Perdite in gravidanza: quando preoccuparsi e come distinguerle

Perdite rosse, marroni, bianche o da impianto: quando c'è da preoccuparsi in gravidanza? Ecco i consigli utili per distinguerle.

Durante i 9 mesi di gestazione, una delle paure comuni a tutte le donne incinte è quella relativa alle perdite in gravidanza. Possono essere rosse o marroni, bianche e dense, oppure semplicemente lievi e non cospicue. Le perdite in gravidanza mettono sempre in allarme le future mamme: quando c’è da preoccuparsi e cosa bisogna fare? Scopriamolo insieme.

Perdite in gravidanza

Uno dei disturbi che causa maggiore apprensione in una donna in stato interessante sono le perdite in gravidanza, le quali possono essere di diversi tipi ed essere causate da svariati fattori. Sta di fatto che scoprire sullo slip qualche goccia di sangue o di liquido biancastro provoca del panico. Che significato hanno le perdite in gravidanza e quando c’è da preoccuparsi e chiamare il medico? Innanzitutto, è opportuno specificare le perdite possono essere di colore e consistenza diversi.

Hanno anche e soprattutto un significato diverso, a seconda del momento nel quale si presentano.

Nel primo trimestre

Nel primo trimestre di gravidanza si possono verificare delle perdite di sangue e non sono anomale; quando si verificano, invece, nei mesi successivi, allora potrebbero essere un campanello d’allarme di una possibile complicazione. Se si verificano delle perdite nel secondo e nel terzo trimestre, allora, è opportuno e doveroso contattare il medico.

Perdite di sangue

In alcuni casi, dopo qualche giorno dal concepimento, si possono verificare delle perdite di sangue e possono tranquillamente essere considerate tra i sintomi di una gravidanza in corso. Sono di colore marrone e non provocano dolori addominali o di altro genere. Sono le cosiddette perdite da impianto e coincidono con il momento in cui l’embrione si annida nella parete interna dell’utero. Lo spotting da impianto, di solito, si verifica tra il settimo e il dodicesimo giorno dopo l’ovulazione e dura solitamente 48 ore.

Quando invece le perdite di sangue sono accompagnate da dolori addominali e risultano essere abbastanza importanti, allora il fenomeno potrebbe essere legato a un’eventuale minaccia d’aborto, oppure al distacco della placenta, a un travaglio prematuro o ancora a una gravidanza extrauterina. In tutti questi casi, naturalmente, bisogna urgentemente rivolgersi al proprio medico.

Perdite rosa

Le perdite di sangue dal colore rosa sono abbastanza comuni e potrebbero derivare dal collo dell’utero a causa di dilatazione, abrasioni o altri problemi. Altre lievi perdite non preoccupanti possono verificarsi durante un rapporto sessuale, a causa di alcuni fenomeni fisiologici, che si verificano con la gravidanza, in quanto la cervice è soggetta alla presenza di maggiore quantità nelle sua zona comportando quindi una sua maggiore vulnerabilità.

Perdite bianche

Le perdite bianche in gravidanza sono del tutto fisiologiche, in quanto sono legate a uno sbalzo ormonale, ossia l’aumento del livello di estrogeni.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come contare le settimane di gravidanza: il metodo

Back to school, la giornata tipo di mamma e figlio: come organizzarla

Leggi anche
  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • VideoWow! Il Video di un bimbo nel suo sacco amniotico è imperdibile
  • Abbigliamento neonato DisneyWalt Disney: vestiti per neonati
  • 
    Loading...
  • Vitamine prenatali prima della gravidanzaVitamine prenatali prima della gravidanza
Entire Digital Publishing - Learn to read again.