Adozione nazionale o internazionale? Ecco cosa ne pensano i genitori

Ecco le motivazioni che hanno spinto i genitori a scegliere se adottare nazionalmente o internazionalmente.

Abbiamo raccolto diverse considerazioni sull’adozione nazionale o internazionale. Esistono diverse opzioni da poter valutare, ma ognuna deve essere ponderata attentamente.

Scopriamo cosa ne pensano i genitori.

Adozione nazionale

“Abbiamo scelto l’adozione nazionale perché volevamo che nostro figlio avesse l’opportunità di conoscere i suoi genitori naturali a un certo punto della sua vita.

Volevamo anche sperimentare tutte le fasi della vita di un bambino, a partire dalla nascita”.

– Marco

“Abbiamo adottato in patria. Siamo una coppia gay e per noi era importante poter adottare secondo la legge della California. Mentre le coppie gay possono adottare dalla maggior parte delle fonti internazionali, molti governi stranieri non permettono consapevolmente alle coppie gay di adottare. Avremmo quindi dovuto nascondere il fatto. Pensiamo anche che si abbia un’idea migliore della storia sanitaria della madre naturale in patria, ed è stato più veloce e alla fine più economico rispetto al tempo e ai costi della maggior parte delle adozioni internazionali”.

– Patrick

“Abbiamo scelto l’adozione nazionale. Volevamo un neonato perché il viaggio sarebbe stato difficile per me. Sono un insegnante, e inoltre l’adozione nazionale era anche meno costosa”.

– Jen

“Abbiamo deciso di adottare in patria. Volevamo un neonato e mio marito non voleva indebitarsi per adottare il nostro bambino. Abbiamo scoperto che tutte le adozioni sono costose in un modo o nell’altro. Andare con l’adozione nazionale dal primo pensiero fino a quando il nostro angelo era tra le nostre braccia ha richiesto un po’ di tempo, ovvero due anni e cinque mesi.

E il costo totale è stato di circa 10.000 dollari”.

– Deborah

Adozione internazionale

“Come donna single di 41 anni, non pensavo di avere molte possibilità di adottare un bambino sano. Ma all’epoca il programma cinese accoglieva mamme e papà single e preferiva che i candidati all’adozione avessero più di 35 anni. Per una volta, sentivo di rientrare nei dati demografici giusti ed ero abbastanza sicura che sarei stata in grado di adottare un bambino sano (Eleni aveva 7 mesi al momento della segnalazione, e 8 mesi e mezzo quando l’ho ricevuta). Come futura mamma single, ero anche attratta dal fatto che la Cina aveva così tante ragazze nei suoi orfanotrofi. Sentivo che se dovevo essere una madre single – almeno all’inizio – sarebbe stato più facile essere genitore di un bambino del mio stesso sesso. In Cina, le possibilità di richiedere e adottare una bambina erano eccellenti”.

– Laura

“Eravamo interessati all’adozione internazionale, e alla Cina in particolare, fin dall’inizio. Diversi fattori spiegano il nostro interesse. In primo luogo, rispetto all’adozione nazionale, il processo di adozione internazionale in generale, e l’adozione cinese in particolare, è molto affidabile e prevedibile. In secondo luogo, poiché viviamo nella Bay Area, con la sua comunità e presenza culturale asiatico-americana e cinese-americana molto forte, adottare dalla Cina ci sembrava una scelta naturale. Terzo, ci piaceva molto l’idea di diventare una famiglia multiculturale e di conoscere la cultura di nascita di nostra figlia”.

– Madeline

“Ho seguito molto il mio istinto e non i libri. Sapevamo di volere un bambino e la via biologica non stava funzionando. Ci piaceva l’idea di diventare una famiglia multiculturale. Avevo vissuto in Cina anni fa, parlavo la lingua, conoscevo la cultura, conoscevo i problemi con l’abbandono delle bambine, e ho chiesto ai miei amici cinesi se effettivamente ci fosse un bisogno di adottare bambine. Hanno detto che sì, c’era bisogno. Quindi si trattava solo di trovare un’agenzia che facesse adozioni cinesi”.

– Linda

Adozione nazionale o internazionale

Altre considerazioni sull’adozione internazionale

“Abbiamo adottato nostra figlia dalla Cina perché mi sentivo attratta lì e perché volevamo una figlia”.

– Sharyl

“Abbiamo scelto di adottare a livello internazionale, in parte, perché a quel tempo c’erano più agenzie che facevano adozioni internazionali che nazionali. Ma temevamo anche che con le adozioni nazionali troppe cose potessero andare storte“.

– Lynn

“Originariamente ho scelto l’adozione internazionale perché ero single e ho scoperto che l’adozione nazionale da parte di un solo genitore era quasi impossibile. Sono stata scoraggiata a ogni passo, gli assistenti sociali non volevano nemmeno parlarmi. Da allora, mi sono sposata e stiamo per adottare un secondo bambino dalla Cina. Vogliamo che le nostre figlie abbiano la stessa eredità, abbiamo un apprezzamento per la cultura cinese e sappiamo che il processo funziona con la Cina.”

– Sandi

La scelta dell’adozione nazionale o internazionale

“Abbiamo usato un’agenzia diversa e un percorso diverso per ognuna delle nostre tre adozioni, principalmente perché avevamo esigenze molto diverse ogni volta. La prima volta, quando abbiamo adottato nostro figlio Zac, volevo disperatamente un neonato che ci somigliasse, quindi l’adozione nazionale era la scelta più ovvia. La seconda volta, la tempistica era molto importante per noi. Nella maggior parte delle adozioni domestiche si completa lo studio domestico, si crea un portfolio e poi si aspetta che la madre naturale vi scelga, quindi potrebbero volerci due settimane o due anni.

Ci possono essere alti e bassi, e non era un giro che avevamo scelto di fare a quel punto della vita. Siamo stati fortunati con il nostro primo; dal momento in cui siamo entrati nella riunione informativa, fino al momento in cui è nato Zac, sono passati solo cinque mesi. Abbiamo scelto di non dare per scontato che potesse succedere di nuovo.

Quando abbiamo esaminato i programmi di altri paesi, abbiamo scelto la Corea per numerose ragioni. Primo, la maggior parte delle madri coreane che partoriscono ricevono cure prenatali. Secondo, una volta che i bambini sono nati, vanno in una casa di accoglienza e non in un orfanotrofio. Terzo, i bambini hanno in genere dai 4 ai 6 mesi quando arrivano. Quarto, abbiamo alcune informazioni, come i nomi dei genitori naturali, nel caso in cui il nostro bambino li voglia mai cercare. E infine, non ci è stato richiesto di viaggiare in Corea. Non volevamo portare il nostro bambino di 4 anni in un lungo viaggio, né volevamo lasciarlo per la prima volta per riportare un fratello.

Successivamente, avendo avuto due bambini, ci siamo sentiti abbastanza coraggiosi da guardare i bambini in attesa su Rainbow Kids (un’agenzia nazionale). Nostra figlia era elencata come tale perché era stata prematura. Prima di accettare la sua raccomandazione, abbiamo inviato tutte le sue informazioni mediche ad un medico del Centro di Medicina delle Adozioni per essere esaminate. Non ha avuto problemi a lungo termine per essere nata prematura. Oggi è una bambina di 15 mesi di 24 chili, che batte le mani, parla, indica e balla”.

– Janice

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adozione: costi, benefici e rischi delle principali opzioni

Adozione LGBTQ: tutti i consigli per i genitori

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • Loading...
  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media