Storia di Babbo Natale per i bambini: come nasce la tradizione

Babbo Natale: la storia per bambini da raccontare nelle sere che precedono la magica e incredibile notte di Natale.

Quando comincia dicembre, il mese più magico dell’anno, comincia a sentirsi dappertutto l’incredibile profumo di Natale. Gli adulti e i bambini cominciano a decorare casa, allestiscono l’albero di Natale e preparano un sacco di lavoretti fai da te.

Soprattutto i più piccoli, sono molto curiosi di conoscere la vera storia dell’omone bianco che tutti gli anni li riempie di gioia con i suoi regali. Storia di Babbo Natale per bambini, cosa raccontare? Scopriamo di più insieme.

Storia di Babbo Natale per i bambini

Qual è la vera storia di Babbo Natale? Cosa raccontare ai più piccoli che sono così curiosi e ci fanno sempre mille domande? Secondo la tradizione, Babbo Natale abita da sempre al Polo Nord e la notte del 25 dicembre parte a gran velocità sulla sua slitta, trainate da renne, per raggiungere i bimbi di tutto il mondo e portare loro tanti doni e giocattoli, che lui costruisce insieme ai suoi amici elfi.

L’indirizzo esatto della casa di Babbo Natale è un segreto che nessuno conosce. Infatti, nessuno è riuscito mai a scovare la sua dimora. Le sue giornate sono molto frenetiche, perché lui e i suoi elfi devono prendersi cura delle renne. Il suo ufficio, invece, si trova nel Villaggio di Babbo Natale, al Circolo Polare Artico. Ogni giorno è impegnato a leggere tutte le migliaia e migliaia letterine a lui indirizzate che gli arrivano da ogni parte del mondo. Inoltre, deve realizzare milioni di doni da portare ai bambini di tutto la Terra. È curioso sapere che, secondo la leggenda Babbo Natale ha la capacità di sapere se i bambini stanno facendo i cattivi oppure si stanno comportando bene.

Gli elfi di Babbo Natale: chi sono

Il Villaggio di Babbo Natale è un luogo davvero magico e si trova nella cittadina di Rovaniemi al Circolo Polare Artico. Ogni tanto qualche bambino, che arriva da ogni parte del mondo, va a trovarlo e Babbo Natale è lieto di farlo sedere sulle sue ginocchia e raccontargli una favola o ascoltare, sussurrato nell’orecchio, cosa vorrebbe per Natale. È proprio nel suo ufficio che ha una stanza segreta, dove conserva tutte le letterine che gli arrivano. Da diverse generazioni, i bambini chiedono sempre le stesse cose: bambole, giocattoli, videogiochi.

Babbo Natale è proprio fortunato, perché non svolge tutto il lavoro da solo. Infatti, gli elfi iniziano a leggere tutte le letterine arrivate tre mesi prima di Natale. Inoltre, nell’officina degli elfi si realizzano i doni da portare ai bambini: i regali e i giocattoli in legno possono costruire dagli elfi stessi, negli altri casi gli elfi si occupano di contattare i negozi di giocattoli di tutto il mondo per farsi spedire i regali richiesti e provvedono poi a impacchettarli e sistemarli. Per diventare dei veri aiutanti di Babbo Natale, è bene sapere che occorrono 99 anni di esperienza.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sindrome di Kawasaki: sintomi e come riconoscerla

Calendario dell’avvento 2020 da realizzare con i bambini: le idee

Leggi anche
Contents.media