Come affrontare il ricovero in terapia intensiva neonatale

In questo articolo troverete le preziose esperienze di due neogenitori che hanno vissuto questo periodo così delicato.

Nessuno rimane incinta immaginando di iniziare la vita del proprio figlio con un ricovero in terapia intensiva neonatale, ma succede anche alle persone migliori. Che il ricovero sia dovuto a una condizione nota o a qualcosa che sorprende i medici alla nascita, non è mai facile per i genitori.

È una montagna russa piena di emozioni e di stress fino a quando il bambino non torna a casa.

In questo articolo troverete le preziose esperienze di due neogenitori che hanno vissuto questo periodo così delicato.

Ricovero in terapia intensiva neonatale: le esperienze

Come descriveresti la tua esperienza in terapia intensiva neonatale?

“La paura è un’amica sempre presente quando il bambino è in terapia intensiva neonatale. Ogni volta che si varca la soglia, si ha paura che qualcosa sia andato storto nel breve tempo in cui si è lasciato il proprio figlio.

Dovete abbandonarvi all’esperienza. Dovete affidare la vostra vita e quella di vostro figlio a Dio. Chiunque consideri il potere superiore è in definitiva colui che ha il controllo”. – Giovanni

Qual è una cosa che non ti aspettavi?

“Una delle cose più difficili dell’avere un bambino in Terapia Intensiva Neonatale è andarsene; il giorno in cui ho dovuto salire su un’auto ed essere portata via dalla mia piccola bambina, che stava lottando per la sua vita, mi ha assolutamente straziato.

L’unica cosa che mi ha confortato è stato sapere quanto fosse straordinario il personale dell’ospedale. Le infermiere della terapia intensiva neonatale amano davvero i bambini”. – Giulia

esperienze ricovero in terapia intensiva neonatale

Qual è il miglior consiglio per i genitori che si trovano in Terapia Intensiva Neonatale?

“Il mio consiglio migliore è di prendersi cura di se stessi. Prendetevi il tempo per fare la doccia, per mangiare e, soprattutto, per dormire. Il vostro bambino è in terapia intensiva neonatale. Vostro figlio è nelle mani migliori e più capaci che la professione medica abbia. Ci vuole un cuore enorme per lavorare in Terapia Intensiva Neonatale e ogni membro del personale è lì perché vuole che il vostro bambino cresca. … Buttate via il telefono. Non siete il dottor Google. Fidatevi del neonatologo perché lo fa ogni giorno. Una ricerca di un’ora su Google non è all’altezza di una scuola di medicina e di anni di esperienza”. – Giovanni

Cosa hai fatto per sentirti meglio?

“Ho letto a mia figlia Lo Hobbit da cima a fondo. Mentre leggevo, facevo la voce di ogni personaggio meglio che potevo. Un momento bellissimo è avvenuto tra noi quando è apparso il drago Smaug. Lei si coprì le orecchie quasi come se potesse sentire la minaccia nella sua voce, nella mia voce. Ho letto molti altri libri durante i mesi in cui mia figlia era in terapia intensiva neonatale, ma quel momento è rimasto impresso nel mio cuore”. – Giovanni

LEGGI ANCHE:

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Modi per coinvolgere il bambino: attività semplici e utili

Banca del cordone ombelicale: le diverse tipologie e cosa si deve sapere

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contentsads.com