Quanto guadagna puericultrice a domicilio

Puericultrice: tariffe standard e forfettarie

Non si tratta di una tata né di una baby sitter; la puericultrice a domicilio è una figura professionale legalmente riconosciuta rientrante nelle Arti ausiliarie del servizio sanitario nazionale.
Si occupa di supportare le neomamme da un punto di vista teorico, morale e pratico, insegnando come adeguarsi al loro nuovo ruolo senza lasciarsi sopraffare da ansie e paure.

Mostra come cambiare un pannolino, migliorare l’approccio all’allattamento, gestire lo svezzamento, misurare la febbre, preparare le pappe, regolarizzare il sonno del bambino, controllare la regolarità dello sviluppo motorio, ludico e psicologico.
In molti casi, quando non ci sono nonni o altri parenti che possano offrire il loro tempo e la loro esperienza, può essere un aiuto davvero molto prezioso per i neogenitori.
Ma quanto costa una prestazione fornita da una puericultrice a domicilio?
E quanto si guadagna con questa professione?
Essendo un servizio privato, il costo varia considerevolmente da un operatore all’altro.

Il salario dipende da una combinazione di fattori: l’esperienza della puericultrice, le sue effettive mansioni e gli orari di lavoro, il luogo di residenza della famiglia che chiede la prestazione.
Mediamente, le puericultrici lavorano 24 su 24 per 5/6 giorni a settimana. Il loro compenso varia da 3000 a 4000 euro al mese. I contratti standard vanno da 3 settimane a 3 mesi rinnovabili. E’ possibile richiedere un servizio solo notturno: in questo caso, il costo medio è di 15/18 euro l’ora oppure, in via forfettaria, di 150 euro per notte.

Su puericulturaenaturopatia.it si trovano esempi di pacchetti per consulenze in puericultura che prevedono:
• 5 consulenze domiciliari post partum di un’ora al costo di 140 euro complessive (2 consulenze gratuite);
• per assistenza notturna: 150 euro a notte per periodi inferiori ai 5 giorni (12 ore per notte) e quote scontate per periodi più prolungati;
• 20 euro l’ora per assistenze diurne fino a tre ore giornaliere;
• Tariffe forfettarie per assistenze saltuarie superiori alle tre ore giornaliere (indicativamente 130 euro per otto ore al giorno).

Scritto da Caterina Carloni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come diventare puericultrice a domicilio

Vestiti neonata battesimo gennaio

Leggi anche
  • corso cannabinologiaUniversità: è nato un corso di laurea in Cannabinologia anche in Italia

    Sono ormai molti anni che la cannabis è tornata al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e dei governi di tutto il mondo e ora si studia all’Università.

  • lavoro onlineUn’opportunità di lavoro online sempre più in voga

    Molte madri desiderano arrotondare il proprio stipendio oppure generare delle entrate secondarie. Il Web viene in soccorso di chiunque abbia voglia di provare un business nuovo e in continua crescita, ovvero la vendita di intimo usato.

  • Loading...
  • Tornare al lavoro dopo il partoTornare al lavoro dopo il parto: cosa aspettarsi davvero?

    Il rientro dal congedo di maternità è un grande adattamento. Ecco come prepararsi al meglio…

  • Tirare il latteTirare il latte è un’espressione d’amore: ecco come procedere

    Come regola generale, dovreste tirare il latte una volta al lavoro per ogni poppata saltata. Ecco tutto ciò che dovreste sapere.

  • Tirare il latte al lavoroTirare il latte al lavoro: i migliori consigli per organizzarsi

    Sto per tornare al lavoro e ho intenzione di tirare il latte lì. Come posso prepararmi in modo efficace?

Contentsads.com