Dolore pelvico durante la gravidanza

dolore pelvico

Il dolore pelvico o disagio pelvico è comune durante la gravidanza. Dopo tutto, i legamenti si allungano, stanno cambiando i livelli di ormone e gli organi si spostano intorno per fare spazio al tuo utero in crescita. Ma a volte il dolore è una bandiera rossa che qualcosa di più serio non va. Consulta la nostra guida per imparare a decodificare i tuoi dolori e a determinare quando è il momento di chiamare il medico.
Quali sono le cause più comuni del dolore pelvico durante la gravidanza?
Il dolore pelvico durante la gravidanza può essere grave?
Cosa posso fare per i sintomi dolorosi ?
Quando devo chiamare il mio ginecologo?
Quali sono le cause più comuni del dolore pelvico durante la gravidanza?
Dalle articolazioni pelviche rilassate si passa alla pressione del peso del vostro bambino che cresce. Se il dolore che stai riscontrando non va via, o se si hanno sintomi di sanguinamento, un insolito scarico, o crampi forti, chiama il tuo ginecologo.
Dolore di alloggio
Dalla ottava alla dodicesima settimana di gravidanza, potrebbero verificarsi crampi-come il dolore che si sente quando hai il ciclo.

Finché non c’è nessun sanguinamento, è probabilmente solo il tuo utero che si espande. Si è meno propensi a sentire questo dolore nella tua prima gravidanza rispetto alle gravidanze successive, dice il Dr. Greenspan.
Cisti ovariche
Le cisti ovariche che alterano le tue ovaie , sono molto comuni, non sono cancerose e generalmente sono innocue. Possono diventare più grandi durante la gravidanza, e la pressione che il tuo utero crescente dà alle tue ovaie può causare un dolore persistente. Se la ciste si rompe, il dolore può improvvisamente peggiorare. Assicurati di informare il tuo ginecologo se hai una storia di cisti ovariche, o se pensi di averle sviluppate durante la tua gravidanza. Lui può fare un’ecografia per assicurati che le cisti non sono diventate troppo grandi. In rari casi, una cisti si può torcere – una condizione grave che di solito accade dopo un’ improvvisa o rigorosa attività come la corsa per prendere un autobus o avere avuto rapporti sessuali.

“Una paziente con torsione è solitamente inconsolabile,” dice il Dr. Greenspan. “Il dolore è molto forte, severo e costante, e ci possono essere nausea, vomito e sudorazione”. Se sospetti che si stia verificando una torsione, chiama subito il tuo ginecologo.
Dolore legamento rotondo
Poichè si avvia il secondo trimestre, si può iniziare a sentire dolore al vostro fianco perchè il legamento della parte superiore dell’utero tira verso il basso verso l’inguine. “Le donne tendono a sentire questo dolore quando sono in piedi o si alzano da una sedia,” dice Suzanne Merrill-Nach, M.D., un ostetrica di San Diego. “L’utero si inclina e tira sul legamento”. Sdraiata sul lato che dà fastidio il dolore scompare..–e dovrebbe scomparire per circa 24 settimane.
Pressione dal peso del vostro bambino
Una volta che sei nel tuo terzo trimestre, puoi iniziare a sentire la pressione nella vostra regione pelvica perchè il peso del feto crescente spinge sui nervi che incontrano la tua vagina . “Questo dolore si verifica in genere con il movimento, come quando cammini a piedi o vai in macchina, perché il bambino rimbalza,” dice la Dottoressa Merrill-Nach.

