Notizie.it logo

5 problemi della pelle del viso durante e dopo la gravidanza

pelle

Quel bagliore sfuggente

Lo ammetto. Sono vanitosa. Così i molti aspetti unglamorous della mia prima gravidanza mi hanno occupato per un periodo. Ho dovuto trattare con la mia pancia fiorente, la stanchezza indescrivibile. Ho anche fatto la pace con lo scambio forzato della mia borsa hobo chic per un camion a pieno carico – un’ accessorio must have di pregio a un trasportatore dei carichi di carboidrati e sedare la nausea. Ma niente mi aveva preparato per le atrocità ormonalmente indotte che affioravano sulla mia carnagione radiante di una volta.
A cinque settimane delle chiazze rosse sono apparse sotto il mio occhio destro e accanto alla mia bocca. A sette settimane, ero diventata quasi scura per le lentiggini e si erano ampliate come le macchie dovute al malfunzionamento fegato di una settantenne. Alla fine del mio primo acetonide, sentivo prurito, e le chiazze rosse che sfidavano il correttore hanno cominciato ad attraversare la mia fronte, il mento e il petto.

Ero confusa. Dov’era il mio bagliore di gravidanza? Dopo aver parlato con altre donne incinte, ero convinta che il bagliore..–quella luce di una futura mamma ritratta in riviste patinate – doveva essere il risultato di una bellissima aerografia o una benedizione genetica che ovviamente mi aveva saltato.
Grazie agli ormoni alle stelle, oltre il 50% delle donne incinte sviluppano una “maschera della gravidanza”, l’oscuramento della pigmentazione intorno alla bocca, alle guance e alla fronte noto anche come melasma o iperpigmentazione, e molte donne sviluppano anche l’acne. La stanchezza e ritenzione idrica possono portare a borse sotto gli occhi, mentre l’aumento del flusso sanguigno può causare le vene del ragno sul volto di circa i due terzi delle donne incinte. Determinata ad acquisire un briciolo di luminosità di Heidi Klum, ho deciso di indagare sui trattamenti medici in uso, nonché sui prodotti da banco, orientati alle comuni condizioni della pelle post-gravidanza.

Bisogna tenere a mente che le donne non dovrebbero essere sottoposte a procedure cosmetiche durante la gravidanza o l’allattamento al seno, dice Leslie Baumann, M.D., un dermatologo di Miami e autore di ” La soluzione per ogni tipo di pelle” e consultate un dermatologo prima di affrontare uno qualsiasi dei trattamenti elencati qui.

Melasma

Che Cos’ è: i livelli elevati di estrogeni e progesterone innescano melanociti, causando macchie scure che compaiono sulla pelle.
Trattamenti in uso
Harold Lancer , M.D., il dermatologo per le celebrità future mamme della West Coast Denise Richards e Lisa Rinna, ritiene che la chiave per ridurre al minimo il melasma dopo il parto è micropolishing della pelle. “Il tipo di micropolishing eseguito, il bagliore di Lancer (1.400 / 2300 euro con laser), è una rimozione dell’ appannamento da argento,” dice il Dr. Lancer. “E ‘lucida e tonifica la pelle su viso, collo e torace con finissimi cristalli ad alta velocità eliminando le cellule morte sullo strato superiore della pelle e favorisce un alto ricambio cellulare.” Come quasi tutti gli interventi chirurgici di cosmesi, non invadenti, questo trattamento non è coperto da assicurazione.
Il dermatologo Charles Zugerman, di Chicago, dopo il parto affronta il melasma con una serie successiva di trattamenti di luce pulsata (IPL) (2150 euro per quattro trattamenti).

