Depressione dopo il parto: cos’è e perché si verifica

Sebbene il baby blues sia normale, i sintomi che non si attenuano dopo una o due settimane potrebbero indicare una depressione post-partum.

La depressione dopo il parto è un fenomeno a cui prestare particolare attenzione. È normale sperimentare il “baby blues”, che colpisce il 70-80% delle donne. È causato da un improvviso cambiamento degli ormoni dopo il parto. Questi sbalzi ormonali, insieme alla mancanza di sonno, allo stress, alla stanchezza e persino all’isolamento, possono far sentire le donne emotive e sopraffatte.

Sebbene il baby blues sia perfettamente normale, i sintomi che non si attenuano dopo una o due settimane potrebbero invece indicare una depressione post-partum. Da non confondere con il baby blues, la depressione post-partum (PPD) dura più a lungo, è più grave e colpisce la salute mentale e comportamentale della mamma.

Classificata come disturbo depressivo maggiore, influisce anche sul funzionamento quotidiano della mamma o sulla sua capacità di prendersi cura del bambino.

Sintomi della depressione dopo il parto

La depressione post-partum (PPD) è una grave malattia mentale che non deve essere ignorata. Questa patologia colpisce circa 1 mamma su 7 entro il primo anno dal parto. Quasi la metà non riceve una diagnosi o non cerca un trattamento/supporto. La sindrome da stress post-partum può non essere uguale per tutte le mamme. Ma in genere è caratterizzata da sentimenti di rabbia, disperazione, irritabilità, tristezza o inutilità.

Le donne che ne soffrono possono avere momenti di pianto incontrollabile, hanno perso interesse per le attività che un tempo amavano, hanno problemi a dormire (o dormono troppo), o hanno una mancanza di interesse per il bambino e possono avere difficoltà a creare un legame.

Cause e fattori di rischio del post-partum

  • Ormonale
  • Storia familiare
  • Cambiamenti fisici
  • Psicologici
  • Stile di vita

Trattamenti

Se non trattata, la depressione post-partum può lasciare le neomamme con un senso di disorientamento e di mancanza di speranza. Questo rende più difficile per loro assimilare di nuovo la loro vita normale e le loro routine. Il riconoscimento e il trattamento precoce possono aiutare le donne a riprendersi più velocemente e a prendersi cura di loro stesse e dei loro bambini.

Il trattamento per la PPD varia e dipende dalla gravità del caso, che viene stabilita dopo uno screening della depressione materna. Le opzioni possono includere farmaci ansiolitici, antidepressivi o psicoterapia. Tuttavia, per le mamme che esitano ad assumere farmaci, la consulenza può essere la prima linea di trattamento.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cos’è l’involuzione uterina: tutto ciò che c’è da sapere

Come gestire gli ospiti in casa come neomamma

Leggi anche
  • zuppa di polloZuppa di pollo con farro e funghi shiitake

    Una saziante e deliziosa zuppa ricca di nutrienti essenziali.

  • ginger sickness 125104224 resizedZenzero contro la nausea
  • Loading...
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • 174Yogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • untitled 119Yoghurt senza zucchero
Contents.media