Cos’è il trauma da parto e come andare avanti

Sebbene sia impossibile prevenire tutti i tipi di trauma da parto, è possibile ridurre al minimo le possibilità averne uno.

Parliamo di qualcosa di cui nessuno vuole parlare: il trauma da parto. Non è una cosa che si prevede, ma riguarda quasi un terzo delle madri. Secondo il PATTCH (Prevention and Treatment of Traumatic Childbirth), dal 25 al 34% delle donne subisce un trauma da parto.

Si tratta di un dato spiacevole e, a dire il vero, terrificante.

Che cos’è il trauma da parto?

Prima di proseguire, diamo una definizione di trauma da parto. I ricercatori definiscono il trauma da parto come una percezione di lesione o morte reale o minacciata per la madre o il suo bambino. Sebbene questa sia la definizione ufficiale, il trauma da parto va oltre. Per alcune donne, non riguarda in realtà un’esperienza straziante o pericolosa.

Si tratta piuttosto della perdita di controllo, della mancanza di sostegno, della vera e propria mancanza di rispetto da parte dell’équipe medica e della sensazione emotiva negativa generale lasciata dall’esperienza.

Come prevenire un parto traumatico

Il modo migliore per affrontare il trauma da parto è, ovviamente, la prevenzione. Sebbene sia impossibile prevenire tutti i tipi di trauma, è possibile ridurre al minimo le possibilità di subirne uno.

  • Preparatevi al parto frequentando corsi di preparazione alla nascita e informandovi su cosa aspettarvi da un’esperienza di parto.
  • Stabilite aspettative realistiche per il parto. Il parto è imprevedibile e non sempre va secondo i piani.
  • Assicuratevi che il vostro team medico vi sostenga. Se il vostro ginecologo o la vostra ostetrica non sembrano ascoltarvi o vi trattano con mancanza di rispetto durante la gravidanza, significa che si comporteranno allo stesso modo quando partorirete. Assicuratevi quindi di trovare un operatore che vi sostenga, vi rispetti e sia sulla vostra stessa lunghezza d’onda.
  • Discutete con il vostro operatore delle vostre paure legate al parto e pianificate diversi scenari di nascita.
  • Abbiate una persona di supporto durante il parto.
  • Stabilire un supporto per la salute mentale. Se siete inclini all’ansia, iniziate a lavorare con un terapeuta durante la gravidanza. Predisponete anche un piano per il sostegno alla salute mentale dopo il parto.
Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il parto è più mentale che fisico: ecco perché

Che cos’è il travaglio prodromico e come si gestisce?

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media