Notizie.it logo

Come funziona tiralatte elettrico

tiralatte elettrico

Estrazione forzata del latte: tutto quello che bisogna sapere sul tiralatte elettrico, i suoi utilizzi, i suoi punti di forza e le sue criticità.

Possono esserci molte ragioni per cui la neo-mamma deve tirare il proprio latte, dalle difficoltà che possono insorgere nell’allattamento tradizionale al seno, alla volontà della madre stessa che può trovare più pratico e veloce tirarsi il latte. Sopratutto in questo secondo caso, il tiralatte elettrico rappresenta in assoluto lo strumento più adatto per dare al proprio bambino il latte materno in modo veloce e alternativo all’allattamento classico.

Tiralatte elettrico

Laddove l’allattamento al seno tradizionale non sia funzionale per mamma e bebè in quanto possono insorgere difficoltà di attacco, suzione o di altro genere oppure ancora quando è la mamma stessa a scegliere di estrarsi il latte in modo artificiale per ragioni lavorative o di altro tipo, ecco che viene in suo aiuto il tiralatte elettrico.

Questo strumento, piccolo e pratico funziona a pile o a batteria e riproduce l’azione di suzione che farebbe normalmente il bambino durante l’allattamento.

Il tiralatte elettrico è una soluzione pratica e veloce da utilizzare per dare il proprio latte al neonato per i primi suoi mesi di vita, mentre dopo i 6 mesi è già possibile passare al latte in polvere.

Il tiralatte elettrico riesce a spremere più latte in minor tempo e può essere utile se si è delle mamme molto occupate.

Esistono moltissimi modelli di tiralatte elettrici, ciascuno dei quali ha vantaggi rispetto agli altri e si rileva adatto in base alle esigenze specifiche di ogni donna e neo-mamma.

Punti di forza

Alcuni modelli di tiralatte elettrico hanno caratteristiche molto sofisticate come:

  • funzione di doppio pompaggio per permettere di tirare il latte da entrambe i seni contemporaneamente;
  • suzione personalizzata per imitare il meccanismo di suzione naturale del proprio bambino, così da consentire una produzione costante di latte come quando è il bambino a succhiare direttamente dal seno;
  • è possibile preparare il latte con anticipo sulla poppata così che il bimbo possa mangiare anche se la mamma non c’è;
  • consente di preparare una buona quantità di latte da dare in aggiunta quando il bambino, terminata la poppata al seno, ha ancora fame.

Criticità

L’unico “svantaggio” dei tiralatte elettrici è che essi non sono facilmente “portatili” come quelli manuali e sono un po’ rumorosi.

Questi strumenti infatti necessitano di essere collegati alla corrente per funzionare e il loro rumore può risultare un po’ fastidioso fuori dalle mura domestiche.

Altri sistemi elettrici

Tiralatte semi-automatici

Questi tiralatte sono dotati di motore elettrico e l’azione di suzione è regolata dalla mamma che può azionarla o interromperla quando ne ha la necessità.

La velocità di suzione adeguata viene raggiunta con questi strumenti semi-automatici in un tempo maggiore rispetto ai tiralatte automatici, sta alla mamma regolarsi e gestire il tempo dedicato all’estrazione del latte.

Tiralatte elettrico automatico

Questi tiralatte elettrici automatici sono stati pensati per riprodurre in maniera sempre più fedele la naturale suzione del bambino.

I tiralatte elettrici automatici hanno invece un motore elettrico.

Intensità e frequenza di suzione sono regolabili, dispongono di un doppio attacco per permettere di tirare il latte da entrambi i seni contemporaneamente.

Sistemi manuali

Tiralatte manuale

Tra le disponibilità del mercato ci sono anche i tiralatte manuali, ossia quegli strumenti che hanno l’impugnatura comprimibile con una mano sola.

Questi tiralatte sono manuali e azionati da una molla.

Leggero e facile da usare, questo tiralatte è adatto a un uso occasionale, non è ottimale per drenare il seno, ma lo si può usare per tirare il latte da un seno, mentre si allatta il piccolo all’altro.

Estrazione senza strumenti

Laddove l’allattamento naturale al seno andasse supportato con un’estrazione forzata, cosa che si rende spesso necessaria nei primissimi giorni dopo la nascita, nutrici e personale di reparto ancora in ospedale potrebbero consigliare l’estrazione manuale del latte.

Lo scopo di questa operazione è quello di stimolare il seno nella produzione di latte, alternandola alla stimolazione da suzione diretta del bambino.

Come la si pratica? Ecco come è necessario procedere:

  1. lavarsi bene le mani con acqua caldo-tiepida;
  2. posizionare sul seno un panno di acqua calda, lasciandolo per 2 minuti circa;
  3. rilassarsi e trovare la posizione più comoda, in poltrona o sul divano;
  4. posizionare pollice e indice sui dotti del seno e usare le restanti dita per formare una C a sostegno del seno;
  5. comprimere il seno verso la gabbia toracica e premere le due dita sui dotti mammari per agevolare la fuoriuscita di latte;
  6. allentare la pressione e ripetere l’operazione di compressione del seno e dei dotti per svuotare il seno.

Conservazione latte estratto

Il latte estratto in modo manuale o elettronico, in base alla soluzione adoperata, può essere raccolto in contenitori in plastica o in vetro con tappo a chiusura ermetica.

Il latte materno conserva le sue proprietà per poco tempo dopo l’estrazione.

Ma se non lo si può dare immediatamente al bambino, il latte può essere conservato a temperatura ambiente, in frigorifero oppure in congelatore, in base al momento in cui deve essere consumato.

Leggi anche: L’allattamento al seno e la clorella

© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • Abbigliamento neonato DisneyWalt Disney: vestiti per neonatiWalt Disney rappresenta da sempre il mondo dei bambini attraverso i propri personaggi classici, Topolino & Co. e altri volti (le ...
Littlelife Mini Trolley Coccinella - LittleLife
79 €
Compra ora
Mukako Scenario Brick Tower "Castello" - MUtable
19 €
Compra ora
Y Not? Borsa Donna a Tracolla Y NOT J-331 Champs Elysees
43 €
86 € -50 %
Compra ora
Burberry For Men - Tester (No Cap)
29.9 €
Compra ora