Per contribuire ad alleviare il disagio, sdraiati su un lato e riposa.
Contrazioni di Braxton Hicks
La pressione o il serraggio nel bacino che viene e va potrebbero essere contrazioni, ma se sono sporadiche e generalmente non dolorose, sono più probabilmente contrazioni pratiche, chiamate di Braxton Hicks, invece delle contrazioni del travaglio vero. Queste contrazioni di “pratica” tendono a verificarsi a circa 20 settimane e possono essere innescate da disidratazione, quindi assicuratevi di bere molta acqua. Dovrebbero scomparire da sole ma se avete più di quattro contrazioni in un’ora per due ore, chiama il medico. “Quando parliamo di travaglio pretermine e questo avviene generalmente prima delle 37 settimane, abbiamo le contrazioni ogni 15 minuti o più vicino che durano oltre due ore, anche se la paziente ha una vescica vuota ed è sdraiata” dice la Dottoressa Merrill-Nach.
Articolazioni pelviche rilassate
Verso la fine della tua gravidanza avvertirai un aumento dell’ ormone relaxina , che aiuta i tuoi legamenti a diventare elastici per il parto.

La relaxina può anche allentare il giunto pelvico. È comune sentire dolore vicino al tuo osso pubico, e si può anche sentire instabilità nelle gambe . Ad alcune donne piace usare cinghie di supporto pelvico, che possono contribuire a stabilizzare l’area.
Costipazione
La costipazione, che è una lamentela comune durante la gravidanza, può causare qualche dolore pelvico o disagio. (Gli ormoni rallentano l’apparato digerente) Bevi molta acqua e mangia cibi ricchi di fibre, come frutta e verdura cruda. Se questo non ti aiuta, chiedi il tuo ginecologo se è possibile provare un ammorbidente delle feci o una supposta di glicerina, suggerisce il Dr. Greenspan.
Infezione del tratto urinario (UTI)
Fino al 10 per cento delle mamme in attesa avrà un UTI ad un certo punto durante la gravidanza, secondo il March of Dimes. I sintomi tipici includono un bisogno improvviso di urinare, dolore o bruciore nella minzione e minzione sanguinosa..–ma alcune pazienti con un UTI lamentano anche dolori addominali, dice la Dottoressa Chambliss.

“La preoccupazione per gli UTIs durante la gravidanza è che essi possono progredire ad un’infezione renale che aumenta il rischio di parto pretermine,” aggiunge. Questa è una ragione perché il tuo ginecologo ti prescriva un test delle urine ad ogni visita, per cercare i segni di batteri che possono causare un’IVU. La buona notizia è che se un UTI è diagnosticato precocemente dovrebbe essere facile da trattare con antibiotici.

  • Ulteriori informazioni sugli UTIs durante la gravidanza

Il dolore pelvico durante la gravidanza è grave?
Alcune donne sviluppano gravi complicazioni durante la gravidanza che causano diversi tipi di dolore. Se hai dolore pelvico con alcuni sintomi, quali febbre e sanguinamento, chiama il medico immediatamente. Qui sono elencate le cause più gravi del dolore pelvico durante la gravidanza.
Aborto spontaneo
Quando le donne lamentano dolori addominali nel primo acetonide, “devi sempre essere preoccupati per un aborto spontaneo,” dice il Dr. Duff, perché il fatto spiacevole è che il 15-20 per cento di gravidanze finisce in un aborto spontaneo. I sintomi di aborto spontaneo comprendono sanguinamento e crampi che possono essere ritmici o analoghi ai crampi mestruali.

