Come ricevere aiuto dopo il parto: preziosi consigli

Lasciarsi aiutare è di vitale importanza in questo periodo. Ecco alcuni suggerimenti preziosi per farsi dare una mano dai propri cari.

Ricevere aiuto dopo il parto è di vitale importanza, dato che questo periodo è estremamente delicato e avete bisogno di riprendervi e abituarvi.

Come ricevere aiuto dopo il parto

Iniziare con poco

Svolgere un compito facile può aiutare a facilitare la separazione e a mantenere la mente concentrata su qualcos’altro.

Fate i piatti in cucina mentre il vostro partner si occupa del bambino nella stanza accanto. Lasciate che sia lui a fare la guardia durante il pisolino, così potrete provare a dormire anche voi. In questo modo saprete che il bambino non ha bisogno di aiuto e, se si sveglia, qualcuno è lì per farvelo sapere. Prima o poi, sarete in grado di sgattaiolare via per una corsa al supermercato in solitaria o per un’uscita serale tanto necessaria, senza sentirvi troppo oppressi.

Dare dettagli

Quando si tratta di assistenza ai bambini, le informazioni non sono mai troppe. Se avete in programma di lasciare il vostro piccolo a parenti o amici, potete – e dovete – far conoscere loro i gusti, le preferenze e le abitudini del bambino. È sempre utile avere a portata di mano una guida di riferimento per decidere quanti grammi di latte devono essere messi nel biberon o per ricordare esattamente come gli piace essere fasciato.

Tutti si sentiranno più preparati e attrezzati quando verranno date aspettative e istruzioni chiare.

come ricevere aiuto dopo il parto

Seguire le istruzioni

E ora la parte più difficile. Dopo aver stilato l’elenco e aver dato a tutti un resoconto, dovete lasciarli andare e dare loro la possibilità di fare il proprio lavoro.

Per quanto sia forte la tentazione di fare da spalla a chi guida, ricordate le ragioni che vi hanno spinto a farlo: riposare in modo sano e permettere agli altri di legare con il neonato. Avete il pieno diritto di fare un controllo periodico, ma cercate di limitarlo per evitare di causare stress a tutte le persone coinvolte. Fate un respiro profondo, rilassatevi e lasciate che le persone che amate e di cui vi fidate facciano il loro turno.

Condividere un pasto

Solo perché il papà non può allattare, non significa che non possa far parte della squadra. Soprattutto per le poppate notturne, chiedetegli di portare il bambino nel luogo designato per l’allattamento, in modo da tenervi comode. In seguito, potrà occuparsi del pannolino post-pasto e di far riaddormentare il bambino. E se usate il tiralatte o il latte artificiale, il vostro partner può anche occuparsi di qualche poppata al giorno, in modo da guadagnare un po’ di tempo in più per voi.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I benefici del latte materno: segreti che non conoscevi

La dieta per l’allattamento: alimentazione sana per mamma e bambino

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contentsads.com