Gli isoflavoni di soia possono favorire il concepimento?

Gli isoflavoni di soia sono inutili o possono effettivamente favore il concepimento? Scopriamolo insieme.

Gli isoflavoni di soia possono favorire un concepimento? Sfortunatamente, non c’è una risposta chiara. Alcune donne sostengono che l’assunzione di questa sostanza le abbia aiutate a concepire, ma gli scienziati non l’hanno studiato e non ci sono dati per verificarne l’efficacia.

Infatti, alcuni esperti avvertono che ingerire prodotti di soia altamente concentrati possa effettivamente inibire la fertilità, soprattutto nelle donne che hanno un ciclo mestruale normale, ovvero sotto i 35 giorni. In quelle donne, l’assunzione di integratori di soia potrebbe rendere un ciclo funzionante fuori asse.

Esistono comunque integratori molto importanti se vuoi concepire, nonché certificati e sicuri.

Come funzionano gli isoflavoni di soia

L’idea è che gli isoflavoni di soia, un tipo di fitoestrogeno, o estrogeno derivato dalle piante, possano funzionare in modo simile al clomifene del farmaco per la fertilità.

Entrambi agiscono sulle vie degli estrogeni nel corpo, e possono essere usati per manipolare il ciclo mestruale. Se ovuli in modo irregolare o non lo fai affatto, ciò potrebbe far ripartire l’ovulazione. Se tuttavia i tuoi problemi di fertilità sono dovuti a qualcos’altro, i rimedi non ti aiuteranno.

In teoria, ecco come funzionerebbe. Gli isoflavoni della soia bloccano i recettori degli estrogeni nel tuo cervello, e ingannano il tuo corpo nel pensare che i suoi livelli naturali di estrogeni siano bassi.

In risposta, il tuo corpo inizia una cascata di eventi per aumentare la produzione di estrogeni. Come parte di questo processo, un gruppo di cellule uovo cresce in modo da essere pronto per il rilascio durante l’ovulazione. Dopo cinque giorni, smetti di prendere gli isoflavoni. Cosa succede? Ebbene, una volta che il loro blocco dei recettori si esaurisce, il tuo corpo dice: “Oh, ora abbiamo un sacco di estrogeni, è ora di ovulare” e rilascia un ormone che innesca l’ovulazione.

Come agiscono

Il problema è che non tutti gli isoflavoni di soia agiscono necessariamente allo stesso modo. Alcuni isoflavoni di soia funzionano come un bloccante degli estrogeni, ma altri imitano gli estrogeni. Il corpo, in realtà, pensa che siano estrogeni. Ciò può causare problemi di salute e peggiorare uno squilibrio ormonale. Jill Blakeway, un agopuntore autorizzato ed erborista clinico, sostiene che qualcuno con fibromi uterini, per esempio, può scoprire che la sua condizione peggiora dopo l’assunzione di isoflavoni di soia.

Il farmaco clomifene non presenta questo rischio, perché è specificamente progettato per agire come un blocco degli estrogeni. Gli isoflavoni di soia sono più vari e imprevedibili nel loro impatto. Inoltre, alcuni tessuti del tuo corpo che sono sensibili agli estrogeni, come il seno, l’utero e le ovaie, potrebbero avere problemi se esposti agli isoflavoni di soia simili agli estrogeni. Ci sono alcune prove che grandi dosi di soia possono incoraggiare le cellule cancerose a crescere in questi tessuti. C’è anche la prova che mangiare troppa soia possa danneggiare la tiroide e portare all’ipotiroidismo.

Inoltre, dice Blakeway, se si assumono isoflavoni di soia nella prima metà del ciclo per aumentare la produzione di estrogeni, ma non prendere nulla nella seconda metà per aumentare i livelli di progesterone, si può finire con uno squilibrio ormonale che fa male la fertilità. Questo perché gli ormoni coinvolti nel ciclo mestruale salgono e scendono in una danza finemente coordinata. Se ne alterate uno, quest’ultimo può influenzare gli altri.

