Notizie.it logo

Infertilità secondaria

infertilità secondaria

Cercando il secondo figlio

Il nostro primo figlio..–uno di quei bambini scherzosamente definiti come un “incidente”– non era abbastanza, quando mio marito ed io abbiamo deciso che ne volevamo un altro. Al momento, non mi sembra arrogante pensare ciò come una decisione e non solo una speranza. Dopo tutto, se ho potuto concepire senza volerlo, quanto sarebbe potuto essere difficile essere incinta di proposito? Ci sarebbe stato da avere un solo rapporto sessuale un pomeriggio durante il pisolino del bambino, e poche settimane più tardi una piccola linea blu sarebbe magicamente apparsa nella finestra di un test di gravidanza.
Due anni e due aborti spontanei più tardi, avevamo imparato una triste lezione di biologia umana: la fertilità non è sempre sotto il nostro controllo.
Come molte coppie che facilmente hanno concepito e fatto nascere il loro primo figlio, abbiamo affrontato una diagnosi scioccante: la sterilità secondaria. Medicamente, il termine si riferisce a genitori che, dopo 12 mesi di rapporti non protetti, non sono riusciti a concepire un altro bambino, ma i più esperti includono nella definizione anche aborti ricorrenti.

E in termini umani, il risultato è lo stesso: uno spazio vuoto in una famiglia dove un bambino è desiderato.
Infatti, uno dei segreti meglio custoditi dell’industria della fertilità è che quasi un quarto delle coppie in cerca di trattamento sono già genitori. Alcuni di questi pazienti ha avuto difficoltà a concepire la prima volta, in modo che sanno con che cosa hanno a che fare quando tentano di nuovo. Ma molti altri, come me e mio marito ci siamo rimasti scioccati per imparare che, “nella fertilità, il successo del passato non garantisce un successo futuro,” come Michael DiMattina, M.D., direttore del Centro Dominion fertilità ed endocrinologia, ad Arlington, Virginia,ammette.
Eppure, secondo il Dr. DiMattina, le persone che soffrono di infertilità secondaria sono solo la metà di quelle che si dovrebbero far curare come quelle che soffrono di sterilità primaria. Parzialmente, Dr. DiMattina dice, questa riluttanza deriva dalla negazione emotiva.

“Se in precedenza ero fertile, le persone tendono a pensare, rinuncerò al caffè o ridurrò lo stress, così rimarrò incinta.”Anche se tali misure senza dubbio migliorano la salute generale, egli dice,”esse non curano l’infertilità” A complicare le cose, pensano spesso che non ci sia una ragione medica quando i pazienti che precedentemente hanno dimostrato la loro fertilità si prendono un tempo insolitamente lungo per concepire. Purtroppo, un tale approccio di aspettare e vedere può consentire un problema non trattato diventare intrattabile.

Quali sono le cause di infertilità secondaria?

Il declino della fertilità tra una prima e un’auspicata seconda gravidanza può essere spesso l’ età. Glia anni più fertili sono tra i 15 e 1 25 anni con una caduta che si verifica a 3o ed è impressionante a 35. ( a 36 il 25 per cento delle donne può già essere infertile.) Molte donne ignorano questa realtà e ritardano la gravidanza fino ai 30 . Questo significa che sono ancora più vecchie quando cercano il secondo.

Si pensa che le uova di donna soffrano i danni cromosomici dell’ invecchiamento. Più vecchie sono le uova, e si avranno meno probabilità di rimanere incinta.
Passando il tempo significa anche che altre condizioni, si possono verificare. Cambiamenti ormonali o altri problemi endocrini possono insorgere, alterare il delicato equilibrio del corpo. E l’endometriosi, una malattia in cui il rivestimento uterino si attacca ad altri organi pelvici, peggiora nel tempo se non è trattato, creando blocchi alle tube che bloccano il concepimento e causano gravidanze ectopiche, cioè quando l’ovulo fecondato si impianta un punto diverso dall’utero..–solitamente nella tuba di Falloppio, che può rompersi e deve essere rimossa chirurgicamente.
Nell’ uomo il basso numero di spermatozooi e la scarsa moltilità sono colpevoli del 40 per cento dei casi di sterilità. In alcuni casi, il cambiamento nella fertilità di un uomo può essere ricondotto a una malattia cronica come l’ipertensione o il diabete, spiega Esther Eisenberg, M.D., direttrice di endocrinologia riproduttiva e infertilità a Vanderbilt University Medical Center, a Nashville.

