Contraccezione dopo il parto: cosa si deve sapere

Le opzioni a disposizione dipendono dalla possibilità di allattare o meno. Ecco quali sono e in quale occasione sceglierle.

Essendo un periodo estremamente complesso, la contraccezione dopo il parto è assolutamente necessaria. Per non parlare del fatto che la neomamma potrebbe non sentirsi super sexy dopo aver portato in grembo un bambino per nove mesi e aver affrontato il bellissimo (ma doloroso ed estenuante) processo del parto.

Per alcune coppie, questo periodo di adattamento sarà più lungo che per altre.

Contraccezione dopo il parto

Le opzioni a disposizione dipendono dalla possibilità di allattare o meno. Se non si allatta, tutte le opzioni sono sicure sei settimane dopo la nascita del bambino. Se state allattando, l’unica opzione (generalmente considerata sicura), oltre al preservativo, è l’assunzione di una pillola anticoncezionale (orale) priva di estrogeni. Altre opzioni (se non si allatta) sono: un dispositivo intrauterino (IUD), impianti anticoncezionali, cerotti, iniezioni (Depo-Provera) e anelli vaginali.

Si discute se gli integratori ormonali (come gli estrogeni) influiscano o meno sul latte materno. La maggior parte dei medici è generalmente d’accordo sul fatto che sia meglio starne alla larga. Dicono che, se possibile, la mamma che allatta dovrebbe attenersi alle pillole di solo progestinico. È anche importante notare che alcune forme di controllo delle nascite richiedono diverse settimane per diventare efficaci. La scelta migliore? Iniziare a pensare alle opzioni anticoncezionali prima del bambino, durante la gravidanza.

Il parto può influire sulle dimensioni e sulla forma della vagina di una donna. Il diaframma (se questo è il vostro metodo di scelta) dovrebbe essere rimesso in funzione dopo la nascita del bambino.

Contraccezione dopo il parto quali sono le opzioni

È una questione di tempismo

Se pensate di non voler rimanere nuovamente incinta per tre o cinque anni, lo IUD o l’impianto sono buone opzioni. Se state allattando e pensate di voler avere un altro figlio prima di allora, la pillola senza estrogeni è l’opzione migliore. Con la pillola, si dovrebbe essere in grado di concepire solo dopo un paio di mesi dall’interruzione della pillola. Con l’iniezione di Depo-Provera, potrebbero passare sei mesi o più prima di rimanere incinta.

Secondo l’ACOG, i metodi ormonali di controllo delle nascite sono generalmente più efficaci dei metodi di barriera. I metodi ormonali di controllo delle nascite offrono alle neomamme un tasso di efficacia del 99%. Al contrario, i metodi di barriera (come il diaframma, il preservativo e lo spermicida) offrono solo un tasso di efficacia dell’85%. Molte coppie scelgono il contenzioso tubarico (farsi legare le tube) o l’equivalente maschile (vasectomia) una volta che hanno finito di avere figli. Queste procedure possono essere eseguite già il giorno dopo il parto.

Consultate sempre il vostro medico personale prima di prendere qualsiasi decisione in materia di controllo delle nascite. Il medico potrà rispondere a tutte le vostre domande e aiutarvi a fare la scelta migliore per voi e per la vostra famiglia.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’allattamento può prevenire il cancro al seno?

Come adattarsi da uno a due figli: preziosi consigli per la coppia

Leggi anche
  • Zoomarine orari 2020Zoomarine: tutti gli orari dell’estate 2020

    Zoomarine è uno dei parchi acquatici più amati d’Italia ed è finalmente pronto per riaprire i battenti dopo la quarantena: quali sono gli orari del 2020?

  • Zoomarine biglietti prezzi orariZoomarine: biglietti, prezzi e orari del parco

    Zoomarine è la scelta perfetta per tutte le famiglie che vogliono divertirsi insieme: ma come e dove informarsi in merito a biglietti, prezzi e orari?

  • Loading...
  • Zoomarine Orari NavetteZoomarine Orari Navette
  • Zoomarine Orari AttrazioneZoomarine Orari Attrazione
  • zone erogene femminiliZone erogene femminili
Contentsads.com