Notizie.it logo

Lubrificanti e sesso in gravidanza: che cosa è sicuro e ciò che non lo è

lubrificanti

Ecco un piccolo segreto sul sesso in gravidanza : per molte donne, vuol dire lasciare i lubrificanti nascosti in un cassetto del comodino per nove mesi. “Le donne più incinte naturalmente sono lubrificate con un sacco di extravaginali che sono prodotti naturalmente durante la gravidanza,” dice Ari Brown, MD, co-autrice di mi aspettavo 411: Guida alla gravidanza e al parto.

  • Tenere traccia delle vostra storia medica.

Ma tutte le donne sono diverse, e le stesse modifiche ormonali che rendono alcune donne incinte perennemente bagnate possono lasciare altre donne incinte a secco. Quindi, se senti secco laggiù e il sesso sta causando un attrito scomodo, cerca di ottenere la scorrevolezza con un lubrificante di gravidanza. Uno studio dell’ Indiana University del 2010 su quasi 2.500 donne ha trovato che coloro che hanno utilizzato il lubrificante durante i rapporti sessuali hanno segnalato livelli significativamente più elevati di soddisfazione e di piacere.

  • Negozio di biancheria intima in maternità.

Sei pronta a godere nuovamente? Scopri il nostro scoop sui lubrificanti personali e la gravidanza.
Qual è il miglior tipo di lubrificante da utilizzare durante la gravidanza?
La soluzione migliore è un prodotto a base acqua, dice Loralei Thornburg, M.D., professore di ostetricia e ginecologia e specialista in medicina materno fetale presso l’University of Rochester Medical Center.

I Pro: dà liscezza alla parte e e ci sono pochi rischi di irritazioni o di infezioni. I contro: perché sono assorbiti nella pelle e nelle mucose delle membrane, potrebbe dover essere riapplicato periodicamente. Provate: Astroglide, Lelo, Sliquid Naturals H2O, SÌ: prodotti organici lubrificanti a base acqua e sostanze scivolose.
Il lubrificante andrà al vostro bambino durante la gravidanza?
La risposta breve è no, perché la vostra cervice è sigillata, quindi non c’è alcun rischio di qualsiasi contatto con il bambino.
Quali lubrificanti dovreste evitare durante la gravidanza?
Anche con lubrificanti a base di acqua, evitate di prodotti che contengano glicerina, parabeni o profumi, che possono essere irritanti. Assolutamente da evitare sono i lubrificanti con additivi progettati per aumentare il piacere. Il Dr. Thornburg dice che “Potrebbero essere più forti del previsto ed avere anche sgradevoli effetti sui vostri tessuti vaginali ,” Evitate qualsiasi lubrificante aromatizzato, soprattutto se contiene zucchero, perché potrebbe contribuire al rischio di sviluppare un’ infezione da lievito, aggiunge.

Anche se non sono specificamente off-limits i lubrificanti in silicone e i lubrificanti a base di olio, possono alterare l’equilibrio del pH della vagina ed aumentare il rischio di infezione.

Per quanto riguarda altri prodotti lubrificanti?
Se hai utilizzato altri prodotti lubrificanti in passato, ad esempio la vaselina, l’ olio di oliva, l’ olio per i bambini, il grasso, o la crema idratante corpo, ecc. lasciali lontano per il momento, perchè potrebbero includere glicerina, profumi e colori..e così potrebbero aumentare il rischio di irritazione.

Che dire dopo la gravidanza?
Usate il lubrificante! “I lubrificanti sono particolarmente importanti dopo il parto, quando la maggior parte delle donne..–soprattutto per quelle che allattano al seno.. e che hanno un certo grado di secchezza vaginale ed irritazione a causa del sesso,” dice il Dr. Thornburg. Comprate un grande tubo e tenetelo a portata di mano!

Copyright © 2014 Meredith Corporation. Tutti i contenuti di questo sito Web, compreso il parere di un medico ed eventuali altre informazioni relative alla salute, sono solo a scopo informativo e non devono essere considerati un piano di diagnosi o un trattamento specifico per ogni situazione individuale.

L’ uso di questo sito e le informazioni ivi contenute non creano un rapporto medico-paziente. Chiedete sempre la consulenza diretta del medico in relazione a eventuali domande o problemi che possono insorgere per quanto riguarda la propria salute o la salute degli altri.

© Riproduzione riservata
Leggi anche