  • Ulteriori informazioni sull’ aborto spontaneo

Gravidanza ectopica
Le gravidanze ectopiche , in cui l’ uovo s’ impianta un posto diverso dell’utero, più spesso in una tuba di Falloppio, si verificano 1 su 50 gravidanze, secondo il March of Dimes. Nel caso improbabile di una gravidanza ectopica, potrebbero verificarsi dolore intenso e sanguinamento tra la sesta e la decima settimana di gravidanza, poichè la tuba diventa gonfia. Le donne che sono a rischio aumentato per una gravidanza extrauterina sono coloro che hanno avuto una gravidanza extrauterina in passato, o hanno avuto chirurgia pelvica, addominale, o alle tube di Falloppio e coloro che hanno avuto l’endometriosi, una legatura delle tube, un dispositivo intrauterino (IUD) in luogo al momento del concepimento, o un’infezione pelvica. Un utero di forma anomala e l’uso di tecniche di riproduzione artificiale, inoltre, sembrano aumentare il rischio.
Le gravidanze ectopiche non possono continuare e richiedono un trattamento immediato. Se hai avuto un test di gravidanza positivo ma non hai ancora avuto la conferma da una visita medica e avverti dolore addominale, devi essere valutata immediatamente dal tuo ginecologo, dice Linda Chambliss, M.D., capo di ostetricia al San Giuseppe Hospital and Medical Center di Phoenix. Il ginecologo o l’ostetrica può eseguire un’ecografia per confermare se l’ovulo è impiantato nell’utero.
Travaglio pretermine
Se riscontri un mal di schiena persistente e una pressione pelvica che va e viene, puoi essere in travaglio. “La mia regola è che se si hanno quattro o più contrazioni in un’ora e continuano per due ore, anche dopo aver urinato, si dovrebbe venire in ospedale per un controllo”, dice la Dottoressa Merrill-Nach. Se questi sintomi si verificano prima di 37 settimane, il bambino è considerato prematuro.
Preeclamspia
Secondo la Preeclampsia Foundation of America, la preeclampsia ed altri disordini ipertesi sono sperimentati dal 5 all’ 8 per cento di tutte le donne incinte. La preeclampsia può svilupparsi in qualsiasi momento dopo 20 settimane di gravidanza, che è uno dei motivi perché il medico controlla la pressione del sangue ad ogni appuntamento, ed è caratterizzata da alta pressione sanguigna e proteine nelle urine. Perché la pressione arteriosa alta restringe i vasi nell’utero che riforniscono il feto di ossigeno e sostanze nutritive, la crescita del bambino può essere rallentata. La preeclampsia aumenta anche il rischio di distacco della placenta, in cui la placenta si separa dalla parete uterina prima del parto. Quando la preeclampsia è grave, può essere accompagnata da dolore nella parte superiore destra del vostro addome così come la nausea, il mal di testa, il gonfiore e la visione sfuocata. Se sospetti di avere la preeclampsia, chiama immediatamente il tuoo ginecologo.

  • Ulteriori informazioni sulla preeclampsia

Distacco della placenta
La placenta è la fonte di ossigeno e di elementi nutrienti per il tuo bambino. Solitamente gli impianti sono in alto sulla parete uterina e non si staccano fino a dopo la nascita del bambino. In rari casi (1 su ogni 200 nascite), la placenta si può separare dalla parete uterina, una complicazione pericolosa, che è più comune nel terzo acetonide. Il Dr. Duff descrive il dolore del distacco della placenta come “grave, costante e il dolore progressivamente peggiora nell’ addome più basso.” Il tuo utero potrebbe diventare molto duro e si può anche sanguinare scuro, rosso sangue senza coaguli. In alcuni casi, una donna può andare in travaglio quando la placenta si separa, nel qual caso il tuo ginecologo affiderà solitamente il bambino alla sezione cesarea di emergenza. Se il distacco è lieve, un medico può consentire che la gravidanza continui o può indurre il travaglio e fare un parto vaginale. Le donne a rischio per questa condizione sono coloro che hanno una storia di distacco placentare, o hanno avuto un trauma addominale, ipertensione e preeclampsia

