Aborto spontaneo? I sintomi più comuni

aborto spontaneo

Quando Katie Long (non è il suo vero nome) si mise seduta sulla sedia del suo ambulatorio per l’ecografia a 18 settimane, tutto quello che pensava era che il sesso del suo bambino fosse sorpresa. L’ aborto spontaneo è stata l’ultima cosa nella sua mente.
“Non vogliamo sapere il sesso!” disse con entusiasmo al tecnico.
Invece di rispondere, aveva messo la tecnologia ad ultrasuoni in pausa e la bacchetta sinistra in un mare di gelatina calda.
“Va tutto bene?” chiese, combattendo contro una dose massiccia di panico. Lei sentì suo marito stringerle la mano, ma lei non poteva guardare il monitor.
“Sto solo andando a chiamare il dottore. Torno subito,”ha detto il tecnico, che è corso fuori dalla stanza e ha chiuso la porta tranquillamente.
Invece della nausea o di una voglia di gelato, l’ aborto spontaneo..–la perdita prima delle 20 settimane – è in realtà l’evento più comune durante la gravidanza.

Circa il 30% delle gravidanze finiscono prima che una donna si accorga di essere incinta; si stima che circa il 15% delle gravidanze confermate finiscono con un aborto.
Ingrid Rodi, M.D., del The Fertility Center a Santa Monica, in California, consiglia alle donne incinte di conoscere i fattori di rischio ed i sintomi di aborto spontaneo, così possono sapere se sono a rischio e riconoscere i segnali che si possono ripetere.
Lei cita tra i fattori di rischio l’età materna avanzata, l’ essere sottopeso o sovrappeso, il diabete, l’ ipertensione, il fumare e il bere eccessivo. Se si notano segni di aborto spontaneo chiama immediatamente il tuo medico ed evita attività faticose o attività che coinvolgono la penetrazione vaginale, siccome quelle attività potrebbero peggiorare i sintomi. I segni di aborto spontaneo comprendono: Sanguinamento. Il Sanguinamento è in genere il primo segno di un aborto spontaneo, ma può essere fuorviante. “Circa il 30 per cento delle donne avrà sanguinamento durante la loro gravidanza,” dice la Dottoressa Rodi, “ma non tutte quante abortiscono “.

Contatta il medico al primo segno di sanguinamento così lui può controllare la tua salute e quella del tuo bambino.
Dolore. Il Dolore, soprattutto associato con altri sintomi come ad esempio il sanguinamento, è l’altro sintomo principale di un aborto spontaneo. Il dolore può collocarsi sull’ addome, sulla zona pelvica o sulla parte bassa della schiena e può variare da continuo a crampi. Può essere difficile distinguere se il dolore è normale, può essere comune durante la gravidanza iniziale siccome il tuo corpo si espande a causa dell’utero in crescita.
La diminuzione dell’ attività del bambino. La maggior parte degli aborti si verifica durante il primo trimestre, ma i segni di una perdita più tardi nel corso della gravidanza possono essere diversi. Uno dei modi principali per determinare la salute del tuo bambino è stare attenta alla sua attività. Se si nota una diminuzione improvvisa o drastica nella sua attività, assicurati che il tuo medico lo sapppia in modo da poter determinare se siano necessarie ulteriori prove.
Cambiamento nei sintomi della gravidanza.

Sintomi meno comuni ma ancora evidenti di un aborto spontaneo potrebbero includere una diminuzione nei sintomi legati alla gravidanza quali nausea e vomito o tenerezza del seno, secondo la Dottoressa Rodi. “Se c’è un brusco cambiamento prima del secondo trimestre, può essere dovuto una diminuzione degli ormoni della gravidanza,” spiega. Un esame del sangue per misurare i livelli di ormoni della gravidanza può essere fatto per determinare se la gravidanza è ancora vitale.
Purtroppo, non c’è nessun indicatore di aborto spontaneo, quindi assicurati di parlare con il tuo ginecologo se stai riscontrando uno qualsiasi di questi sintomi o hai preoccupazioni circa il tuo rischio di un aborto spontaneo.

  • Maggiori informazioni sulla Dottoressa Rodi e sul centro di fertilità
Leggi anche
famiglia_980x571
2 settembre 2015 0
Sembra quasi un requisito fondamentale quello di dare il doppio cognome al proprio figlio, all’estero. ...