Notizie.it logo

Sintomi gravidanza prima del ritardo ciclo: quali sono

Sintomi gravidanza

Quali sono i sintomi della gravidanza prima del ritardo ciclo? Come si riconoscono? Guida ai primi sintomi dopo l'avvenuto concepimento.

Se stai cercando di avere un bambino e vuoi sapere se i sintomi che stai ricevendo dal tuo corpo sono quelli della gravidanza o del ciclo in arrivo, ecco per te un aiuto per capire quali sono i sintomi di una gravidanza prima del ritardo del ciclo. Può capitare che alcune donne desiderino talmente tanto diventare mamme, che la loro psiche sviluppa e gli fa avvertire i classici sintomi della gravidanza in atto come sonnolenza, dolore al seno o nausea.

Se la situazione è questa meglio effettuare subito il test di gravidanza e scoprire in poco tempo se si è o meno in dolce attesa. Altrimenti ecco la differenza tra i sintomi del ciclo mestruale in arrivo e quelli di una gravidanza. I sintomi classici dell’arrivo del ciclo sono gonfiore addominale, mal di schiena, mal di testa, depressione, voglia di dolci, stitichezza e dolori addominali.

Ecco invece quali sono i sintomi dell’avvenuta fecondazione.

Quali sono i sintomi dell’avvenuta fecondazione

Il primo e più evidente segno dell’avvenuta fecondazione è il ritardo del ciclo, evidente soprattutto per chi ha il ciclo regolare e puntuale come un orologio svizzero. Tuttavia oltre al ritardo del ciclo, che poi diventerà una scomparsa totale del ciclo, ci sono altri piccoli segnali che ci fanno capire che qualcosa dentro il nostro corpo sta cambiando, ma è bene dire che non sono uguali per tutte le donne.

Ovviamente per avere la certezza di una gravidanza in corso, sempre meglio effettuare il test di gravidanza o recarsi dal medico per fare le canoniche analisi. Ecco i sintomi più comuni dell’avvenuta fecondazione:

  1. Aumento della dimensione del seno
  2. Sonnolenza e stanchezza
  3. Possibile sanguinamento vaginale o perdite da impianto
  4. Nausea e vomito
  5. Forte percezione degli odori
  6. Smisurato appetito per alcuni alimenti
  7. Totale repulsione per alcuni alimenti
  8. Vertigini e svenimenti
  9. Aumento dello stimolo a fare pipì
  10. Ritardo mestruale
  11. Aumento della temperatura corporea
  12. Aumento dell’ addominale
  13. Dolore pelvico
  14. Costipazione

Primi sintomi da gravidanza

Tra i primissimi sintomi della gravidanza in atto oltre al ritardo del ciclo mestruale, ci sono le perdite da impianto e il dolore al seno.

Inoltre la maggior parte delle donne avvertono delle forti nausee, soprattutto mattutine, che fortunatamente spariscono alla fine del primo trimestre. A causa degli ormoni poi, tra i primi sintomi da gravidanza, c’è l’aumento o meno del desiderio sessuale.

Una leggera o pesante, diversa da donna a donna, stanchezza o sonnolenza perenne, potrebbe essere avvertita dalla donna in gravidanza, fin dal momento del concepimento e potrebbe portare a farla addormentare in qualsiasi posto ed a qualsiasi ora del giorno. Questo si verifica proprio a causa degli ormoni della gravidanza che sono entrati in circolo.

Quando fare il test di gravidanza

Il test di gravidanza va fatto non appena c’è un ritardo del ciclo mestruale. I test di gravidanza individuano la presenza nelle urine, della Beta HCG o ormone della gravidanza, un ormone presente nella donna solo in gravidanza.

Questo ormone viene infatti prodotto dal trofoblasto, la parte dell’embrione che da vita alla placenta.

Il Beta HCG è verificabile fin dal momento in cui c’è l’impianto dell’ormone nell’utero e cioè una settimana dopo il concepimento. La presenza o meno dell’ormone Beta HCG può essere verificata sia attraverso il test di gravidanza reperibile in farmacia, che tramite una specifica analisi del sangue.

Ecco come è possibile riconoscere e distinguere i sintomi della gravidanza da quelli del ciclo e quando è il caso di effettuare il test di gravidanza. E’ doveroso comunque sottolineare come ogni donna sia diversa, come d’altronde come anche ogni gravidanza sia diversa, quindi se alcuni sintomi o dolori possono essere presenti in una donna non è detto che lo siano per tutte.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche