Notizie.it logo

I benefici e i rischi del parto in acqua

I benefici e i rischi del parto in acqua

State considerando un parto in acqua? Partorire in acqua è recentemente diventato popolare, e più ospedali ora offrono il parto in acqua. Tuttavia, parto in acqua è ancora considerato un metodo di parto alternativo, e non ogni medico è convinto che sia sicuro. Quindi, prima di decidere su un parto in acqua, è importante comprendere i rischi e i benefici.

Cosa è coinvolto in un parto in acqua?

Proprio come sembra, un parto in acqua si partorisce in acqua. Si può scegliere di partorire in una vasca da bagno, vasca idromassaggio (con la temperatura abbassato), o altra piscina di acqua. Si può avere una parto in casa, in un centro di parto, o in un ospedale. Se si esprime in acqua, l’ostetrica o l’infermiere solleva delicatamente e prende il bambino fuori dall’acqua.

Nel corso di un parto in acqua in un ospedale, voi e il vostro bambino avrete le stesse cure mediche, come si farebbe in un letto d’ospedale.

Uno speciale dispositivo Doppler subacqueo monitorerà il battito cardiaco del bambino. È inoltre possibile ricevere farmaci per via endovenosa mentre si è in acqua. Se si dispone di un parto in acqua in un centro di nascita standalone o in casa, si può avere il controllo del battito cardiaco o del tutto assenti.

Solo le donne con una gravidanza sana priva di complicazioni dovrebbero prendere in considerazione un parto in acqua. Essere sicuri di non avere i seguenti problemi se si vuole partorire in acqua.

• Non si dispone di una infezione o sanguinamento eccessivo.

• Non si dispone di complicazioni legate alla gravidanza come la preeclampsia o batteri nel sangue, chiamato tossiemia.

• Non si dispone di herpes. L’infezione può passare al bambino attraverso l’acqua.

• La gravidanza è a termine dopo 39 settimane.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche