Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Come insegnare grazie e per favore ai bambini

parole magiche bambini

Come insegnare ai bambini le parole magiche del "grazie" e del "per favore" per un corretto sviluppo educativo

Educare al rispetto verso gli altri e alle buone maniere è compito dei genitori sin da quando i bambini sono piccoli. Insegnare a dire “grazie” e “per favore” è un dovere di mamma e papà al fine di crescere educati e rispettosi i propri figli. Scopriamo insieme qualcosa in più su queste paroline magiche!

Bambini: insegniamo le parole magiche

E’ di uso comune sentire i genitori esordire con “se mi dici la parolina magica, ti dò ciò che mi hai chiesto” oppure se ricevono qualcosa in dono da qualcuno subito la mamma o il papà dicono “e come si dice ora?“. Il per favore ed il grazie sono solo alcune delle parole che dovrebbero essere presenti sin da subito nel vocabolario di un bambino. Sin da piccoli è importante che i bambini comprendano le principali regole di vita, della buona educazione, del rispetto e della convivenza civile e sociale. Il grazie ed il per favore come lo “scusami”, il “permesso” e il saluto sono l’inizio di un percorso di formazione e di crescita educativa che devono essere insegnati dai genitori all’inizio e dagli educatori scolastici in seguito per uno sviluppo sociale e civile del bambino.

Trasmettere l’importanza delle buone maniere ed il rispetto per il prossimo sono due valori fondamentali affinché il bambino si adatti al contesto che lo circonda.

Formulare delle cortesie non dev’essere percepito e interpretato come sola formalità. Se così però accade, allora c’è il rischio che il bambino utilizzerà il “grazie” ed il “per favore” soltanto quando desidererà a tutti costi una cosa e smarrirà così il significato che si cela sotto le due paroline magiche. E’ di fondamentale importanza che il bambino capisca che non bisogna avere pretese e che le cose si ottengono con il rispetto, il giusto comportamento ed un gesto di gentilezza.

I modi per insegnare il “grazie” e il “per favore”

Come abbiamo già sottolineato, a chi spetta il compito di insegnare le parole magiche del “grazie” e del “per favore” sono i genitori. Ma come? Impegnandosi a dare il buon esempio. Grazie infatti all’emulazione i bambini imparano molte cose, come ad esempio a mangiare da soli con le posate o parlare. I bambini dai 4 ai 7 anni d’età tendono ad avere comportamenti emulativi e per cui sentire mamma e papà dire “grazie” e “per favore” renderà più facile l’apprendimento di queste paroline magiche.

Ma non basta solo ripeterle per far si che i nostri figli le assimilino il più velocemente possibile, è necessario far comprendere loro il significato di ciò che pronunciano.

Insegnarli quindi che il “grazie” indica gratitudine per la generosità espressa da qualcuno li farà diventare bambini riconoscenti e grati dell’impegno altrui. Il “per favore” insegnerà loro che ciò che vogliono non devono richiederlo come se fosse una pretesa o una cosa dovuta, ma che solamente con l’educazione e la gentilezza possono ottenere ciò che desiderano. E’ importante, inoltre, che per insegnare le paroline magiche ai bambini si utilizzino modi divertenti e giocosi. Ad esempio stimolare le buone maniere può essere fatto tramite canzoncine, giochi o raccontando storie.

© Riproduzione riservata
Leggi anche