Notizie.it logo

Bambini nati morti: le cause

Bambini nati morti: le cause

Nato morto è la perdita di un bambino poco dopo la 20° settimana di gravidanza. Ciò si verifica in una su ogni 160 gravidanze. Trattare con un feto morto non è mai facile.

Problemi della placenta
Secondo il March of Dimes, circa il 25 per cento di tutti i nati morti sono dovuti a problemi placentari. Distacco di placenta è il problema più comune placentare. Questa è una condizione in cui la placenta si distacca dalla parete dell’utero. Questo priva il bambino di ossigeno, che può portare alla morte. Sanguinamento pesante è un segno di distacco di placenta, e il fumo aumenta il rischio di una donna per questa condizione.

Crescita fetale Scarsa
Circa il 40 per cento di tutti i bambini nati morti stanno vivendo problemi di crescita nel grembo materno.

Si tratta di una percentuale elevata, ma molti bambini che vivono la scarsa crescita fetale hanno anche fare con altri problemi, tra cui difetti alla nascita e problemi placentari, che causano la scarsa crescita. Le donne che hanno la pressione alta, sono obese o fumano durante la gravidanza hanno un rischio maggiore di avere un bambino che non cresce alla velocità corretta. Gli ultrasuoni sono utilizzati per diagnosticare scarsa crescita fetale.
Difetti di nascita
Secondo l’American College degli Ostetrici e Ginecologi, tra l’8 e il 13 per cento di tutti i nati morti sono dovuti a anomalie genetiche. Difetti alla nascita come la sindrome di Down, la sindrome di Edward, trisomie, difetti cardiaci e di altre malformazioni strutturali possono causare il bambino a morire in utero.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche