Ottavo mese di gravidanza: quando inizia e cosa sapere

Cosa succede durante l'ottavo mese di gravidanza? Cosa avviene al corpo della donna e al piccolo che sta crescendo? Ecco tutte le informazioni utili.

Il terzo trimestre di gravidanza è quello in cui le emozioni si fanno ancora più intense. Non solo emozioni, ma anche paure e timori, dal momento che la data del parto è sempre più vicina. In attesa del lietissimo evento, come affrontare l’ottavo mese di gravidanza?

Ottavo mese di gravidanza: quando inizia

Una donna incinta entra nell’ottavo mese di gravidanza quando raggiunge le 30 settimane e 5 giorni. Durante questo periodo il bambino sceglie la posizione per nascere, normalmente con la testa verso il basso. Inoltre, l’utero è aumentato di almeno 10 volte e quindi si prova una strana sensazione all’altezza dei polmoni, come se fossero compressi. L’ottavo mese termina poi a 35 settimane esatte e non è raro che la donna avverta delle contrazioni, ma naturalmente questo non significa assolutamente che il parto sia prossimo.

Cosa succede alla mamma

A partire da questo mese, si possono notare alcuni cambiamenti particolari nel corpo della donna. Infatti:

  • l’ombelico comincia ad appianarsi;
  • sull’addome compare una linea scura che congiunge l’ombelico al pube;
  • il colostro esce spontaneamente dal seno;
  • i dolori alla schiena e all’addome potrebbero essere più intensi, perché il bambino è cresciuto molto e il suo peso grava sulla colonna vertebrale;
  • il sonno diventa particolarmente difficile e può essere utile usare un cuscino per poggiare la pancia;
  • si potrebbero avvertire delle contrazioni;
  • alcune mamme soffrono poi di gambe e piedi gonfi.
    Advertisements

Cosa succede al bambino

Durante l’ottavo mese, l’aspetto più importante riguarda la crescita dei polmoni del bambino. Il parto è vicino e quindi è molto importante che il piccolo riesca a respirare da solo una volta venuto al mondo. Infatti, in caso di parto prematuro, l’insufficienza respiratoria è la complicanza più frequente. Oltre ai polmoni, naturalmente, continua anche la crescita cerebrale. Il bambino, durante queste settimane, si fa sentire forte e chiaro dall’interno.

A tal proposito, gli specialisti dicono che i movimenti nelle 24 ore devono essere almeno 10 per essere sicuri che tutto vada per il meglio.

Cosa fare durante l’ottavo mese

Quando comincia l’ottavo mese di gravidanza, la futura mamma ha diritto a usufruire di 5 mesi di maternità (2 precedenti la data del parto e 3 successivi). Nel caso in cui il bambino nasca anticipatamente, i giorni di maternità non effettuati vengono poi aggiunti ai 3 mesi successivi.

Nel caso contrario, invece, se il bambino nasce dopo la data prevista i mesi di maternità post parto rimangono invariati. Inoltre, se non vi sono rischi, la futura mamma può richiedere la flessibilità della maternità. Infatti, si può richiedere di continuare a lavorare durante l’ottavo mese e di prolungare il congedo di maternità dopo il parto per il numero di giorni in cui si ha lavorato. La possibilità di spostare il congedo di maternità parzialmente o interamente a dopo il parto è subordinato al parere favorevole del medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale e del medico competente alla prevenzione e alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, i quali devono attestare che la scelta operata dalla futura madre non pregiudichi la sua salute e quella del nascituro.

Tra la 30esima e la 32esima settimana di gravidanza vengono effettuate le ultime ecografie prima del parto, utili per verificare la crescita del bambino. A partire dalla 32esima settima, è possibile sottoporsi alla flussimetria fetale, esame simile all’ecografia, che permette di verificare che la circolazione del sangue del feto sia nella norma.

Nel corso di queste settimane, infine, si prepara la valigia per l’ospedale e la mamma comincia a pensare seriamente al parto.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclo mestruale e caldo estivo: i consigli degli esperti

Piedi gonfi in gravidanza: i consigli

Leggi anche
  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

  • Loading...
  • yoga gravidanza primo trimestreYoga in gravidanza nel primo trimestre: gli esercizi da fare

    Fa bene alla mamma e al bambino: lo yoga è un ottimo aiuto per vivere i nove mesi di gravidanza serenamente. Quali esercizi nel primo trimestre?

Contents.media