Donatrici di ovuli: quello che serve

Uova di una sconosciuta

Circa il 15% delle coppie americane lotta contro la sterilità. E quando non funzionano i farmaci per la fertilità, la fecondazione in vitro e le altre tecnologie di fertilità, le coppie che possono permetterselo stanno cercando donatrici.

Alcuni annunci sui giornali dei college offrono circa $10.000 per le uova sane senza anomalie, una somma che potrebbe comprare mezzo semestre presso alcune scuole private. È un’allettante somma di denaro per molte donne finanziariamente legate ai college. Ma i critici dicono che gli annunci spesso si concentrano sulla disperazione di coppie infertili e i soldi che possono essere disposti a spendere e sorvolare gli obblighi e i rischi per il donatore.

L’American Fertility Association, che fornisce informazioni per coppie che hanno difficoltà a concepire un bambino, dice la donazione di ovociti può significare la differenza tra l’ essere senza figli e una famiglia felice per una coppia senza figli.
Ma questo nobile contributo da una giovane donna richiede anche farmaci, almeno un impegno di tempo mensile e un rischio, anche se piccolo, di complicazioni mediche. Gli psicologi che lavorano con le donatrici di ovuli dicono che le potenziali donatrici devono anche rendersi conto che stanno creando un bambino che non potranno mai riconoscere o con cui potranno avere una relazione.

Domande da porre da parte delle donatrici

Il Dr. Fred Licciardi, direttore del programma sulle donatrici di uova degli ovociti e direttore associato di endocrinologia riproduttiva presso la New York University School of Medicine di New York City, dice che ogni potenziale donatrice dovrebbe fare queste domande alla clinica della fertilità o al medico che lì lavora:

  • Chi paga per il trattamento o l’ospedalizzazione se c’è una complicazione?
  • Quali informazioni avrà il destinatario circa la donatrice?
  • Che cosa accadrà alle uova della donatrice?
  • Saranno date a più destinatari?
  • Gli embrioni risultanti potrebbero essere congelati?
  • Potrebbero essere utilizzate per la donazione di embrioni? Che ne pensano circa la ricerca?
  • Possono i bambini nati in seguito alla donazione di ovociti mai trovare la donatrice?

Il Dr.Licciardi avverte le potenziali donatrici di ovuli che devono essere realistiche circa le loro motivazioni per la donazione di uova .

Molte donne che donano sono in realtà giovani già madri che vogliono fare qualcosa di buono per qualcun altro. E mentre gli annunci promettono decine di migliaia di dollari, questi numeri possono essere fuorvianti. Le tasse in tutto il paese, in realtà variano da $5.000 a $7.000, oltre alle spese mediche. È una bella somma, ma per le donatrici di ovuli sarà almeno un mese del loro tempo, insieme a molte delle loro attività quotidiane.

Come funziona

Mentre le regole variano da programma a programma, lavorando con le più rinomate cliniche le donatrici di ovuli devono aspettarsi una batteria di test medici e psicologici, tra cui un esame medico, esami del sangue ed esami per malattie sessualmente trasmissibili. Le potenziali donatrici di ovuli incontreranno anche un genetista per discutere la storia medica della loro famiglia al fine di identificare le condizioni trasmissibili, come la fibrosi cistica, che potrebbe escluderle dall’ essere donatrici. Il Dr. Licciardi consiglia di respingere programmi che facciano lo screening per telefono o per posta.
Una volta che le donatrici sono medicamente, psicologicamente, e geneticamente selezionate, il loro profilo anonimo sarà abbinato alle coppie infertili alla ricerca delle loro caratteristiche. Questo processo potrebbe richiedere diversi mesi. Le coppie cercano una varietà di caratteristiche nelle donatrici, spiega il Dr. Richard Scott, direttore di riproduttivo di Medical Associates a New York City.
“Vediamo tutti i tipi di opinioni diverse su cosa le coppie sono alla ricerca in una donatrice Non sono necessariamente interessate al fatto che queste donne siano belle o no,”dice il Dr. Scott. “Devono essere sane e intelligenti, quasi sempre finiscono come il numero uno e numeri due fattori che i genitori destinatari sono alla ricerca di un donatore. Ma oltre a ciò, i destinatari cercano cose molto diverse. Qualcuna che abbia un background religioso simile, per esempio.”
Una volta scelta la donatrice di ovuli dovrà sopportare due o tre settimane di iniezioni di ormoni, i quali possono provocare cambiamenti d’umore occasionali. Le donatrici di uova dovranno fare anche molti esami del sangue e molte ecografie per monitorare l’avanzamento delle uova prima del prelievo degli ovociti.
“Stiamo in realtà dando loro lo stesso tipo di farmaci che un paziente infertile avrebbe preso durante un ciclo. Ecco perché le donatrici di ovuli devono essere monitorate con molta attenzione, perché se si dà loro troppo o troppo poco ormone, è molto pericoloso, “spiega il dottor Scott. “Il ciclo, quando in realtà cominciano il trattamento, in genere dura 2-3 settimane. Durante quel periodo loro possono prevedere di vedere le uova sei sette volte, oltre il recupero.”
Il recupero avviene nell’ ambulatorio di un medico o in ospedale, solitamente in anestesia generale. Un ago viene inserito attraverso la vagina nelle ovaie, dove le uova vengono rimosse. La procedura richiede circa 15 minuti. Le donatrici sono in genere in grado di tornare a casa dopo un’ora o due dopo l’intervento e possono tornare alle normali attività il giorno successivo. L’ esercizio fisico deve essere limitato per tutto il periodo di iniezione e per due settimane dopo il prelievo degli ovuli. Le Donattrici di solito hanno il loro ciclo a circa 10-14 giorni dopo il recupero.

I Rischi delle donatrici

I rischi fisici per la donatrici sono rari ma possibili, dice il Dr. Licciardi. L’ iperstimolazione delle ovaie può verificarsi se le ovaie sono troppo sensibili ai farmaci e diventano più grandi di solito, il ciò richiede l’ospedalizzazione. I medici di solito possono evitare questo diminuendo la dose di farmaci come nel ciclo procede, se necessario, o di arresto del ciclo, se sembra che si stia verificando l’iperstimolazione. Mantenere gli appuntamenti al check-up può contribuire ad evitare il rischio.
Il sanguinamento e le infezioni durante il prelievo degli ovociti sono molto rari, ma possono verificarsi e richiederebbero antibiotici o una trasfusione.
Non c’è generalmente nessun rischio per la fertilità della donatrice più tardi dice il Dr. Licciardi, a meno che non abbia sviluppato un’infezione severa durante il processo.
Originariamente creato per AmericanBaby.com, con ulteriore segnalazione di Stephanie Jones Wagle, giugno 2004.

Scritto da Carla Lezzeni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Costumi da bagno per bambini: quali scegliere sul web

Protezioni solari per bambini: le migliori sul mercato

Leggi anche
  • mamma surrogataVip e mamme surrogate, chi l’ha fatto

    Avere un figlio per molti è un sogno che diventa realtà, ma se i rischi sono tanti o la natura non aiuta ecco l’alternativa all’adozione!

  • Vestiti per sembrare più magra dopo il partoVestiti per sembrare più magra dopo il parto
  • Vestiti per colpireVestiti per colpire
  • come eseguire la posizione dell'aratroVantaggi posizione kamasutra dell’aratro per rimanere incinta
  • 
    Loading...
  • Vantaggi allattamento al senoVantaggi allattamento al seno
Entire Digital Publishing - Learn to read again.