Come funziona l’induzione al parto? Tutto ciò che si deve sapere

Il medico può stabilire che è giunto il momento di indurre, o avviare, le contrazioni del travaglio. Ecco come.

Come funziona l’induzione al parto? Al giorno d’oggi gli operatori mirano a portare a termine tutte le gravidanze, o fino a 39 settimane, il che significa che il travaglio non dovrebbe essere indotto elettivamente prima di allora.

Ma a volte si verificano situazioni in cui la natura ha bisogno di una piccola spinta.

Ecco perché il vostro medico potrebbe indurre il travaglio e cosa aspettarsi se vi capita.

Cosa significa indurre il travaglio?

Il medico può stabilire che è giunto il momento di indurre, o avviare, le contrazioni del travaglio utilizzando farmaci o altri metodi se la gravidanza è posttermine (cioè se avete raggiunto le 42 settimane) o se la vostra salute o quella del vostro bambino è a rischio.

Perché il medico può indurre il travaglio?

Ci sono diversi motivi per cui il medico può decidere di indurre il travaglio, tra cui:

  • Siete in ritardo di gravidanza. Se non ci sono segni di azione da parte dell’utero, il medico può indurre il travaglio intorno alla 42a settimana.
  • C’è una complicazione. A volte condizioni come la preeclampsia, il diabete, il diabete gestazionale, problemi con la placenta o problemi con il liquido amniotico (bassi livelli o infezioni) rendono rischioso il proseguimento della gravidanza.
  • Le membrane si sono rotte. Se le acque si sono rotte e le contrazioni non sono iniziate da sole entro 24 ore, il medico può indurre il parto.
  • Il vostro bambino non sta crescendo. Se gli esami indicano che il bambino è abbastanza maturo per il parto, il medico può optare per l’induzione.

Come funziona l’induzione al parto? Tutto ciò che si deve sapere

Se si rende necessaria l’induzione del travaglio, il processo prevede una serie di fasi, anche se di solito non tutte:

Maturazione della cervice.

Di solito il collo dell’utero si apre naturalmente da solo quando siete pronte per il travaglio. Tuttavia, se la cervice non mostra segni di dilatazione ed effusione (ammorbidimento, apertura, assottigliamento) per consentire al bambino di lasciare l’utero e di entrare nel canale del parto, il medico dovrà avviare la maturazione.

Stripping delle membrane. Se la sacca delle acque (sacco amniotico) è ancora intatta, l’ostetrica può avviare il travaglio passando un dito sulle sottili membrane che collegano il sacco amniotico. Questo fa sì che l’utero rilasci prostaglandine, proprio come se il travaglio iniziasse naturalmente, il che dovrebbe a sua volta provocare l’ammorbidimento della cervice e l’inizio delle contrazioni. Questo processo non è sempre indolore e, sebbene non sia destinato a far rompere le acque, a volte lo fa.

Rottura della membrana. Se la cervice ha già iniziato a dilatarsi e ad effondersi da sola, ma le acque non si sono ancora rotte, il medico può far partire le contrazioni rompendo artificialmente le membrane. In altre parole, romperà manualmente la sacca d’acqua che circonda il bambino utilizzando uno strumento che assomiglia a un lungo uncino con una punta affilata.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nomi arabi femminili: idee rare e straordinarie

Come capire quanto manca al parto: una guida utile

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.