Notizie.it logo

Correggere l’ipermetropia nei bambini: i trattamenti

ipermetropia bambini si può guarire

L'ipermetropia è un difetto ottico che colpisce molti bambini che non si può guarire, ma un oculista sarà in grado di consigliare il trattamento giusto.

L’ipermetropia nei bambini si può guarire? É un difetto ottico per il quale si vedono oggetti vicini ma non quelli lontani e colpisce anche i bambini. Fin dalla nascita, la maggior parte dei bambini soffre di questo disturbo che però viene corretto con la crescita, permettendo una giusta focalizzazione. Il problema sussiste quando il bambino presenta un’ipermetropia elevata, che non scompare con la crescita, anzi peggiora. In questi casi bisogna affidarsi a un terapeuta per evitare danni peggiori come strabismo e ambliopia. I bambini spesso ereditano questo disturbo dai genitori. L’oculista si accerta che il bambino sia ipermetrope grazie a una visita attraverso un collirio farmacologico che dilata la pupilla e gli permette di studiare meglio l’occhio.

Come abbiamo detto, i bambini hanno un’ipermetropia fisiologica quando sono piccoli, in genere questa condizione scompare dopo i 6-7 anni.

Durante questa fase, l’occhio viene sforzato per focalizzare meglio e nei bambini dove il disturbo non scompare con l’età, avremo il manifestarsi di mal di testa e sensazione di malessere generale.

I sintomi dell’ipermetropia

L’ipermetropia va trattata il prima possibile per evitare complicazioni e migliorare la vista del bambino. Ci sono 3 gradi di ipermetropia (bassa, media o alta), e tutti vanno trattati con l’utilizzo di occhiali. La fascia di età più colpita è quella al di sotto dei 14 anni, perché l’occhio è fisiologicamente più corto e la sua lunghezza non è ottimale per il potere refrattivo del diottro oculare.

I sintomi per capire se un bambino soffre di ipermetropia sono:

  • Bruciore;
  • Affaticamento;
  • Dolore agli occhi a causa dell’eccessivo utilizzo del muscolo ciliare;
  • Mal di testa e lacrimazione dell’occhio leggera o più intensa;
  • Ipersensibilità alla luce e secchezza degli occhi.

Un bambino ipermetrope avrà problemi di concentrazione a scuola a causa dell’eccessivo sforzo a cui sottopone i suoi occhi per leggere e scrivere.

Per questo è molto importante sottoporlo a regolari controlli fin da quando è molto piccolo, per prendere in tempo il disturbo, che puà anche avere conseguenze su tutto il sistema visivo.

Ipermetropia nei bambini: si può guarire?

L’ipermetropia è una condizione che non può essere prevenuta. E’ un disturbo permanente che è però trattabile e correggibile. Se individuato precocemente, questo disturbo della vista può essere trattato con occhiali adeguati, le quali lenti variano di gradazione in base al tipo di ipermetropia e in base all’eventuale presenza di strabismo. Si consiglia di far indossare gli occhiali ai bambini durante l’intera giornata così da non affaticare la vista ne per focalizzare gli oggetti vicini, nè per quelli lontani. Purtroppo questa soluzione, così come quella di lenti a contatto, corregge temporaneamente l’ipermetropia, ma non la elimina.

Per una soluzione più efficace, il bambino può essere sottoposto a chirurgia laser.

É una tecnica efficace e sicura per correggere la vista. Il laser agisce sulla cornea e prima di sottoporsi a questo trattamento, l’oculista effettua degli esami diagnostici completi, per studiare lo stato oculare del paziente per accertarsi che non ci sia nessuna controindicazione nel sottoporsi al laser. La procedura dura dai 10 ai 20 minuti, è affidabile, sicura, indolore. Il bambino sottoposto a chirurgia laser, inizia a vedere meglio già a trattamento finito, per poi migliorare in pochi giorni.

In ogni caso, per individuare la giusta soluzione, bisogna affidarci a un buon oculista che proporrà il migliore trattamento per il bambino.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.