L’ energia della luce, noto anche come fotoringiovanimento, offre una serie di impulsi delicati, non invadenti per la pelle.Il Dr. Zugerman dice “L’ IPL assorbe alla stessa lunghezza d’onda come la pigmentazione,” dice. “È molto più delicata rispetto al laser e altamente efficace nel trattamento di malattie della pelle che si presentano con la gravidanza.” Una settimana dopo l’ IPL è necessaria una microdermoabrasione (95 euro), un trattamento esfoliante, per rimuovere la pelle morta.
Lisa Airan, la dermatologa guru di Manhattan nota per il suo approccio all’avanguardia per problemi della pelle indotta dalla gravidanza, consiglia alle neomamme che hanno terminato l’allattamento al seno di utilizzare, con prescrizione medica, TriLuma (circa 90 euro), una crema con steroidi, contenente l’idrochinone un agente sbiancante, un potente ingrediente che diminuisce la formazione di melanina e riduce o elimina le macchie scure entro otto settimane.
Soluzioni da banco
Per prevenire il melasma, le donne dovrebbero evitare il sole a tutti i costi, sia durante la gravidanza e dopo il parto.

“L’esposizione – anche guidando in macchina o seduta su un aereo – può scurire le lentiggini esistenti o stimolare iperpigmentazione,” spiega la Dottoressa Airan. I raggi ultravioletti del sole spingono i melanociti a produrre la melanina, che può causare lo sviluppo del melasma. Utilizzare creme di protezione solare è un modo semplice e conveniente per proteggersi contro i raggi ultravioletti. Una delle opzioni disponibili è MD Skincare crema solare con vitamina C SPF 30 (28 euro). Essa protegge sia dai raggi UVA e UVB ed è nutriente per le pelli sensibili.
Per le nuove mamme occupate che non riescono ad andare subito dal dermatologo dopo il parto, ci sono kit di delicati scrub casalinghi e di lucidatura progettati per ringiovanire la pelle danneggiata. Il kit di micro-dermoabrasione del Dr. Jeffrey Dover (28 euro), reperibile in farmacia, è un trattamento casalingo che consiste di due passaggi. Utilizza i cristalli come esfoliante per rimuovere le cellule morte della pelle e una crema idratante che idrata la superficie della pelle.

Nel mercato di massa sono presenti prodotti con agenti sbiancanti che mirano a ridurre la comparsa di zone scure, ma le mamme devono attendere fino a quando hanno terminato l’allattamento al seno prima di utilizzarli. Olay Regenerist tone Enhancer (18 euro) ha un complesso amminopeptide combinato con il brevettato Pro-Retinolo, una forma meno irritante di vitamina A che genera un turnover cellulare e lavora nel profondo la superficie della pelle per ridurre la comparsa di macchie scure. Bright idratante crema solare SPF 30 ( 11 euro ) è una crema multitasking che impedisce un’ ulteriore decolorazione e protegge dagli UVA e UVB mentre la glucosamina, ottenuta dalla radice di gelso e lievito accelera il processo di esfoliazione naturale della pelle, in effetti lucida ed elimina le macchie scure.

Dermatite aspecifica

Che Cos’ è: I cambiamenti causati dagli ormoni possono far insorgere chiazze rosse sul viso.
Trattamenti in uso
Per combattere la dermatite, il Dr.Lancer favorisce un nuovo trattamento chiamato terapia di ossigeno TMT (trasporto mesodermico transcutaneo) (280-370 euro per ogni sessione). “Utilizza una corrente elettrica per trasferire vitamine lenitive, tra cui la A, la C e la D, così come elastina e collagene, attraverso la superficie della pelle,” spiega. “Quindi sigilla la pelle con una brezza di ossigeno e una miscela di acqua deionizzata. L’acqua deve essere deionizzata perché riduce la quantità di energia elettrica sulla superficie della pelle, permettendo il trasferimento di più sostanze nutritive”. Egli raccomanda di fare il trattamento due volte alla settimana per cinque settimane e poi una volta a settimana se necessario.
Soluzioni da banco
Il Dr. Lancer suggerisce ultra-lenitivi, anti-infiammatori prodotti adatti alla pelle sensibile. Prive di profumo, noncomedogeniche (che non ostruiscono i pori) le lozioni per la pulizia sono meno irritanti e più idratanti. Il Dr. Zugerman è un grande fan di Cetaphil detergente pelle (5,5 euro). Provate una crema emolliente ricca come Dermatological Super Rich Repair (63 euro). È ricca di lipidi naturali come il burro di karitè, l’ olio di enotera e l’ olio di semi di jojoba, tutti oli che contribuiscono a rinforzare la barriera della pelle.
“I prodotti formulati per trattare la dermatite rosacea possono anche essere efficaci per la guarigione della dermatite non specifica, perché aiutano a regolare il flusso di sangue in eccesso,” dice il Dr. Lancer. Per l’uso quotidiano, scegliere una crema idratante con protezione solare per contribuire a ridurre ulteriormente i danni. Eucerin lozione arrossamento sollievo quotidiano Perfecting (14 euro) non solo include un SPF 15 ma ha anche una tinta verde per nascondere macchie rosse, come pure la radice di liquirizia un estratto per guarirle. Per le più intense infiammazioni, provate un trattamento antinfiammatorio come il trattamento di Rosacea blu del chimico B. Kamins (63 euro), una crema topica che riduce visibilmente il rossore quasi immediatamente.