L’eccessivo uso di alcol e il consumo e l’uso di marijuana possono anche alterare la fertilità maschile.
Più spesso, però, il motivo del cambiamento semplicemente non può essere individuato, rendendo la diagnosi particolarmente sconcertante. “Abbiamo avuto un bambino, quindi ci aspettavamo che il test funzionasse bene”dice Tara, 23 anni, , che ha atteso un anno per concepire sua figlia. “È stato un vero colpo scoprire che mio marito aveva un numero basso di spermatozooi.” Le cicatrici sono un’altra possibile causa. Le infezioni non trattate possono lasciare il tessuto anormale nell’utero. Queste aderenze possono impedire di impiantare correttamente un ovulo fecondato o creare cicatrici nelle tube di Falloppio che impediscono di raggiungere l’ uovo. Una nuova madre può sviluppare un’infezione senza rendersene conto, dice la Dottoressa Eisenberg. Molte donne hanno sintomi di infezione che non riferiscono mai. La loro diminuita fertilità non è scoperta fino a quando esse cercano di concepire di nuovo.
Sandy Mott, 36, Sterling, Virginia, è rimasta incinta facilmente nel 1991 e nel 1993 e entrambi i parti sono andati bene .

I medici di Mott ora ritengono, tuttavia, che ha sofferto un’infezione non diagnosticata dopo la nascita del suo secondo figlio. Le cicatrici risultanti hanno contribuito ad una gravidanza ectopica nel 1998 non diagnosticata fino a quando non è si è rotta una tuba di Falloppio; una seconda gravidanza ectopica è stato presa in tempo e rimossa. A causa del tessuto cicatriziale nella sua tuba restante, una procedura costosa fertilizzazione in vitro (IVF) era la migliore opzione di Mott. Dopo un fallito tentativo di fecondazione in VITRO, Mott e suo marito erano pronti a chiudere ma poi hanno deciso di provare di nuovo quando è arrivata una nuova assicurazione sanitaria con copertura alcuni infertilità. Questa volta, la procedura ha funzionato, e il terzo figlio della coppia è nato lo scorso giugno.
Ma la diagnosi più comune di gran lunga..–in oltre il 20 per cento di tutti i casi..–è semplicemente “infertilità inspiegata”. In altre parole, dice la psicoterapeuta clinica Harriet Fishman Simons, pH.d., autrice di Volere un altro figlio, con sterilità secondaria (Jossey-Bass), “non c’è una diagnosi per tutti. Non è chiaro se c’ è stato qualche fattore o la coppia è stata solo sfortunata o se il fattore si è aggravato nel corso del tempo.” Perché è così vago, il verdetto “senza causa conosciuta” e può essere particolarmente difficile da accettare: “dopo tutto, questi genitori hanno la prova vivente della loro fertilità,” dice la Dottoressa Simons. ” I nostri due bambini di età superiore sono stati concepiti con a malapena un pensiero,”dice Ellen Rosenblum, 37, Aurora, Colorado.”Come potevamo sapere che la terza volta sarebbe stato così diverso?” Dopo aver provato a concepire per otto mesi, lei e suo marito hanno subito la prova, senza risultati chiari di fertilità. Anche se la coppia alla fine ha avuto una terza figlia, che ora ha 6 mesi, “e ‘stato incredibilmente frustrante,” dice la signora Rosenblum. “Quando c’è una diagnosi, almeno ci potrebbe essere un piano di trattamento.”

Quanto tempo si deve aspettare?

