Significato amico immaginario dei bambini

È necessario allarmarsi se il bambino ha un amico immaginario? Il significato e le ragioni del perché compare ad una certa età.

I bambini spesso creano degli amici immaginari: gli parlano, giocano, li sgridano e li amano. Per molti genitori questo comportamento può causare paure e preoccupazioni. Prima di far scattare l’allarme, provate a prestare attenzione a come è organizzato il gioco.

Significato dell’amico immaginario

Un amico immaginario è un personaggio invisibile che esiste nel mondo reale per un certo periodo di tempo e ha un ruolo significativo per il bambino. Un amico immaginario può essere sotto forma di un fanciullo o di un adulto (più spesso dello stesso sesso del bambino), così come un animale o una creatura inesistente. Di solito il bambino si prende cura del suo amico immaginario, gioca con lui, e talvolta anche litiga.

I bambini conferiscono ad un amico immaginario le proprie caratteristiche, tratti delle persone del loro ambiente o dei personaggi di cartoni animati.

Perché appaiono amici immaginari

Le ragioni della comparsa di amici immaginari possono essere diverse e dipendono dalle caratteristiche del bambino e dal suo sviluppo mentale. Gli psicoterapeuti individuano 5 cause principali dell’apparizione di un amico immaginario:

1. Età della fase di sviluppo mentale

All’età di 2,5–5 anni, il bambino inizia a sviluppare l’intelligenza molto attivamente.

Il gioco è uno stato naturale durante quale il bambino sta imparando i ruoli sociali, sta cercando se stesso nel mondo degli adulti e si crea amici immaginari. I problemi iniziano quando un bambino non parla del suo amico immaginario, che può significare sfiducia e paura.

2. Necessità di comunicazione

La presenza di un amico immaginario è un modo per imparare a interagire sia con i bambini, che con gli adulti. Se un bambino non può esprimere i suoi sentimenti e le emozioni per comunicare con i suoi genitori, li proietta sul suo amico immaginario.

A volte, la comparsa di un amico immaginario è dovuta alla mancanza di comunicazione con i coetanei (principalmente in età scolare).

3. Noia, mancanza di affetto

Ad esempio, può capitare con un bambino figlio unico. Inoltre, un amico immaginario può apparire quando i genitori dedicano poco tempo al bambino: non ci sono giochi congiunti o la mancanza di scambi affettivi.

4. Il desiderio di spostare la colpa da se stessi ad un altro

Un bambino può temere la punizione per una malefatta: un vaso rotto, una giacca macchiata, un giocattolo perso.

5. Sensazione di insicurezza

Ad esempio, qualcuno ha offeso il bambino e lui ha paura di dirlo a mamma o papà. Poiché sente che non riceverà supporto dai genitori (non possono difenderlo correttamente dall’aggressore) crea il suo eroe invisibile.

A che età appare amico immaginario

Un amico immaginario può verificarsi anche nell’immaginazione di un bambino di 2 anni, ma di solito si verifica in età più avanzata, quando il bambino ha già una vasta esperienza nell’osservare le relazioni degli adulti.

Gli psicologi sottolineano che gli amici immaginari appaiono nel bambino più spesso a 3-4 anni. Questo è influenzato da vari fattori, in particolare, lo sviluppo del pensiero e del gioco simbolico. La durata di tale amicizia a volte è di due o tre anni. Capita che un bambino sia così attaccato al suo amico immaginario da entrare in contatto con lui anche durante la scuola elementare.

Di solito verso i 6-7 anni, nuove abilità e maggiori stimoli esterni permettono al bambino di ampliare l’interazione con gli altri. Un bambino di questa età inizia a sentirsi a proprio agio senza più bisogno di parlare con il suo amico immaginario. In tale caso, il fenomeno scompare gradualmente.

I bambini possono spiegare a se stessi e agli altri la scomparsa di amici immaginari in modi diversi: fuga, partenza, morte, ecc. Più in dettaglio il bambino descrive le circostanze della scomparsa di un amico immaginario, più attiva è la sua immaginazione.

Il ruolo dell’amico immaginario nello sviluppo di un bambino

L’esistenza di un amico immaginario è un elemento normale (anche se facoltativo) dello sviluppo mentale di un bambino. Una psicologa americana e autrice del libro “I compagni immaginari e i bambini che li creano” Marjorie Taylor afferma, che i bambini che hanno avuto o hanno un amico immaginario sono più socializzati e meno timidi.

Come trattare gli amici immaginari di un bambino

Alcuni studi dimostrano che i bambini che hanno amici immaginari hanno una maggiore comprensione sociale e hanno più successo applicando diverse abilità nella vita reale. Ecco alcuni consigli su come trattarli.

Non proibire di comunicare con un amico immaginario

Il divieto può influenzare negativamente il rapporto con il bambino: può diventare più diffidente con i genitori e iniziare a nascondere il suo amico immaginario.

Non prendere in giro il bambino delle sue fantasie e non punirlo

Tali metodi educativi possono causare danni irreparabili alla psiche di un bambino.

Accettare la presenza dell’amico immaginario

Approfittare di questa situazione come un’opportunità per stabilire un contatto con il bambino e per comprenderlo al meglio.

Cercare di capire le fantasie del bambino

Chiedere al bambino cosa ama e cosa non ama il suo amico immaginario, di cosa ha paura, quali sentimenti prova e cosa sogna. Le risposte del bambino a tali domande permetteranno di vedere il mondo attraverso i suoi occhi, oltre a capire le sue azioni, reazioni e stati d’animo.

Scoprire in quali momenti appare un amico immaginario

Queste informazioni consentiranno ai genitori di comprendere meglio l’individualità del loro bambino. Probabilmente, un amico immaginario appare quando è annoiato o sconvolto da qualcosa.

Promuovere la moralità

Se un bambino sposta costantemente la responsabilità del suo comportamento su un amico immaginario, si deve scoprire perché lo fa e insegnargli ad essere responsabile delle sue azioni.

Aiutare a dire addio al personaggio immaginario

Vale la pena farlo quando il bambino è troppo attaccato ad un amico immaginario, che persiste da più di due anni e quando non ha amici tra suoi pari.

Scritto da Darya Gorshkova
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Svezzamento bambini: ricette, idee e consigli

Giornata Mondiale dei Nonni: l’importanza della saggezza

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • Loading...
  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

  • Zaini asilo bimbo: i modelli più belliZaini asilo bimbo: i modelli più belli

    Per far affrontare al meglio l’avventura dell’asilo ai nostri figli, vediamo quali sono i modelli migliori e come sceglierli.

Contents.media