Angioma del ragno

Ciò che è: A causa di cambiamenti ormonali e, eventualmente, un aumento di peso, la pressione nei vasi sanguigni aumenta, causando vene in viso che si ingrandiscono, lasciando un segno rosso, come un ragno.
Trattamenti in uso
È possibile migliorare tre-sei mesi dopo il parto , ma se le vene del ragno non diminuiscono, la Dottoressa Airan utilizza il laser di Lyra (circa 700 euro al trattamento). Il raggio laser di lunghezza d’onda di nanometro 1.064 fa passare calore attraverso la pelle, coagula e fa sparire i vasi sanguigni in pochi secondi. Il Dr. Zugerman utilizza l’ IPL dopo il parto, per i più piccoli vasi sanguigni (560 euro al trattamento) e per quelli più grandi, egli utilizza un laser a diodo 532 o 940 (circa 185 euro in su a trattamento).
Soluzioni da banco
Non ci sono nessun creme topiche per eliminare le vene del ragno sul viso, quindi la cosa migliore è un correttore favoloso, a copertura totale. Un favorito tra i truccatori: il correttore di Giorgio Armani (30 euro ).La tinta color panna mimetizza anche le imperfezioni più scure ed è disponibile in sette tonalità. BIOTHERM Forget It ($14) è un altro classico in questa categoria perché è una crema liquida facile da applicare che maschera immediatamente i segni indesiderati. Contiene anche glicerina e vitamina E per levigare e nutrire la pelle, con una conseguente migliore copertura. L’applicazione dei correttori con un pennello si traduce in una finitura più uniforme e dall’aspetto naturale.