Prezzo

Infine, gli isoflavoni di soia sono venduti come integratori alimentari. Di conseguenza, non sono soggetti agli stessi test rigorosi per i farmaci da prescrizione o da banco.

“Non c’è modo di certificare se ciò che stai prendendo contiene la quantità di soia (o altri ingredienti) che pensi”, sostiene la nutrizionista Hillary M. Wright. Il clomifene, in confronto, è regolato dalla FDA, ha una lunga storia di sicurezza e viene prescritto in quantità precise.

Gli isoflavoni di soia non sono significativamente più economici del clomifene, quindi risparmiare denaro probabilmente non è una buona ragione per usarli. Gli integratori costano in genere da 10 a 20 euro per un ciclo. Se non si dispone di copertura farmacologica, un ciclo del farmaco Clomid costa circa 60 euro, mentre un ciclo della versione generica (venduto come clomifene citrato o Milophene) costa circa 30 euro. Naturalmente, utilizzare qualsiasi forma di clomifene richiede una prescrizione e la cura di un professionista della salute.

Consigli finali

Se vuoi ancora provare gli isoflavoni di soia per la fertilità, considera i seguenti consigli:

  1. Le donne sopra i 35 anni dovrebbero cercare subito un intervento medico piuttosto che passare il tempo ad esplorare un’opzione come la soia che potrebbe non essere efficace, dice Shari Brasner, ginecologo e professore alla Mount Sinai School of Medicine.
  2. Prova gli isoflavoni di soia solo se ovuli irregolarmente o per niente. Non usarli se hai problemi di salute che potrebbero essere peggiorati dall’assunzione di fitoestrogeni concentrati, come fibromi uterini, polipi uterini, endometriosi, seni fibrocistici o malattie della tiroide.
  3. Se hai la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), è saggio evitare gli isoflavoni della soia, anche se il clomifene è spesso prescritto alle donne con questa condizione. I fitoestrogeni possono aggravare la PCOS, dice l’agopuntore Blakeway. Il clomifene è una scommessa migliore per le donne con PCOS, poiché gli esperti sanno esattamente come funziona il farmaco e ha risultati più prevedibili. Prendi una dose da 80 a 200 mg al giorno nei giorni del ciclo da 3 a 7 o da 5 a 9 (proprio come faresti se stessi prendendo il clomifene), consiglia Blakeway. Usa la dose più bassa possibile e non cambiarla durante i cinque giorni del ciclo. Inoltre, attieniti agli integratori; non è realistico cercare di ottenere la quantità suggerita solo attraverso il cibo.

Parla con il tuo medico delle possibili interazioni tra la soia e i farmaci che stai prendendo, compresi gli antibiotici, i farmaci per la tiroide e il clomifene. Sii consapevole del fatto che si possono verificare effetti collaterali a breve termine, tra cui mal di testa, affaticamento, tenerezza del seno e disturbi digestivi. Prendere gli integratori all’ora di andare a letto può aiutare a minimizzare l’impatto di questi effetti collaterali.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I nutrienti essenziali per avere una gravidanza

Olio di pesce: gli integratori perfetti per uno sperma sano?

Leggi anche
  • YogaYoga: può aiutare a rimanere incinta?

    Lo yoga potrebbe portare grandi benefici a 360 gradi.

  • vaccino antinfluenzaleVaccino antinfluenzale: è sicuro se si vuole una gravidanza?

    Il vaccino antinfluenzale può fare molto di più.

  • Utero retroverso in gravidanzaUtero retroverso in gravidanza: problematiche possibili

    Un utero retroverso non crea alcun tipo di problema durante la gravidanza, anzi avere l’utero retroverso facilita la gravidanza. Scopri il perché.

  • Loading...
  • VacanzaUna vacanza può aiutare a rimanere incinta?

    La luna di concepimento potrebbe essere particolarmente utile.

  • Una ragazza può rimanere incinta se ha il ciclo ?Una ragazza può rimanere incinta se ha il ciclo ?
Contents.media