La quantità di tempo necessaria prima di consultare un esperto di fertilità opera su una scala mobile secondo l’età. (Ricordate: anche al culmine della fertilità, le probabilità di una donna di concepire durante qualsiasi dato ciclo sono circa del 30 per cento.) Se siete sotto i 30 anni, 12 mesi; Se avete più di 30 anni, dopo 6 mesi.
Molti ostetrico-ginecologi hanno partecipato a workshop di sterilità e sono competenti a eseguire le procedure diagnostiche di base e a prescrivere il farmaco ovulatorio, ma hanno ricevuto solo una frazione della formazione di un endocrinologo riproduttivo. Se non hai avuto alcun successo dopo sei-nove mesi di trattamento, vedi uno specialista. (Se avete bisogno di aiuto per individuare un endocrinologo riproduttivo nella vostra zona, accedere al sito Web della società americana di medicina riproduttiva, a www.asrm.org.)
La buona notizia: la sterilità secondaria è più probabile che sia trattabile rispetto alla sterilità primaria. Se si interviene tempestivamente, se si consulta uno specialista e si segue fedelmente il piano di trattamento prescritto, avrete tutte le ragioni per sentirvi sicuri che alla fine avrete un altro bambino.

Le montagne russe dell’ infertilità

Così difficile da credere, gli studi indicano che gli effetti emotivi della sterilità secondaria sono identici a quelli della sterilità primaria. Secondo la consigliera dei genitori Alice Domar, pH.d., direttore del centro per la salute delle donne presso la di Harvard Medical School mente/corpo Medical Institute e coautrice di Sei passaggi per fertilità aumentata (Simon & Schuster), “le donne in trattamento per la sterilità secondaria sono altrettanto depresse e ansiose come donne che non hanno un figlio biologico.” Inoltre, le pazienti che soffrono di infertilità secondaria devono affrontare problemi emotivi non affrontati dalle pazienti senza figli. Qui ne abbiamo esposto qualcuno.

Isolamento emotivo

La Dottoressa Domar sottolinea che “le pazienti con infertilità secondaria sono in una sorta di terra di nessuno”. Come genitori, essi sono stati esclusi dal mondo dell’ infertilità, che tende a vederli come ingrati, perché hanno già un bambino. Si sentono anche alienati dal mondo fertile perché essi non riescono a concepire. E se le coppie senza figli possono immergersi in preoccupazioni da adulti, concentrandosi sui viaggi o sulla carriera, i genitori di bambini piccoli incontrano donne incinte e neonati ovunque si trovino.In effetti, alcuni dei migliori supporti che avete sperimentato come genitori può diventare, dice la Dottoressa Domar, “la più grande fonte di male, perché questi genitori non si sentono più parte del club.”

Gelosia e risentimento

Persone normalmente razionali spesso trovano difficile pensare con chiarezza circa la sterilità; il dolore e la frustrazione semplicemente sopraffa la logica. “Io potevo cogliere il fatto che le gravidanze di altre donne ha fatto male alle mie possibilità in qualche modo,” ammette Sandy Mott. “In qualche modo sentivo che c’erano un numero limitato di bambini là fuori, e se non rimanevo incinta presto, non ce ne sarebbe stato uno per me.”
“Ci si sente come un coltello nel cuore ogni volta che qualcuno mi dice che lei è rimasta incinta per caso,” concorda Carolyn Hutton, 29, di Campbell River, British Columbia, che si trova ad affrontare l’infertilità per la seconda volta, dopo aver con successo dato alla luce un figlio sei anni fa.

Senso di colpa

“Un sacco di pazienti si sentono colpevoli perché ricevono il messaggio che dovrebbero essere grate per il bambino che hanno,” dice la Dottoressa Simons. “Sono grate, ma questo non toglie il desiderio di un altro bambino.” “Questo desiderio è urgente, e altrettanto disperato e divorante come se fosse la prima volta ” dice Anne Clements, una madre di East Rutherford, New Jersey, che ha facilmente concepito sua figlia di 3 anni ma ha abortito per due gravidanze successive. “A volte mi sento avida per volere un altro miracolo .”