Acne

Ciò che è: i livelli di progesterone elevato prodotti dall’organismo per mantenere un sano rivestimento uterino durante la gravidanza possono causare un aumento della secrezione dalle ghiandole di olio, accumulo di sebo e pori ostruiti.
Trattamenti in uso
Un’estetista rinomata per il trattamento dell’acne e pelle irritata con la sua linea di prodotti vegetali, Sonya Dakar è considerata “La fata madre per la pelle” di Hollywood da mamme vip come Gwyneth Paltrow, Debra Messing e Marcia Gay Harden.”Per trattare i problemi di pelle della gravidanza–come l’acne e ipersensibilità – le donne devono utilizzare prodotti calmanti con ingredienti vegetali come la camomilla e lavanda,” dice la signora Dakar. Essa offre anche un trattamento facciale di schiarimento dei pori chiamato il peeling Triplo, che comporta tre trattamenti esfolianti separati: un peeling enzimatico a base di zucca che elimina le cellule morte, un peeling a base di tè verde su misura per eliminare i batteri ed illuminare la pelle e un peeling a base di diamanti, che è un trattamento di resurfacing (500 euro).
Soluzioni da banco
I detergenti viso delicati sono uno strumento efficace per il trattamento dell’acne nelle donne che hanno la pelle sensibile o sono ancora in periodo di allattamento. Il gel detergente (26 euro ) è una formula che consente di bilanciare in modo sicuro gli oli naturali della pelle mentre pulisce in profondità i pori. Cercate i prodotti contenenti zolfo, un ingrediente naturale che ha qualità antibatteriche ed antinfiammatorie. Lo zolfo, l’aloe vera e l’ olio di eucalipto contenuti nella maschera terapeutica di zolfo DDF (25 euro) lavorano in sinergia per purificare la pelle.
Una volta che le mamme sono diventate infermiere di professione, possono utilizzare ingredienti più potenti come l’acido salicilico e il perossido di benzoile per combattere l’acne. I peeling fatti in casa e unguenti moderni possono prendersi cura di brufoli testardi e cicatrici rimanenti. Crabtree & Evelyn hanno nuova linea di skincare che comprende un Trattamento Gel di controllo sull’ acne (20 euro) che non solo guarisce i brufoli esistenti ma ne previene la formazione. Si colpisce il brufolo con un contenuto di acido salicilico al 2% e con tè verde che ha un’ azione lenitiva, echinacea ed epilobio per calmare la pelle naturalmente. Per accelerare la guarigione dell’ eruzione di acne e cancellare le cicatrici, dovete provare un peeling casalingo come L’OrZal Acne in risposta ad un intensivo adulti Acne Peel kit (22 euro). Questo peeling di tre fasi utilizza acido salicilico per penetrare i pori ostruiti e per estrarre le impurità.

Occhi scuri e gonfi

Quello che è: esaurimento e cattiva circolazione possono portare a occhiaie e borse sotto gli occhi.
Soluzioni da banco
Una crema contorno occhi o un siero nutriente con ingredienti come peptidi e aloe vera vi aiuterà idratare la zona degli occhi e a ridurre il gonfiore. Molti dermatologi raccomandano di utilizzare sotto l’ occhio Kinerase Rescue (69 euro), che contiene chinetina, aloe vera ed eyeseryl tetrapeptide per ridurre il gonfiore e prevenire la comparsa di linee sottili. Se avete cerchi scuri sotto gli occhi provate una crema schiarente. Grande energia dà Glow Brightening Eye Cream con SPF 8 (10 euro) che è una crema idratante e ricca di vitamine che lavora per rinnovare la pelle opaca.I risultati non possono essere immediati dopo l’applicazione di creme per gli occhi, quindi usate con un correttore progettato specificamente per questo. Clinique All About Eyes Concealer (14 euro) è una leggera crema emolliente che ha proprietà di correzione del colore per contrastare l’oscurità, insieme con un complesso peptide speciale che riduce un aspetto gonfio, irritato.

Nirvana postnatale

Ora, avendo appena dato alla luce il mio secondo figlio, ho raggiunto qualcosa di simile al nirvana postnatale. Ho evitato l’acne con un detergente di lavanda. Strati di SPF hanno minimizzato il melasma. E ho corretto la dermatite con dosi di creme ricche di emollienti. Borse sotto gli occhi? Destreggiarsi tra lavoro e famiglia in qualche modo ha neutralizzato i benefici dell’aloe vera e peptidi. Ma non mi sono ancora arresa. Il mio splendore è già stato pianificato con una serie di trattamenti IPL. Heidi Klum, sei stata un’ispirazione!
Amy Tara Koch è una articolista di stile per la Chicago Tribune e scrive pere Travel + Leisure. Vive a Chicago con la sua famiglia. Ristampato con il permesso della rivista Bambino.

Tutti i contenuti inclusi consigli di medici e altri professionisti della salute dovrebbero essere considerati solo come un parere. Chiedete sempre la consulenza diretta del medico in relazione a eventuali domande o problemi che possono insorgere per quanto riguarda la propria salute o la salute degli altri.

© Riproduzione riservata
Leggi anche