  • Ulteriori informazioni sul distacco della placenta

Fibromi dell’utero
I fibromi uterini sono escrescenze non cancerose dell’utero. Sono più comuni durante gli anni di gravidanza, e la gravidanza può stimolare la loro crescita ; essi possono o non possono far male.”Quando un fibroma cresce rapidamente può superare il tuo rifornimento di sangue e causare dolore,” dice il Dottor Greenspan. “La maggior parte del tempo, li osserviamo solo in gravidanza, ma ogni tanto, essi devono essere asportati chirurgicamente per consentire che la gravidanza continui.”
Rottura dell’utero
È raro, ma è possibile che l’utero si strappi, soprattutto se avete una cicatrice precedente di una sezione cesarea o di altri interventi di chirurgia addominale. Se questo dovesse succedere, si sente come “un improvviso forte dolore nel mezzo, dove ci sono i punti della cicatrice esistente” e può essere disastroso e potenzialmente mortale per la madre e il bambino”dice il Dr. Greenspan. Le rotture al di fuori del travaglio di solito causano una sorta di trauma all’addome. “Non c’è alcun modo per impedire la rottura uterina,” dice il Dr. Greenspan. “Tuttavia, se la paziente è a rischio di rottura dovrebbe essere seguita da medici ed i suoi sintomi dovrebbero essere presi sul serio, soprattutto se il dolore si sviluppa in più tardi nella gravidanza e sta peggiorando.”

Torsione ovarica
Un altra improbabile ma seria causa di dolore: le ovaie possono diventare contorte. Questo può accadere in qualsiasi momento, ma è più probabile che si verificano durante le prime fasi della gravidanza. “L’ovaia è come un’amaca o mandrino, quindi si può capovolgere su se stessa e tagliare il proprio rifornimento di sangue,” dice il Dr. Greenspan. Un fattore di rischio per la torsione ovarica è l’ induzione dell’ovulazione perché può causare ovaie ingrandite. I sintomi includono febbre, nausea e dolore addominale più in basso.
Appendicite
Anche se sei incinta, puoi sperimentare anche l’infiammazione dell’appendice. Generalmente si sente dolore nella parte inferiore destra dell’addome. La Dottoressa Merrill-Nach dice”L’ appendicite può essere subdola durante la gravidanza perché l’appendice è spinta verso l’alto nell’addome,”. L’appendicite richiede una chirurgia di emergenza per rimuovere l’appendice per evitare il rischio di rottura.
Calcoli renali
Se quando fai la ceretta senti un dolore grave procedendo verso il basso, potrebbe essere un calcolo renale.”Solitamente si mettono le donne in una posizione più confortevole e bisogna solo aspettare che la pietra passi,” dice la Dottoressa Merrill-Nach. Rivolgiti al medico se sospetti di avere calcoli renali.
Cosa posso fare per alleviare i sintomi dolorosi ?
Prova questi suggerimenti.

  • Prendi caldo..–mai il caldo della vasca o stare in piedi sotto la doccia e lascia che l’acqua colpisca la schiena.
  • Prova un indumento di supporto pelvico, che può impedire che l’utero prema sul bacino.
  • Indossa scarpe basse con buon sostegno dell’arco plantare.
  • Cerca di evitare movimenti rapidi
  • Fatti fare un massaggio prenatale.
  • Fai esercizio fisico regolarmente – ciò potrebbe contribuire a prevenire il dolore.

Quando devo chiamare il mio ginecologo?
Non esitare a chiamare il medico se ti senti qualcosa di non corretto. “Vorrei piuttosto una chiamata da una paziente con tutte le preoccupazioni rispetto al fatto che lei non per chiami e scoprire più tardi che era qualcosa di significativo,” dice il Dottor Greenspan. Chiama immediatamente se hai uno qualsiasi di questi segni:

  • Dolore pelvico per cui non è possibile camminare o parlare
  • Qualsiasi sanguinamento
  • Febbre e/o brividi
  • Forte mal di testa
  • Vertigini
  • Improvviso gonfiore di viso, mani, e/o piedi
  • Nausea persistente e/o vomito
  • Meno di 10 calci fetali in un’ora, dalla ventottesima settimana fino al parto
  • Più di quattro contrazioni in un’ora per due ore
  • Scarico acquoso, verdastro o sanguinante

Copyright © 2011 Meredith Corporation.

Leggi anche

1 marzo 2014 0

Introducete il vostro bambino a nuovi sapori

Tutte vogliono crescere un buongustaio. Ecco tre strategie per le mamme che vogliono provare a dare ai loro [...]