feto.

Il progesterone svolge numerosi compiti. Nelle donne in età fertile è un indice del corretto svolgimento del ciclo e, durante le mestruazioni, monitorare la sua produzione insieme a quella dell’estrogeno – detto anche estradiolo – serve a valutare l’ovulazione.

In gravidanza il suo compito è quello di interrompere il ciclo mestruale, preparare l’endometrio (mucosa che ricopre l’interno dell’utero) ad accogliere l’embrione, favorendone l’attecchimento, e di impedire che il corpo della mamma consideri il feto un elemento estraneo e lo rigetti tramite l’aborto spontaneo. Il progesterone, inoltre, aiuta l’utero a crescere di pari passo con il feto e favorisce l’aumento del seno, dilatando i vasi sanguigni locali per garantire un maggiore afflusso sanguigno in questa area e stimolando lo sviluppo dei lobuli (strutture ghiandolari presenti nel tessuto adiposo della mammella).

Questo ormone, particolarmente importante per il buon svolgimento della gravidanza e la regolazione del funzionamento degli organi sessuali secondari nelle donne, è prodotto in minima parte anche dall’organismo maschile dalle cellule testicolari di Leyding.

Progesterone alto

Talvolta può accadere di avere problemi di progesterone alto o di progesterone basso.

Le cause possono essere diverse e, come è facilmente intuibile, uno squilibrio nei livelli di progesterone può comportare degli effetti collaterali.

Per misurare i livelli di progesterone nel sangue è necessario effettuare un prelievo ematico. Per quanto riguarda i valori di riferimento, la metodica seguita da ciascun laboratorio di analisi può essere diversa, pertanto non si tratta di valori assoluti ed universalmente validi. Sarà compito del medico leggere i valori riportati sul referto medico ed effettuare la diagnosi corretta.

Fatta questa premessa, i livelli di progesterone che, in linea generale, sono considerati normali sono i seguenti:

  • donne in fase follicolare 0,20 – 1,50 ng/ml;
  • donne in piena fase ovulatoria 0,80 – 300 ng/ml;
  • donne in fase luteale 1,70 – 27,00 ng/ml;
  • donne in menopausa da valori inferiori a 0,15 ng/ml a valori fino ad un massimo di 0,80 ng/ml;
  • uomini adulti 0,20 – 1,40 ng/ml

Prima di effettuare l’esame del sangue è bene chiedere al medico quali sono i fattori che possono influenzarne l’esito perché bisognerà tenerne conto una volta ottenuti i risultati.

Tali fattori sono: la fase del ciclo che attraversa la donna al momento delle analisi; farmaci corticosteroidi o progestinici, gravidanza gemellare e menopausa.

Le cause di progesterone alto nella donna possono essere diversi. Eccone alcuni:

  • presenza di una gravidanza;
  • gravidanza gemellare o multipla;
  • gravidanza molare;
  • placenta non espulsa dopo il parto;
  • pubertà precoce;
  • sindrome premestruale (come abbiamo visto il progesterone aumenta durante l’ovulazione e a mestruazione iniziata si osservano livelli fluttuanti di questo ormone);
  • menopausa (può causare livelli alti, bassi o fluttuanti di progesterone);
  • tumore ovarico o del surrene;
  • trattamenti a base di progesterone e/o estrogeno per la cura del cancro uterino
  • iperplasia surrenalica (funzionamento anomalo delle ghiandole surrenali)

I valori di progesterone alto possono essere presenti anche in caso di mola vescicolare, cisti luteiniche o adenoma ipofisario che secerne LH.

Progesterone alto sintomi

Il progesterone alto può avere diversi sintomi. Il principale è senz’altro la stanchezza, poiché degli elevati livelli di questo ormone diminuiscono l’attività di alcuni recettori presenti nel cervello.

Altri sintomi che possono far sospettare un aumento dei livelli di progesterone sono:

  • gonfiore del ventre, di piedi, dita e caviglie durante le mestruazioni;
  • seno dolorante e molto sensibile al tatto;
  • cambiamenti improvvisi e rapidi dell’umore;
  • secchezza vaginale;
  • perdita dell’interesse sessuale.

Progesterone basso

Il progesterone basso può manifestarsi in alcuni momenti della vita, come la menopausa.

In particolare, come abbiamo visto in precedenza, i livelli di progesterone si abbassano in prossimità del parto allo scopo di preparare l’utero al momento dell’espulsione del bambino.

Quando si verifica al di fuori del periodo della gestazione, invece, può dipendere da una patologia o da una disfunzione. In tal caso sono necessari accertamenti medici ed il ricorso ad una terapia appropriata al caso.

Come è facilmente intuibile, trattandosi di un ormone importante per la salute riproduttiva della donna, dei livelli bassi di questo ormone possono interferire con le sue capacità riproduttive, rendendo difficile l’avvento di una gravidanza.

Se in alcune persone il progesterone basso può non determinare alcun sintomo evidente, in altre si manifestano i seguenti sintomi:

  • irregolarità mestruali;
  • altri problemi legati agli ormoni femminili (mal di testa, ritenzione idrica, aumento di peso, dolore al seno, dolori addominali, acne o altri problemi della pelle);
  • vampate di calore, spesso confuse con quelle della menopausa;
  • dolori muscolari;
  • affaticamento;
  • secchezza oculare;
  • gonfiori e costipazione;
  • insonnia;
  • assottigliamento dei capelli;
  • ansia e/o attacchi di panico.

Come nel caso del progesterone alto, anche quando si sospetta di avere dei bassi livelli di progesterone è necessario effettuare degli accertamenti per verificare il dosaggio ormonale e i livelli di progesterone.

