Notizie.it logo

Cosa fare se il bimbo non vuole fare il bagno

cosa fare se il piccolo fa i capricci al momento del bagnetto

Può capitare che il vostro bambino non ami il momento del bagnetto e che faccia i capricci quando deve entrare nella vasca o nella doccia. Alcuni bimbi hanno delle reazioni forti, urlano, si agitano, scalciano e per i genitori far far una doccia o lavare i capelli ai piccoli diventa un’impresa quasi impossibile. Le motivazioni di questo comportamento possono essere tante, da un semplice fastidio per il sapone a dei disagi un po’ più profondi. Per semplificare la faccenda le mamme e i papà devono trovare degli stratagemmi affinché il lavarsi diventi un’esperienza positiva per i loro bambini.

Il primo elemento fondamentale da considerare è che se fanno resistenza a farsi lavare non bisogna assolutamente costringerli o trascinarli con la forza, perché per loro potrebbe essere ancora più traumatico.

Armatevi di santa pazienza e prendetevi del tempo. Potete innanzitutto trasformare la stanza da bagno in un luogo dove giocare, fateli avvicinare alla vasca e improvvisate un giochino di piccoli spruzzi, oppure riempite la vasca con dell’acqua, raccoglietene un po’ e mettetela in un barattolino o in una pistola sparabolle, create delle bolle di sapone e soffiatele in aria, vedrete che il vostro bambino si divertirà, inizierà a prendere confidenza con l’acqua, all’inizio solo bagnando le mani e le braccia e poi, piano piano, lascerà che anche il resto del corpo si bagni, in maniera naturale.

Anche introdurre nella vasca o nella doccia nuovi giocattoli, delle spugne colorate, delle saponette con diverse forme può essere un’ottima strategia e il momento del bagno sarà per il bimbo molto divertente.

Anzi quando siete al negozio potete far scegliere a lui la spugna, la saponetta e il giochino che vuole usare durante la doccia. Per abituarlo al lavaggio dei capelli potete all’inizio lavarvi i capelli insieme a lui, cantando nel frattempo delle canzoncine e giocando a far cadere la schiuma che avete in testa nel lavandino. Un’altra idea è fare in modo che il momento del bagno sia quello in cui il vostro piccolino o la vostra piccolina ascolti delle nuove fiabe raccontate da voi, così non vedrà l’ora di tornare il giorno dopo nella vasca per sentirvi narrare le avventure di qualche strano personaggio.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.