Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Bambini e tablet a tavola: come comportarsi in questi casi?

bambini e tablet a tavola

Bambini e tablet a tavola: come devono comportarsi i genitori?

È sempre più abitudine far utilizzare ai propri figli il tablet, o lo smartphone, così da consentire ai genitori di fare un pasto in totale tranquillità. Ma è giusto che vengano utilizzati gli apparecchi tecnologici per distrarre e calmare i propri figli? La cena non dovrebbe essere considerata come un momento di unione e condivisione familiare?

L’uso del tablet a tavola: cosa comporta?

Quando i genitori sono stanchi e stressati, ecco che entra in gioco un cartone animato online o un divertente gioco, sempre online, per distrarre i propri figli. Gli apparecchi tecnologici stanno diventando sempre più i migliori amici dei bambini assumendo il ruolo di veri e propri babysitter. Smartphone e tablet hanno ormai infatti il compito di tenere occupati i figli quando i genitori sono impegnati a lavorare o sono più semplicemente stanchi e stressati.

Save The Children, nel 2018, ha condotto un’analisi statistica sui dati Istat: qui è emerso che più della metà dei bambini italiani usa abitualmente internet, avendo accesso a smartphone e tablet.

Quanto è emerso è allarmante ed è una conseguenza dell’abitudine che i genitori hanno dato ai propri figli mettendoli davanti ad uno schermo per invogliarli a mangiare. Quello che non sanno è che ciò può danneggiare il loro figlio. L’utilizzo di dispositivi elettronici a tavola può far insorgere nel bambino un rapporto conflittuale con il cibo. Distratti e storditi da filmati, canzoncine e giochi vengono bombardati da numerosi stimoli uditivi e visivi che vanno ad indebolire il gusto. I bambini, a lungo andare, inizieranno ad avvertire il piacere di stare a tavola, e del mangiare, come una costrizione e un gesto meccanico poco importante.

L’uso del tablet è comunque una conseguenza delle cattive abitudini familiari che i genitori portano avanti. Infatti, essi sono i primi che durante il pasto rispondono a telefonate, mandano mail o guardano la televisione. Per dare il buon esempio ai bambini, i genitori devono prima di tutto modificare i loro comportamenti e cercare di tenere tutti i loro dispositivi spenti durante i pasti.

Come rompere le cattive abitudini a tavola

Quello che i genitori devono tenere bene a mente è che la comunicazione e la condivisone a tavola è un fattore molto importante per un’armoniosa crescita del bambino sia a livello relazionale che affettivo.

Parlare con i propri figli a tavola è fondamentale, tenerli occupati con chiacchiere e racconti è stimolante per il bambino. Quindi genitori, via smartphone e tablet dal tavolo, parlate con i vostri figli e proponete piccoli giochi simpatici! Niente più giochi elettronici ma solo divertenti indovinelli, filastrocche e tante risate.

Vi diamo qualche spunto a riguardo: ad esempio con i bimbi al di sotto dei sei anni si possono fare dei simpatici giochi di magia facendo sparire la verdura in bocca oppure trasformando il cibo in piccoli animaletti. Invece per chi è già un po’ più grande è bene inventare indovinelli o piccoli esercizi di logica. Grazie a semplici iniziative da parte dei genitori, i piccoli di casa potranno scoprire il piacere della tavola e divertirsi con mamma e papà.

© Riproduzione riservata
Leggi anche