Solitamente, questi controlli vengono prescritti:

  • ai pazienti di sesso maschile con diagnosi di tumore ai testicoli o alle ghiandole surrenali;
  • alle pazienti di sesso femminili che hanno squilibri del ciclo e difficoltà a portare a termine il concepimento;
  • per individuare eventuali rischi di aborto spontaneo;
  • per verificare lo stato della placenta durante la gravidanza.

Progesterone basso cause

Le cause del progesterone basso possono essere diverse. Un notevole decremento dei livelli di questo ormone si nota in una fase molto delicata nella vita della donna, ovvero la pre-menopausa, che è il periodo che precede l’ultima mestruazione. I sintomi tipici che si manifestano in questa fase sono: irregolarità mestruali, amenorrea o cicli emorragici.

Quando il progesterone basso si verifica durante l’età fertile, invece, è causato da problemi come:

  • ovaio policistico;
  • problemi alle ovaie legati all’obesità;
  • stress e sbalzi di peso;
  • disfunzioni alla tiroide, all’ipofisi o all’ipotalamo;
  • tumori alle ghiandole surrenali o, negli uomini, ai testicoli.

Carenza di progesterone

La terapia per la carenza di progesterone, in genere, consiste nell’assunzione di farmaci progestinici, così chiamati perché sono a base di progesterone sintetico.

Questi farmaci sono disponibili sotto forma di ovuli vaginali, compresse, crema, soluzione per iniezioni intramuscolari.

Nel caso di pazienti giovani, oltre all’assunzione dei farmaci progestinici, viene prese in considerazione anche l’opportunità di ricorrere a tecniche di fecondazione assistita, data l’incapacità dell’utero di accogliere l’ovulo fecondato e di consentire l’impianto dell’embrione.

L’assunzione di questi farmaci comporta dei notevoli miglioramenti fin da subito, tuttavia devono essere assunti solo dietro prescrizione e sotto controllo del proprio medico di fiducia a causa degli effetti collaterali, anche gravi, che possono avere.

Effetti progesterone

Gli effetti collaterali del progesterone sono vari. Quelli più comunemente riscontrati sono:

  • disturbi centrali (nervosismo, cefalea, emicrania, insonnia o sonnolenza, tremore);
  • disturbi della pelle (irsutismo, acne, seborrea, prurito, orticaria, rash cutaneo);
  • disturbi endocrini (disturbi mestruali, perdite vaginali, ginecomastia, tensione mammaria e alterazione della libido).

In alcuni casi possono manifestarsi anche altri disturbi come:

  • nicturia (bisogno frequente di urinare di notte);
  • disuria (difficoltà e irregolarità nell’emissione di urina);
  • crampi muscolari;
  • dolori alle ossa e alle articolazioni;
  • disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea, flatulenza, costipazione, dolori addominali, ecc.);
  • disturbi respiratori (asma, rinite, rinite e iperventilazione);
  • disturbi del sangue (porpora e anemia);
  • alterazioni della funzionalità epatica.

Il progesterone va somministrato con cautela nei pazienti soggetti a rischio di tromboembolismo o che soffrono di epilessia, asma, insufficienza cardiaca o renale, ipertensione ed emicrania. Si raccomanda cautela anche per i pazienti che svolgono attività pericolose o che richiedono attenzione e coordinamento, poiché tra i vari effetti collaterali troviamo la sonnolenza.

L’uso di progesterone in gravidanza è consigliato solo durante il primo trimestre, mentre, dopo il parto, l’allattamento al seno è sconsigliato a tutte le pazienti che seguono una terapia a base di progesterone, in quanto questo ormone è secreto nel latte materno.

La somministrazione topica del progesterone può ridurre notevolmente la comparsa di effetti collaterali.

Rimedi naturali

I livelli di progesterone prodotti dall’organismo possono essere regolarizzati attraverso l’assunzione di farmaci progestinici, oppure ricorrendo ai rimedi naturali. Quelli che si rivelano più utili in caso di squilibri di questo ormone sono Igname Selvatico, Dong Quai e Wild Yam.

Di seguito vi consigliamo alcuni rimedi naturali, acquistabili direttamente su Amazon, da assumere sempre sotto la supervisione di un medico.

  • Igname selvatico Vegavero – 120 capsule con aggiunta di zinco

Queste capsule, del costo di circa 18 euro, sono integratori naturali e vegani. Aiutano a combattere i sintomi della menopausa, possono migliorare la fertilità e ristabilire la salute delle pelle alterata dagli squilibri ormonali. Sono, inoltre, un toccasana per le ossa e i disturbi del sonno.

  • Dong Quai 60 Compresse di Healt Aid

Il Dong Quai è uno dei rimedi più usati nella medicina popolare cinese per curare i disturbi ginecologici, come l’amenorrea, i periodi di flusso mestruale irregolare, i sintomi della menopausa e per alleviare i crampi mestruali. Su Amazon è disponibile sotto forma di compresse, acquistabili per circa 21 euro.

  • Gel naturale alla diosgenina – Crema idratante con il 64% di diosgenina e l’80% di estratto di Wild Yam

Questo gel, dal costo di circa 15 euro per 100 ml di prodotto, è un supporto ideale in menopausa, contro le vampate di calore e per alleviare la secchezza vaginale. Grazie alle proprietà dei suoi componenti armonizza i livelli ormonali nel corpo della donna e stimola la produzione di DHEA nelle ghiandole surrenali. Non contiene siliconi, parabeni o coloranti.


© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaLo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da ...
Littlelife Mini Trolley Tartaruga - LittleLife
79 €
Compra ora
Prozis CoreHR - Smartband con cardiofrequenzimetro
24.99 €
Compra ora