Notizie.it logo

Come controllare i figli online

controllare i figli online

Spesso dei contenuti innocui e cose che inizialmente ci sembrerebbero estremamente normali e senza alcun tipo di pericolo, si dimostrano quelle più rischiose

Controllare i figli online non dovrebbe accadere ma oggi i rischi sono troppi per bambini e adolescenti. Il web, come da molto si discute, oltre a dare innumerevoli vantaggi che vanno ad agevolare tutte le azioni quotidiane, possiede anche molti fattori di rischio che devono essere considerati nel momento in cui si esegue una qualsiasi azione.

Basterebbe pensare a tutto ciò che il web nasconde alla maggior parte delle persone per comprenderne il reale pericolo, tuttavia alcuni accorgimenti da adottare personalmente, sia per sè stessi che per i propri figli, riducono al minimo tutti gli svantaggi di internet.

Come evitare i rischi?

Alla base di un sano utilizzo del web c’è il controllo da effettuare su ogni cosa che si ricerca o che si installa sul proprio cellulare, infatti, numerose applicazioni scaricate da fonti non attendibili potrebbero contenere dei virus che andranno ad infettare i cellulari personali e quelli dei propri figli.
Spesso i bambini nell’utilizzare il web tendono a sottovalutare determinate azioni che potrebbero indurre in rischi che in pochi considerano, e questi eventi, se pur rari, si manifestano in alcune situazioni.
La diffusione di tablet e smartphone nei bambini molto piccoli aumenta notevolmente il rischio sul web L’imperativo per i genitori è quello di stare costantemente attenti sulle ricerche dei propri figli, ed è fondamentale tutte le applicazioni e i browser di quotidiano utilizzo dei bambini per poter controllare in ogni momento il tutto, in alcune situazioni anche da remoto.

Servizi per controllare figli online

Anche le aziende principali del mercato della tecnologia si stanno occupando della questione sicurezza, dibattito decisamente attuale nei nostri tempi.

Google, ad esempio, ha fornito un servizio di controllo da remoto utile per restare sempre attenti a ciò che fanno i bambini su internet, per evitare immediatamente l’insorgere di rischi, azione involontaria da parte di un piccolo.
Il servizio, chiamato Family Link, consente ai genitori di accedere al dispositivo dei propri figli da remoto, settando alcune regole per l’utilizzo, come quella di scegliere quali applicazioni è possibile scaricare, verificare il tempo di utilizzo e le modalità, ma anche controllarlo totalmente da remoto, bloccandolo a distanza quando lo si desidera.

Le applicazioni

Il problema della sicurezza è molto sentito anche da altre aziende che si occupano dello sviluppo di applicazioni sia per i dispositivi Android che per i dispositivi Apple. Queste si sono messe all’opera per creare delle applicazioni all’avanguardia per permettere ai genitori di essere attenti su ciò che il proprio figlio, piccolo, fa quando prende in mano uno smartphone.
Una delle più famose è chiamata Kaspersky Safekids, che oltre ad essere un antivirus va anche a bloccare tutti i siti non adatti ai bambini, e interrompe il download di determinate applicazioni o categorie di App che il genitore può decidere di non far scaricare al bambino.

Inoltre, attivando i servizi della geo-localizzazione sul dispositivo, sarà possibile anche conoscere in tempo reale la loro posizione.Anche l’applicazione Norton Family è decisamente conosciuta nel mondo della protezione dei più piccoli sul web, e questa permette di controllare costantemente l’attività online dei figli impostando certi limiti da remoto.

Cosa installare sul proprio dispositivo

Molto spesso i bambini utilizzano il cellulare dei propri genitori per visitare il web, e per questo anche i cellulari degli adulti dovrebbero essere programmati per mantenere la sicurezza del bambino sul web, e anche per questo esistono alcune applicazioni: Spazio bimbi Parental Control è un applicazione che impedisce al bambino l’accesso ad una determinata applicazione sul dispositivo del genitore. In questo modo si può lasciare con tranquillità il proprio cellulare al bambino, restando sicuri del fatto che il proprio figlio non sia in pericolo.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300
Leggi anche