Notizie.it logo

Sport per bambini con deficit di attenzione: quelli più adatti

sport per bambini con deficit di attenzione

I benefici dell'attività sportiva per i bambini con un deficit di attenzione sono innumerevoli. Quale sport è più adatto a loro: uno sport di squadra o uno individuale?

Lo sport per i bambini con deficit di attenzione (ADHD) può rappresentare una terapia complementare agli interventi di tipo comportamentale e farmacologico. L’approccio ludico, il fatto che ci siano dei coetanei con i quali condividere degli obiettivi e il benessere dato dal rilascio di endorfine sono fattori particolarmente stimolanti per il bambino. Partecipare ad un’attività sportiva è, di per sé, uno sfogo fisico e riduce quindi i sintomi dell’ADHD. Inoltre è possibile che si inneschi un circolo virtuoso che porta ad altri comportamenti salutari, come passare meno tempo davanti alla televisione e dormire meglio. Tuttavia non tutte le attività sportive sono adatte ai bambini con ADHD. Quali sono quelle giuste?

Sport per bambini con deficit di attenzione

A proposito del rapporto tra sport e disturbo da deficit di attenzione la letteratura scientifica non è ancora sufficientemente ricca per fornire indicazioni rilevanti. Tuttavia è noto che i bambini con ADHD presentano evidenti difficoltà a rimanere attenti per un periodo di tempo prolungato, passando da un’attività all’altra senza completarne mai nessuna.

Da ciò si deduce che gli sport adatti ai bambini che soffrono di questo disturbo sono quelli che implicano un movimento costante e che richiedono decisioni reattive. Gli esperti però richiamano l’importanza dell’iperfocalizzazione sull’obiettivo come strategia efficace per fermare le distrazioni. Sono invece da evitare quelle attività sportive che prevedono momenti di inattività associati a concentrazione.

Gli sport più adatti ai bambini con deficit di attenzione

Le discipline sportive in cui sono emerse maggiori evidenze scientifiche nella riduzione dei sintomi dell’ADHD sono il nuoto e le arti marziali. Il nuoto perché, pur essendo uno sport individuale, viene praticato in una dimensione di gruppo. Permette quindi al bambino di mantenere l’attenzione su sé stesso, interagendo contemporaneamente con i coetanei in alcuni momenti.

Anche le arti marziali sono particolarmente consigliate. I ragazzi infatti sono guidati dal maestro nell’esecuzione di specifiche sequenze di movimenti con precise indicazioni temporali. I bambini hanno quindi poco tempo per distrarsi. Ciò permette loro di acquisire un maggior autocontrollo e di inibire i comportamenti impulsivi.

Un altro sport adatto ai bambini con ADHD è il tennis perché il ritmo veloce richiede una costante concentrazione e delle reazioni istantanee.

Inoltre l’atto di colpire la pallina può fungere da valvola di sfogo e aiutare a scaricare la tensione dopo una giornata stressante. Altrettanto benefiche sono attività come l’arrampicata, il wrestling, l’equitazione, l’atletica, la scherma e il tiro con l’arco, da scegliere considerando le personali inclinazioni del bambino.

Gli sport di squadra sono indicati per i bambini con ADHD?

Alcuni studi segnalano che gli sport di squadra non sono molto indicati per i bambini con deficit di attenzione, in quanto durante la pratica il fanciullo deve focalizzarsi oltre che su di sé anche sugli altri giocatori.

In realtà anche la partecipazione agli sport di squadra, come il calcio, il basket e il baseball, può essere un’esperienza molto benefica per i bambini affetti da ADHD. Oltre a godere dei benefici fisici diretti dello sport, essi possono trarre vantaggio anche dall’eccezionale grado di socializzazione che tali attività sportive comportano. Gli sport di squadra offrono l’opportunità di perfezionare abilità sociali come la comunicazione efficace; il rispetto del turno; la cooperazione; risoluzione dei conflitti e autoregolazione affettiva.

La pratica costante dovrebbe tradursi in comportamenti più appropriati anche al di fuori del contesto sportivo.

Sport individuale o di squadra, è essenziale che il bambino svolga un’attività in cui si senta a proprio agio. Nel caso in cui il bimbo non sia competitivo, scegliere uno sport agonistico è assolutamente da evitare. La regola d’oro da osservare affinché un qualsiasi sport possa avere successo nell’alleviare i sintomi del deficit di attenzione è che il piccolo lo pratichi volentieri e divertendosi.

© Riproduzione riservata
Leggi anche