Notizie.it logo

Iperidrosi: come combatterla con il giusto tessuto

Iperidrosi come combatterla

L'eccessiva sudorazione è una problematica diffusa tra i più grandi e i più piccoli. Ecco alcuni trucchi utili per combattere l'iperidrosi con il tessuto giusto.

Il sudore è una realtà necessaria sia per idratare la pelle ma soprattutto per diminuire la temperatura nel corpo, una razione fisica che avviene in maniera automatica ogni volta che si produce calore. In alcuni casi però la sudorazione può diventare una problematica estetica, con la formazione di chiazze sotto le ascelle, macchiando una camicia elegante, oppure rendendo non più tanto sexy un vestitino. Si parla di iperidrosi ed è una realtà di cui soffrono tantissime persone. Ma quali sono le sue cause? E soprattutto come è possibile combatterla con i giusti tessuti? In questa guida andremo ad analizzare i singoli aspetti al fine di avere gli strumenti naturali indispensabili per non essere limitati da questa realtà.

Come combattere l’iperidrosi: un problema tra salute ed estetica

Iperidrosi è una parola composta che nasce dalla combinazione del termine hidros, che in greco vuol dire sudore e dal suffisso iper, che va a indicare un qualcosa in eccesso.

Combinando i due elementi si avrà quindi un’eccessiva sudorazione. Ma come viene prodotto il sudore? Tutto il nostro corpo emette sudore, grazie alla presenza di ghiandole sudoripare, presenti nel derma e collegate direttamente all’esterno attraverso un sottile canale, oppure i bulbi piliferi. In alcune zone come le ascelle, le mani i piedi e l’inguine, la presenza di queste ghiandole è maggiore e questo implica in particolari situazioni un’eccessiva sudorazione. L’iperidrosi non è una patologia, ma può essere una problematica che può generare situazioni spiacevoli sia causando la tipica chiazza di bagnato sui tessuti, sia portando a una sensazione sgradevole sulla pelle ed eventuali irritazioni. Infatti il sudore è per lo più composto di acqua, ma al suo interno sono disciolte anche altre sostanze che a volte acquisiscono un odore pungente e non sempre piacevole.

Vivere la iperidrosi in pubblico comporta quindi il verificarsi di situazioni molto imbarazzanti.

Come combattere l’iperidrosi: le cause

Il verificarsi della sudorazione eccessiva è principalmente causata da una stimolazione nervosa che interviene sulle ghiandole sudoripare. Per questo spesso l’eccessiva sudorazione si verifica in particolari momenti della vita di un individuo per poi scomparire, soprattutto quando vi è tensione e disagio. Altre volte però l’iperidrosi è una realtà che rimane per sempre. Combatterla non è facile, dato che l’impiego di creme e deodoranti specifici riesce a tamponare solo momentaneamente la produzione del sudore eccessivo non eliminando la sensazione sgradevole e la problematica dell’alone. Per questo può essere utile non solo combinare l’impiego di prodotti del tutto naturali, ma anche combattere l’iperidrosi con l’utilizzo del giusto tessuto.

Come combattere l’iperidrosi: il giusto tessuto

Il nesso tra l’iperidrosi e l’abbigliamento è inevitabile, dato che ciò che indossiamo influisce sulla capacità del nostro corpo di mantenere o eliminare il calore in eccesso, aumentando la sudorazione.

Ma qual è l’abbigliamento più adatto al fine di poter combattere l’iperidrosi? In primo luogo si consiglia di utilizzare delle maglie che non siano troppo strette e di colori scuri. Infatti un tessuto aderente impedisce la circolazione dell’aria aumentando il colare del corpo e assorbendo il sudore in maniera diretta, inoltre è preferibile non indossare tessuti sintetici elasticizzati come per esempio quelli in poliestere, lycra o in composti di fibre. Infatti questi tessuti anche se sono molto comodi e pratici dato che non trattengono il calore, dall’altro lato non hanno grossa capacità di permettere il transito dell’acqua e quindi assorbono il sudore. Infine i colori chiari, determinano un risalto maggiore delle chiazze di bagnato nelle parti più delicate.

Le fibre naturali sono quelle consigliate sia per la biancheria intima, sia per l’abbigliamento di tutti i giorni. Tra i tessuti più impiegati per combattere l’iperidrosi vi è il cotone, che ha un’alta capacità di assorbire l’umidità oltre a favorire la traspirazione della pelle e il lino, una valida soluzione grazie alla sua leggerezza e alla sensazione di freschezza che produce a contatto con la pelle. Infine anche il bambù è molto utile soprattutto per chi ha un derma molto delicato per evitare eventuali allergie.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea

    Lo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da cibo, delle

Leggi anche