Rabbia

Alcune pazienti si infuriano quando gli altri non capiscono il modo in cui si sentono. “Sono stufa di gente che mi diceva di essere grata per Samantha,” dice Valencia, California, .”Come se io non?”Melissa Swanson, Reno, Nevada, madre che prematuramente ha partorito prematuramente tre figli , che non sono sopravvissuti, poi con successo dando vita alla figlia Amanda, che ora ne ha 5, dice, “certo che sono grata di avere una bambina sana: ho attraversato l’inferno e sepolto tre bambini per farla” Nora dice” Non avrei mai immaginato di allevare un figlio unico.” Viene detto di sentirsi riconoscente, Swanson dice, è anche ingiusto. “Nessuno dice a una donna che prevede il secondo figlio, ‘ Accidenti, perche ‘ sei incinta nuovamente? Non sei grata per avere un bambino?'”

Pressioni del bambino

A volte il bambino stesso innocentemente aggiunge l’angoscia. Due settimane dopo il mio secondo aborto, mio figlio di 3 anni era con me nel camerino di prova di un negozio; quando ho chiesto quello che stava dicendo a se stesso davanti allo specchio, egli ha risposto, “sto fingendo di avere fratelli.” Confuso, egli accarezzò mia spalla più e più volte e piangeva.”Una delle esperienze più toccanti per le pazienti con sterilità secondaria è quando il loro figlio inizia a chiedere un fratello o una sorella,” la Dottoressa Simons concorda. “Sentono che stanno lasciando solo lui “. Peggy Birck, di Bethpage, New York, dice: “mia figlia, Lauren, chiede per una sorella ogni giorno, e mi spezza il cuore. So che lei sarebbe una sorella maggiore”.
I bambini esistenti possono anche complicare il trattamento. Per coppie che sono già genitori possono risultare difficile da giustificare i costi elevati, che spesso consistono in decine di migliaia di dollari e raramente sono coperti da assicurazione.
C’è anche la questione dell’assistenza all’infanzia. “Il trattamento dell’infertilità è molto impegnativo,” spiega la Dottoressa Domar. “Un sacco di trattamenti richiedono esami quotidiani del sangue ed ecografie, iniezioni e altre procedure, ed è difficile fare tutto ciò che quando avete un bambino.”

Discordia coniugale

Come sterilità primaria, l’ infertilità secondaria può guastare una relazione. Ma secondo la Dottoressa Simons, le coppie che soffrono di infertilità secondaria sono più probabilmente sincronizzate rispetto a coppie senza figli (anche se la maggior parte sopravvive allo stress). Tara Jenkins, cui la sterilità deriva da problemi ovulatori dalla sua parte e basso numero di spermatozooi di suo marito, dice, “È una buona cosa che lui sia così tollerante, perché i farmaci mi trasformano in un vero mostro.”
Molte volte, le madri vogliono perseguire il trattamento, mentre padri sostengono che vorrebbero stabilirsi con la famiglia che già c’ è. “Questi trattamenti possono essere molto dirompenti e un sacco di uomini vogliono che la loro famiglia torni felice più che aggiungere un altro figlio,” dice la Dottoressa Simons.
“Per mio marito è più difficile passare del tempo con me rispetto agli aborti,” ammette Anne Clements, esprimendo un tema comune. “La sua lamentela maggiore è che io sono ossessionata”.

Copyright © 2001 Margaret Renkl. Ristampato con il permesso dal numero di febbraio 2001 della rivista genitori.

Tutti i contenuti qui, inclusi consigli di medici e altri professionisti della salute, dovrebbero essere considerati come solo pareri. Chiedete sempre la consulenza diretta del medico in relazione a eventuali domande o problemi, che possono insorgere per quanto riguarda la propria salute o la salute degli altri.

© Riproduzione riservata
Leggi anche