Partorire al tempo del Covid: come funziona e le regole negli ospedali

Partorire al tempo del Covid: come funziona e quali sono le istruzioni da seguire quando si arriva in ospedale.

La pandemia da Covid-19, fra le altre problematiche cliniche e di salute pubblica, pone anche quelle sull’organizzazione della rete natale, la gestione dell’infezione in gravidanza, la possibile trasmissione materno-fetale dell’infezione prima, durante e dopo il parto, la sicurezza della gestione post parto e l’allattamento nei primi mesi.

Partorire al tempo del Covid, come funziona? Le regole e le linee guida negli ospedali e nelle sale parto.

Partorire al tempo del Covid: come funziona

In questo periodo di emergenza legata al Covid-19, molti futuri genitori si chiedono come sia cambiato il percorso nascita all’interno dell’ospedale. Tutti i bambini che hanno scelto di venire al mondo dallo scorso marzo a oggi sono nati in un clima meno accogliente rispetto a quello che genitori, nonni, zie e anche ostetriche e ginecologi, avrebbero voluto per loro.

Partorire al tempo del Covid vuol dire fare i conti con una serie di limitazioni e attenzioni che possono mettere a dura prova le future madri e i futuri padri. Partorire durante una pandemia per molte donne ha voluto dire partorire in solitudine, affiancate soltanto dai medici e dalle ostetriche. Con il passare dei mesi, però, i percorsi di nascita sono cambiati e ospedali e sale parto si sono adeguati alle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità: scopriamole insieme.

La presenza di un accompagnatore

La presenza del padre o di una persona a scelta della donna è un aspetto organizzativo che compete alle singole strutture sanitarie. Attualmente vi è molta variabilità tra presidi sanitari anche all’interno delle stesse Regioni, nonostante le evidenze sugli effetti positivi legati alla presenza di una persona di fiducia durante il parto siano oramai consolidate.

L’arrivo in ospedale

Al momento dell’accesso alla maternità, alla donna dovrebbe essere chiesto se lei o la persona che l’accompagna abbiano avuto sintomi suggestivi di Covid-19 nei sette giorni precedenti. Nel caso in cui questa persona abbia presentato sintomi, non le sarà possibile accedere e alla donna dovrebbe essere suggerito di scegliere qualcun altro come supporto. Questa verifica è essenziale per la protezione dal rischio di infezione del personale sanitario, delle altre donne e dei neonati. Una volta accolto, l’accompagnatore deve ricevere istruzioni chiare e non può spostarsi all’interno del reparto.

Tamponi e test per i futuri genitori

In molti ospedali, all’arrivo, ogni donna e il suo accompagnatore sono sottoposti a due test. Il primo è quello antigenico, che dà il risultato in 15 minuti, poi il molecolare per il quale ci vogliono 3 o 4 ore di tempo. Il partner, se risulta negativo al test antigenico, può raggiungere la propria compagna quando è in fase di travaglio avanzato. Può accompagnarla in sala parto, indossando tutti i dispositivi di protezione necessari, assistere alla nascita e restare per le due ore successive. Per quanto riguarda le visite post parto, poi, ogni ospedale fa da sé, perché alcune strutture le permettono mentre altre le negano.

Cosa succede se la mamma è positiva

Se si è contratto il virus, ma la situazione non è grave e i sintomi sono lievi, si applicheranno le misure di isolamento. Si potrà partorire per via vaginale e allattare il proprio bambino a meno che non ci siano altre controindicazioni. Si dovranno seguire con attenzione le indicazioni dei professionisti per ridurre il rischio di diffusione del contagio.

Se invece le condizioni della madre dovessero essere gravi, l’assistenza al parto dovrà tenere conto delle esigenze cliniche e della necessità di eventuale supporto respiratorio. Anche se positiva al momento del parto o successivamente durante l’allattamento non c’è controindicazione ad allattare, dal momento che non c’è nessuna prova che il virus possa trasmettersi attraverso il latte materno. È però importante che, in caso di infezione materna, la madre si lavi bene le mani prima e dopo la poppata. Inoltre, è fondamentale indossare una mascherina durante la poppata.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Spiegare la Pasqua ai bambini: simboli e tradizioni

Il ruolo del padre in gravidanza: l’importanza di diventare papà

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • Loading...
  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

Contents.media