Notizie.it logo

Troppi castighi?

Troppi castighi?

“Abbiamo iniziato di recente a mandare in castigo la nostra bambini di due anni e mezzo, ma mio marito lo fa per qualsiasi cosa, dal picchiare al rifiutarsi di ritirare un giocattolo! Dovremo lasciar perdere qualcosa?”

Forse vostro marito ha bisogno di un po’ di tempo nell’angolo, sapete per calmarsi un po’ riguardo la faccenda delle punizioni. Vostra figlia ha due anni, i “terribili due”, e nessuna quantità di castighi farà in modo che un essere umano che è sulla faccia della terra da solo 30 mesi si comporti perfettamente. Ciò non significa che le punizioni non servano. La regola è un minuto di castigo per ogni anno di età. Ma siate giudiziosi: usatelo solamente per offese gravi e solo come ultima spiaggia, altrimenti il comportamento di vostra figlia non cambierà.

Mandare la vostra bambina in un angolo per aver gettato sbadatamente un orsacchiotto a terra vi farà ottenere solo qualche minuto di lacrime seguito da un’altra sbadataggine garantita. Un’altra opzione per piccole infrazioni? Ricompensare il buon comportamento è un inizio: se raccogli l’orsacchiotto ricevi un abbraccio. Darle tre possibilità di fare quello che le avete detto è un’altra buona opzione. Le offre la possibilità di pensare alle sue azioni e riflettere sulle conseguenze. Poi c’è la vecchia tattica di ignorare, quella che lascia il bambino di due anni essere semplicemente un bambino di due anni. A quell’età buttano le cose per terra e fanno confusione. E diventano un po’ vivaci a volte. Ma è un comportamento normale e non va punito.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • Come fare passeggiata con i figliCoronavirus, consentita la passeggiata con i figli: come fare

    Il 31 marzo 2020 è stata divulgata una circolare da parte del Viminale che consente la passeggiata ai figli minori accompagnati da un solo genitore nei pressi dell’abitazione. Bisogna chiarire come fare e quali sono le norme da rispettare.